5 consigli degli esperti su quanto spesso bisogna lavare i vestiti (VIDEO)

Vi siete mai chiesti con che frequenza dobbiamo lavare i nostri capi di abbigliamento?

A parte la normale sporcizia che possiamo accumulare sui nostri abiti a seguito di attività fisica o macchie di alimenti, ecc… gran parte deriva da noi stessi. Gli esseri umani sono “disgustosi”, perdono enormi quantità di cellule, secernono sudore, le persone perdono addirittura 500 milioni di cellule della pelle e 1 litro di sudore ogni giorno.

Di suo il sudore non ha un cattivo odore, il problema si pone quando i batteri lasciano la nostra pelle, banchettano con il sudore e le cellule della pelle rompendo le proteine ad essi associate e dando origine al cattivo odore.

Per esempio lo staphylococcus epidermidis bacteria vive sulla nostra pelle diffondendo aminoacidi nel nostro sudore facendo sì che il sudore abbia l’odore di acido isovalerico, lo stesso che fa la sua comparsa nei formaggi forti e nelle birre fatte male.

Ma è il sudore delle ghiandole apocrine che ci fa emanare cattivo odore. Si tratta di sudore che proviene dalle zone genitali, oppure dal seno o dalle ascelle.

Non si tratta solo di batteri che possono essere facilmente debellati con una corretta igiene personale, ma anche di altri che diffondono infezioni. Nel 2006 in un college americano c’è stata un’epidemia di methicillin – resistant staphilococcus aureus causato dall’abitudine dei giovani di condividere gli asciugamani.

Quindi come possiamo assicurarci che i nostri abiti siano sempre puliti?

I prodotti chimici usati durante il lavaggio sono ottimi, il cuore della loro efficacia è il principio tensoattivo che rende le cose macchiate solubili in acqua grazie al potere idrofilo e idrofobico. 

Quando lavate la vostra t shirt sporca la parte idrofobica raduna il grasso presente mentre quella idrofila caccia via lo sporco.

Quando dovremmo lavare i nostri vestiti?

  • Le magliette, le mutande e magliette intime dovrebbero essere lavate regolarmente,
  • Stessa regola vale per le calze: lo sporco accumulato nelle scarpe è un concentrato di batteri che rende le calze puzzolenti, basta fare un veloce test del naso anche solo dopo averle indossate per un giorno.
  • Per quanto riguarda gli asciugamani ricordate che raccolgono schegge di pelle e batteri, sono inoltre il luogo perfetto per la riproduzione dei germi. Gli esperti consigliano di lavarli dopo 3 usi e soprattutto non lasciateli umidi sopra il cesto della biancheria.
  • Per quanto riguarda il pigiama si consiglia di lavarlo dopo una settimana per il rischio di infezioni da batteri della vostra pelle.
  • Infine, quanto spesso lavate i vostri jeans? Molti consigliano di aspettare più che potete. L’obiettivo è quello di tenere il tessuto rigido e scuro. Il Ceo della Levis avrebbe detto di aver avuto un paio di jeans che ha lavato dopo un anno. Alcuni suggeriscono di aspettare addirittura 6 mesi prima di lavarli e riferendosi jeans larghi, da vecchio West. Per quelli alla moda come gli skinny jeans considerate i punti con i quali sono stati a contatto: è quindi chiaro che dovrebbero essere lavati con più frequenza.

Unimamme e voi come vi regolate con la biancheria? Quella dei bambini, ad esempio, ogni quanto la lavate?

Lascia un commento