Aumento pensioni: la notizia che tutti stavano aspettando, cosa sta succedendo

Aumento pensioni: la notizia che tutti stavano aspettando finalmente è arrivata, ecco che cosa sta succedendo e cosa c’è da sapere.

Quando si parla di pensioni in Italia gli animi tendono a scaldarsi immediatamente. Esse, infatti, sono sempre troppo basse e arrivano sempre troppo tardi.

Aumento pensioni
Aumento pensioni. Credits: Pixabay

Ad oggi per lasciare il mondo del lavoro nel nostro Paese bisogna avere 67 anni di età. In alternativa, è possibile accedere alla pensione con qualche anno di anticipo, ma solo in cambio di una significativa penalizzazione sull’assegno mensile. A tal proposito, attualmente il Governo Meloni è al lavoro per cercare di introdurre una serie di misure che possa favorire l’accesso alla pensione senza eccessive penalizzazioni sia dal punto di vista dei lavoratori che da quello dello Stato.

Tuttavia, al di là di questo, negli scorsi giorni è finalmente arrivata una notizia tanto attesa. Avete già saputo di che cosa si tratta? Scopriamolo subito.

Aumento pensioni: la notizia che tutti stavano aspettando

Come abbiamo anticipato poco fa, negli scorsi giorni sul fronte pensionistico è arrivata una notizia tanto attesa da tutti gli italiani. Avete già sentito che cosa sta succedendo? In pratica, per far fronte all’inflazione, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Giancarlo Giorgetti ha approvato l’adeguamento delle pensioni per un valore pari al +7,3%.

Ciò significa, quindi, che a partire dal prossimo anno gli assegni pensionistici saranno decisamente più alti rispetto al passato. Tuttavia, l’aumento non riguarderà tutti i pensionati allo stesso modo, ma ci saranno alcune differenze in base al reddito di ciascuno di essi. Vediamo, quindi, più nel dettaglio come cambieranno gli importi caso per caso.

Come cambiano gli importi

A partire dal 1° gennaio 2023 le pensioni degli italiani subiranno un aumento del +7,3% a fronte dell’adeguamento dovuto all’inflazione. Ma come cambieranno nel concreto gli importi? Come abbiamo già detto non tutti i pensionati andranno incontro allo stesso incremento, ma ci saranno delle differenze in base al reddito.

Aumento pensioni
Aumento pensioni. Credits: Pixabay

Scopriamo, quindi, caso per caso. Per gli assegni fino a 4 volte il minimo ci sarà un aumento del 100%, per chi ha un assegno compreso fra le 4 e le 5 volte il minimo esso sarà del 90%. Infine, al di sopra delle 5 volte il minimo si scenderà al 75%. Ciò significa dunque che:

  • chi ha una pensione di 525,38 euro avrà un aumento di 38 euro;
  • gli assegni di 1000 euro aumenteranno di 52 euro;
  • i pensionati con 1500 euro avranno 75 euro in più;
  • le pensioni da 2000 euro aumenteranno di 100 euro;
  • gli assegni da 2500 euro saliranno di 111 euro;
  • i pensionati con più di 4000 euro avranno un aumento di 150 euro.

Si tratta, quindi, di un’ottima notizia anche se non bisogna dimenticare che questo adeguamento avviene in conseguenza all’inflazione che sta determinando un aumento sempre crescente del prezzo delle materie prima, del gas e dell’energia elettrica.