Vaccinarsi in gravidanza aiuta a prevenire una grave malattia nei bambini

La scienza sostiene che vaccinarsi in gravidanza non sia pericoloso e che aiuti la prevenzione di una malattia mortale come la pertosse.

Si sa che le vaccinazioni vengono vissute in maniera controversa e che soprattutto vaccinarsi in gravidanza può spaventare, ma potrebbe essere la miglior possibilità di eliminare alcune malattie molto gravi come la pertosse. Un nuovo studio del Centers for Disease Control and Prevention (CDC) pubblicato nel giornale  Clinical Infectious Diseases dimostra che vaccinarsi per tetano, difterite e pertosse nel terzo trimestre riduce drasticamente il rischio di sviluppare per il feto la pertosse, che può essere fatale nei neonati. 

Vaccinarsi in gravidanza è utile 

Prendendo in considerazione i dati di 6 Stati degli US, i ricercatori hanno dimostrato che il vaccino in gravidanza può prevenire molti casi di pertosse.  “I nostri studi hanno dimostrato che vaccinarsi in gravidanza – tra la 27esima e la 36esima settimana – è efficace per il 78% nel prevenire la pertosse nei bambini che hanno meno di 8 settimane, quando sono troppo piccoli per ricevere il primo vaccino” dice uno degli autori della ricerca, Paul Cieslak al sito parents.com.

Nel 2012 il CDC – Centre for Disease  Control and Prevention – ha raccomandato che ogni donna incinta si sottoponesse al vaccino in ogni gravidanza: “se una madre è esposta alla malattia, creerà degli anticorpi che darà questi anticorpi al figlio in utero e inizialmente nel latte” dice David F. Colombo del Maternal Fetal Medicine at Spectrum Health in Grand Rapids, Michigan. “Fornire il vaccino nel terzo trimestre assicura che la madre possa dare dei livelli di anticorpi più alti per la pertosse, in modo che possa darli al feto”.

Nel nuovo studio, le madri dei bambini che si sono ammalate non erano state vaccinate. “Non abbiamo dubbi che i neonati, soprattutto quelli di meno di due mesi, hanno un’alta probabilità di avere la pertosse, un alto rischio che comporta il ricovero in ospedali e in molti casi anche la morte“. dice Dr. Cieslak.

Nonostante quello che dicono i siti antivaccinisti, vaccinarsi in gravidanza è un’arma per prevenire una malattia mortale.I dati ci dicono che il vaccino sia sicuro in gravidanza. Gli studi hanno coinvolto centinaia di donne che non hanno avuto nessun rischio con i bambini”.  “Sappiamo anche che vaccinare la mamma e i membri della famiglia dopo che il bambino è nato non funziona così bene” dice Cieslak. Invece vaccinarsi in gravidanza è il metodo migliore: “E’ veramente confortante sapere che abbiamo una strategia che funziona davvero” dice il medico.

E voi unimamme vi siete mai vaccinate in gravidanza? Intanto vi lasciamo con il post che parla di un neonato di 2 mesi ricoverato per la pertosse, visto che il fratello non era vaccinato.  

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta