Unimamme, iniziare scuola e asilo rappresentano due momenti molto importanti per la crescita dei bambini, per alcuni può procedere tutto molto naturalmente, ma qualcun altro potrebbe avvertire ansia all’idea del distacco.

Il distacco dalla mamma è difficile: ecco un buon rimedio

Una mamma, Louise Mallett, ha trovato un modo per aiutare suo figlio durante il primo giorno di scuola.

“Il mio piccolo oggi ha frequentato il suo primo giorno di scuola per intero, dal momento che per due giorni aveva frequentato solo il mattino per ambientarsi.

Posso dire che oggi si sentiva un po’ emotivo, quindi abbiamo fatto una chiacchierata e abbiamo deciso di condividere un cuore ciascuno sulla mano e se l’avessimo toccato avremmo inviato un abbraccio l’uno all’altra (ha detto che ha pianto il primo giorno, perché gli mancavo quando ha frequentato mezza giornata settimana scorsa) e ha completamente funzionato.

Ho disegnato un cuore su entrambe le nostre mani e ne ho dato uno di riserva in caso uno sulla sua mano si consumasse.

Li abbiamo caricati tenendoci per mano sulla strada verso la scuola, quando sono andata a prenderlo gli ho chiesto se avesse ricevuto i miei abbracci e lui ha felicemente risposto che sì, li aveva ricevuti!

Ha detto “ho premuto a lungo, mamma, ma non ho pianto!”. Quindi ho risposto “ah quindi quello è stato il grande abbraccio che ho ricevuto e tu hai ricevuto il mio?”.

Lui ha risposto di sì. Che Dio lo benedica.

Lui è diretto verso molti altri felici giorni di scuola mentre io siedo a casa con il cane e piango per il fatto che tutti i miei figli ora siano a scuola.”

L’idea che Louise ha esposto su Facebook è diventata virale guadagnando 792 Like e 280 condivisioni.

Secondo un’indagine di Psycholgoy Today l’ansia è un fattore comune nei bambini che frequentano la scuola, il 10-20% di loro ne soffrono.

Louise è stata molto brava a comprendere le paure del figlio, lo ha incoraggiato ad affrontarle, senza porre un’aspettative per un risultato perfetto.

L’invenzione del bottone ha fatto sapere al bimbo che la mamma c’era per lui, in caso avesse avuto bisogno di lei.

Unimamme, voi prenderete di esempio ciò che ha fatto questa incredibile mamma?

Noi vi lasciamo con alcuni consigli per gestire il distacco dal figlio all’asilo.