Le mamme nel mondo rivelano le loro “borse per l’ospedale” (FOTO)

A seconda dei Paesi le donne hanno bisogno di cose molto diverse per partorire. Se ci sono mamme che hanno bisogno dell’iPad, ce ne sono altre alle quali manca l’acqua potabile. Un progetto di WaterAid per portare acqua alle mamme.

Ogni mamma, quando si accinge a partorire, deve preparare la cosiddetta borsa per l’ospedale contenente quanto le serve per il travaglio e il post-parto. I bisogni delle mamme però variano da Paese a Paese.

WaterAid, una onlus che opera in Africa, ha profilato 7 donne provenienti da paesi diversi, rivelando come ciò che è essenziale varia in funzione del luogo di origine delle future mamme.

Le borse per l’ospedale delle mamme: un servizio fotografico

In Africa, per esempio, l’essenziale potrebbe consistere in un rasoio per tagliare il cordone ombelicale, un lenzuolo di plastica nera per partorire,mentre in paesi più avanzati, come la Gran Bretagna o gli Stati Uniti, olio da massaggi e iPad possono essere ritenuti tali.

Il primo paese preso in considerazione è lo Zambia, e la donna ritratta si chiama Hazel, ha 27 anni.

cose essenziali per il parto mamma 1

Il contenuto della sua borsa prevede:

  • una coperta per bambini,
  • del cotone idrofilo,
  • un pareo,
  • una tutina per bambini,
  • dei fazzoletti,
  • una bacinella e del sapone per lavare.

C’è un pozzo alla clinica, ma non c’è acqua nel reparto maternità” ha dichiarato. La donna ha preparato anche un rotolo di plastica nera da sdraiare sul lettino per mantenere l’igiene personale dal momento che non c’è acqua per lavare il lettino tra un parto e l’altro.

 

 

 

contenuto borsa

Dopo aver parlato con parenti anziane, racconta: “Una delle cose che mi è stato detta è di non dormire troppo durante il giorno . Mi è stato detto che se lo faccio, il bambino dormirebbe anche lui, al momento del parto. L’altra cosa che mi è stata detta è di non mettere una sciarpa o una collana al collo durante la gravidanza perché il cordone ombelicale si potrebbe avvolgere intorno al collo del bambino“.

Diversa è la testimonianza di una mamma americana, come è facile immagine.

 

 

borsa per il parto nel mondoIl secondo paese analizzato sono gli Stati Uniti: la mamma è una newyorkese, di nome Deanna.

Nella sua borsa ha messo:

  • un lettore musicale,
  • un olio per massaggi alla noce di cocco,
  • un reggiseno per allattare,
  • un cuscino per l’allattamento,
  • delle ciabatte,
  • un libro,
  • diversi abiti per il bambino.

 

contenuto borsa

“Sono stata così felice di crescere una vita dentro di me, è un vero miracolo, sono molto fortunata a vivere vicino a uno dei migliori ospedali di New York. Essere incinta aumenta la consapevolezza di quanto siamo fortunate ad avere accesso a grandi strutture per la nascita e all’acqua pulita. Vuoi il meglio per il tuo bambino ed è devastante pensare a quanto siano pericolose l’acqua contaminata e strutture con scarsa igiene”. E aggiunge: “Sogno un mondo dove tutte le donne abbiano un posto sicuro, pulito per partorire i loro bambini”. 

Non è proprio ciò che avviene in Africa.

mamma del malawi

Ellen è del Malawi ed ha 23 anni . Ha partorito presso il Centro di Salute Simulemba , che serve oltre 70.000 persone e fa nascere più di 90 bambini al mese.

Nella sua borsa ha messo:

  • una torcia
  • della plastica nera da posizionare sul lettino dove partorire
  • un rasoio per tagliare il cordona ombelicale
  • alcune corde per legare
  • tre parei per lei e il bambino.

borsa mamma

In tale centro Ellen potrebbe anche rimanere un mese. Non c’è elettricità o acqua potabile, solo 4 bagni per 400 persone, docce che cadono a pezzi e senza porte, nessun equipaggiamento sterilizzato. L’acqua proviene da una pompa d’acqua condivisa con 2000 persone. L’acqua non è pulita e la coda è molto lunga.

Vediamo ora cosa scelgono le donne in Australia.

 

borsa del parto

Katie è una mamma di origini inglesi ma che vive a Melbourne, ed ha 31 anni.

La sua borsa contiene:

  • oggetti da toilette,
  • vestiti e fasce per il bimbo,
  • snacks,
  • abiti compiti per mamme,
  • olio per massaggi

 

 

oggetti

“Io credo che sia impensabile che molte donne avanti nella gravidanza raccolgano acqua sporca nei paesi dove lavora WaterAid, cercando di gestire lo stress della gravidanza tutti i giorni e la prospettiva della nascita, oltre al carico di doversi procurare l’acqua”.

“Anche portare la borsa per l’ospedale è troppo pesante per me, non riesco proprio ad immaginare come farei se dovessi portare 25 litri per una lunga distanza”.

Dall’Australia andiamo in Madagascar.
borsa del parto

Claudine ha 26 ed è del Madagascar. Nella sua borsa porterà:

  • cotone idrofilo,
  • alcool per pulire,
  • assorbenti,
  • un secchio,
  • un thermos,
  • vestiti per il bimbo.

mada3

Claudine è fortunata perché grazie a WaterAid e ad AMI nel villaggio vicino a dove vive ha accesso all’acqua pulita.

Claudine racconta: “è stato costruito qualche anno fa quindi non devo andare molto lontano per procurarmi l’acqua”.

Parlando di ciò che le è stato consigliato, anche lei non indossa una sciarpa  per paura che il cordone ombelicale si avvolga intorno al collo del piccino.

In Gran Bretagna la situazione è nuovamente diversa.
borsa per l'ospedale

Joanne ha 34 anni, vive a Londra e aspetta il suo primogenito.

  • Nella sua borsa ha messo:
  • vestiti per lei
  • vestitini per il bambino,
  • un asciugamano,
  • una coperta,
  • un iPad,
  • pannolini e salviette per il neonato,
  • analisi mediche,
  • uno strumento per alleviare il dolore.

 

joanne3

“Mi sono portata delle bottiglie per l’acqua, mia sorella mi ha suggerito di portare qualcosa per rendere più facile bere l’acqua durante il travaglio”.

La donna ha portato bottiglie vuote, sicura che ci sia una fontanella dove riempirle. “Lo dò per scontato, diversamente per le persone in Africa. La cosa più importante è la coperta che mia mamma mi ha dato per portare a casa la bambina, la stessa con cui mia mamma mi ha portata a casa”.

E infine conosciamo una mamma della Tanzania.

 

donna africana

Agnes ha 22 anni ed è alla sua terza gravidanza.

Nella borsa ha messo:

  • vestiti per il bambino
  • parei
  • thermos
  • bacinella per l’acqua
  • una coperta.

vestiti

L’ospedale in cui Agnes ha partorito serve un raggio di 80 km da dove vive: ci sono 3 stanze per le donne che devono partorire e chi ha già partorito e nessun modo di separare chi è in travaglio da chi non lo è. Due stanze hanno 4 letti a castello e una 5 letti, in nessuna stanza c’è l’acqua. Per lavarsi devono usare la toilette o entrare in un lavandino che viene usato per disporre dei rifiuti del travaglio e lavare i macchinari medici.

Queste testimonianze ci fanno apprezzare sicuramente le nostre comodità, ma dovrebbero anche smuovere le nostre coscienze e pensare anche a tutte le mamme del mondo per le quali essenziale è addirittura l’acqua.

WaterAid si occupa proprio di questo, e il governo inglese, per sostenere tale onlus, ha stabilito che fino al 10 febbraio raddoppierà le donazioni ricevute da Wateraid.

Ecco il video del suo ultimo progetto intitolato “DeliverWater” (Partorire Acqua), con il quale vuole garantire a più mamme possibili acqua pulita.

Una bellissima iniziativa, non pensate anche voi unimamme? WaterAid, così come Amref che da anni ha a cuore il destino delle mamme africane , rappresentano esempi concreti di cosa si può fare e si deve fare per mamme e bambini che hanno la fortuna/sfortuna di essere nati in paesi come l’Africa.

Bellissimo anche il gesto del governo inglese. E in Italia quando?

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta