Giorgia MaronL’incredibile ed eroico gesto di Irene, una bimba di 8 anni finita con l’auto dentro a un canale insieme alla sua mamma.

È un lunedì come tanti a Legnago, in provincia di Verona. Sono le 8 del mattino, e Giorgia Maron e sua figlia Irene, 8 anni, salgono in auto. Dopo aver accompagnato la piccola alla scuola primaria Giorgia sarebbe andata al lavoro, e la giornata sarebbe trascorsa come tante altre.

Ma appena uscite dal vialetto di casa, Giorgia si accorge di aver dimenticato di lasciare le chiavi di casa alla signora delle pulizie, appena arrivata sul posto. Giorgia scende dall’auto al volo e lascia le chiavi alla signora che guardando alle sue spalle, allarmata, la avverte che la sua auto sta camminando da sola. Giorgia si volta, e rimane pietrificata per un istante: si è dimenticata di mettere il freno a mano e l’auto, dotata di cambio automatico, sta scivolando verso il canale Bussè, con Irene all’interno.

LEGGI ANCHE: Napoli: butta fuori dall’auto in corsa moglie e figlia di 1 anno, poi ingrana la retromarcia

Giorgia fa uno scatto, e riesce a rientrare in auto. Ma è troppo tardi: l’auto finisce nel canale, che le inghiotte entrambe. Mentre il veicolo raggiunge lentamente il fondo, 4 metri sotto la superficie dell’acqua, la piccola Irene chiede alla sua mamma «Stiamo morendo?».

«Sì, ma siamo insieme» le risponde Giorgia, slacciando la cintura del seggiolino della piccola. Mentre la mamma tenta disperatamente di frantumare il parabrezza, con l’acqua che comincia a entrare nell’abitacolo, Irene ha un’idea tanto semplice quanto efficace: la piccola preme il pulsante dell’alzacristalli elettrico e il finestrino comincia a scendere, creando una via di fuga per le due prigioniere.

Giorgia e Irene riescono a uscire dall’abitacolo, e raggiungono a nuoto la riva. «Siamo stati davvero fortunati, non smetterò mai di dirlo – ha dichiarato a l’Arena Daniele Bano, il padre della piccola – Ed Irene, che è una bambina molto sveglia, è stata eccezionale». Mamma e papà assicurano che Irene non ha subìto alcuno shock, e che, anzi, ha chiesto di tornare subito a scuola per poter raccontare a maestra e compagni la sua incredibile avventura.