La lingua madre? La si conosce già nel grembo materno

Alcune ricerche suggeriscono che i neonati apprendono la lingua madre quando sono ancora nel grembo materno.

Cari unigenitori moderni che spesso vi chiedete se iscrivere il figlio al nido inglese o, avendone l’opportunità farlo crescere bilingue, dopo aver appurato che parlare al vostro bebè lo rende intelligente, sentite un po’ cosa dicono le ultime ricerche riguardanti feti di poche settimane.

Già alla 30°settimana, quando l’orecchio del piccolo è formato il feto acquisisce capacità di ascolto e udite, udite, può apprendere la lingua madre (nel vero senso della parola), ancor prima di nascere.

Il piccolo, negli ultimi due mesi di gravidanza, riesce a distinguere per bene la voce della mamma.

Lo studio, condotto da due team dislocati in Svezia e Stati Uniti, si è svolto così:

  • monitorando 40 neonati svedesi e 40 americani
  • i bimbi erano nati da 7 a 75 ore prima
  • si cercava di scoprire se i piccoli fossero in grado di distinguere tra suoni vocalitici anglofoni o scandinavi

Per giungere a dei risultati gli scienziati hanno utilizzato il ciuccio: osservando l’intensità con cui i neonati lo succhiavano hanno rilevato l’identificazione di idiomi diversi.

Che cosa hanno riscontrato quindi?

Gli americani succhiavano più voracemente quando sentivano parlare scandinavo, non riconoscendo la lingua, idem, al contrario, gli svedesi.

Tutto questo ha condotto gli studiosi a una sola conclusione possibile: dal momento che apprendere una lingua in così poco tempo non è possibile, la capacità di comprendere il proprio idioma di riferimento si sviluppa quando siamo ancora nel grembo materno

Ancora una volta emerge quanto sia complesso e affascinante il cervello dei nostri neonati.

 

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta