Carabinieri (iStock)

Le figlie di Maria e Andrei Cegolea hanno scritto un appello per chiedere aiuto. Il padre ha prima ucciso la moglie e poi si è tolto la vita, dopo una lite.

In provincia di Pesaro si è consumato l’ennesimo atto di violenza sulle donne. Maria Cegolea di 42 di origine moldava è stata trovata senza vita da alcuni parenti. Ad ucciderla è stato il marito, Andrei, anche lui di origine moldave di 47 anni che, dopo aver strangolato la moglie con un asciugamano si è impiccato.

A dare l’allarme sono state le figlie della coppia che si trovavano in vacanze in Moldavia, che preoccupate perché da diverse ore non avevano notizie della madre, hanno chiesto a dei parenti di andare a controllare se fosse successo qualcosa.

Uccisa dal marito per una lite, l’uomo si suicida: le figlie fanno un appello su Facebook

Maria è stata uccisa dal marito geloso che aveva cacciato di casa, ma lui ritornava di frequente e dopo l’ultimo litigio l’ha prima colpita in testa, forse con un bidet, e poi strangolata con un asciugamano, come riportato da FanPage. Il marito geloso si è, più tardi, tolto la vita impiccandosi in un capanno degli attrezzi: i due hanno litigato violentemente prima di morire, come testimoniano lividi e ferite su entrambi i corpi.

Andrei era ossessionato dall’idea del tradimento di Maria nonostante la separazione risalente ad un anno fa. Aveva però mantenuto le chiavi di casa e la moglie non ne poteva più della sua assurda gelosia come confermano le figlie: “Non ne poteva più della gelosia di mio padre, spesso l’aveva picchiata anche di fronte a noi che rischiavamo di prenderle ma nostra mamma non aveva mai voluto denunciarlo. Diceva che altrimenti l’avrebbe rovinato. Pensavamo che fosse stato sufficiente farlo uscire di casa per tranquillizzarlo. Invece lui veniva tutti i giorni da noi ed aveva mantenuto le chiavi. L’ultima volta che abbiamo sentito la mamma risale alla notte tra venerdì e sabato. Diceva che non aveva voluto riprendere nostro padre in casa e l’aveva fatto uscire dicendogli di tornare a dormire nella sua camera presa in affitto a Pantano. Non si sentiva in pericolo”.

Maria Cegolea. Credits: Il resto del Carlino
Andrei Cegolea. Credits: Facebook di Andrei Cegolea

Le figlie di 15 e 23 anni si trovavano in quei giorni in Moldavia in vacanza, adesso si ritrovano, all’improvviso, senza i due genitori.


Nadiusha Cegolea. Credits: Pagina Facebbo di Nadiusha Cegolea

Nadiusha Cegolea, la sorella maggiore ha lanciato, attraverso un post su Facebook , un appello: “E’ difficile credere che non hai più genitori, che nessuno si prenda cura di te, non avere più consigli da un genitore… Da 2 giorni siamo sole al mondo, siamo rimaste 2 sorelle che per tutta la vita sentiranno il vuoto nell’anima, questo dolore che nessuno e nessuno potrà mai risolvere. Ma Dio è con noi e lui si prende sempre cura, non ho parole per descrivere tutta la situazione che è successa nella mia famiglia. Ma ci sono tante brave persone che vogliono aiutarci con il sostegno, con un consiglio o dei soldi. Abbiamo bisogno di aiuto, perché so che non ho il diritto di chiedere niente a nessuno, ma non ho altro modo. Grazie mille a tutti con tutto il mio cuore, e grazie a tutti quelli che sono con me ora perché ho molto sostegno da parte dei parenti e degli amici e grazie a Dorothy sono forte e sarò sempre così difficile da non combattere sempre. Vi prego con tutto il mio cuore e la mia anima è distrutta ora se avete la possibilità e riuscite ad aiutarci potete farlo“.

Ha poi pubblicato l’IBAN da utilizzare se si desidera effettuare per un bonifico. Le due ragazze sono rimaste senza casa, sequestrata dalle forze dell’ordine.

Leggi anche > Violenza contro le donne: il Senato ha approvato il “Codice Rosso”

Voi unimamma sapevate di questa brutta vicenda familiare?