Home Mamma & Co. Accade nel mondo Una bimba di 8 mesi è viva grazie al suo cagnolino –...

Una bimba di 8 mesi è viva grazie al suo cagnolino – FOTO

CONDIVIDI

Unimamme, oggi vorremmo condividere con voi la bellissima storia che dimostra le fedeltà dei nostri amici a 4 zampe.

La storia di un eroico cane

Erika Poremski è una mamma che è stata messa alla prova da un drammatico evento. Una sera la donna è uscita di casa per pochi minuti per ricaricare il telefono quando, improvvisamente, la sua casa è stata avvolta dalle fiamme.

Erika ha provato a tornare in casa per salvare la figlia Viviana di 8 mesi, ma le fiamme e il fumo gliel’hanno impedito.

“Il tetto ha cominciato a cedere e la porta è collassata, non potevo rientrare, sentivo mia figlia piangere ma non potevo raggiungerla. Cercavo di fare del mio meglio ma non ci riuscivo, è stata la sensazione peggiore del mondo” ha raccontato la donna su Abc2news.

Vedendo l’incendio anche alcuni vicini hanno tentato di entrare, inutilmente. “Hanno preso a calci le porte, distrutto le finestre, ma nessuno è riuscito a entrare”.

Alla fine i pompieri sono riusciti ad estrarre la figlia di Erika.

La sua mamma temeva il peggio, ma è rimasta stupita vedendo che la figlia era sopravvissuta.

La piccola, trasportata subito in ospedale, aveva il 30% del corpo ustionato, ma è riuscita a farcela grazie al sacrificio del cane di famiglia: Polo, che l’ha protetta dalle fiamme stendendosi sopra di lei.

Grazie a lui Viviana ha bruciatore solo su un lato del corpo. Polo è rimasto con lei per tutto il tempo, non è sceso dalle scale per scappare”ha aggiunto al donna sull’ Indipendent.

Se non fosse stato per Polo, sicuramente la bambina non ce l’avrebbe fatta.

Per lei è stata allestita anche una raccolta fondi che ha radunato 47.814 dollari.

Unimamme, cosa ne pensate di questa storia?

Per fortuna la piccola è sopravvissuta, ma porterà sul corpo le cicatrici di quanto accaduto.

Noi vi lasciamo con un’altra storia in cui un cane ha salvato la padrona e suo figlio grazie al suo fiuto.