Il papà di Noemi: “il killer ha sparato a una bambina della stessa età di sua figlia” – FOTO
Il papà di Noemi: “il killer ha sparato a una bambina della stessa età di sua figlia” – FOTO

Il papà di Noemi: “il killer ha sparato a una bambina della stessa età di sua figlia” – FOTO

Noemi

Il papà di Noemi è sorpreso dopo aver visto le immagini dell’uomo che ha ferito sua figlia con la sua famiglia.

Noemi, la bimba di 4 anni ferita settimana scorsa a Napoli, è finalmente uscita dal coma. 

Noemi: la rabbia dei parenti

Naturalmente, la sua famiglia, che non l’ha mai lasciata da quando è stata ricoverata al Santobono di Napoli, è al settimo cielo.

Insieme alla gioia per il risveglio della bimba c’è però l’amarezza e la rabbia per quanto accaduto. Il papà di Noemi, Fabio, per esempio, è rimasto molto colpito dal fatto che il killer che ha ferito la sua piccolino e che ora è stato arrestato insieme al fratello, avesse una famiglia, dei bambini dell’età di Noemi.

Fabio non può dimenticare le immagini in cui il camorrista ha scavalcato Noemi, riversa a terra e ha quindi dichiarato: “è assurdo, non ha riconosciuto neanche una bambina come sua figlia”.

Noemi, come accennavamo, nonostante fosse gravemente ferita, si sta lentamente riprendendo. Quando ha riaperto gli occhi i medici le hanno chiesto: “come ti chiami?” e poi “quanti anni hai?“.

La bambina, potremmo dire fortunatamente, non ricorda gli eventi che l’hanno condotta in ospedale.

“Voglio vedere la mamma” ha detto la piccina, stando a quanto riportato dalla zia di Noemi, Gessica.

L’ultima cosa che ricorda sua nipote sono le bambole Lol di cui la bimba ha visto un video mentre la trasportavano in ambulanza al Santobono.

La zia di Noemi ha rilasciato una dichiarazione molto forte sul killer “deve soffrire molto quell’uomo, come stiamo soffrendo noi. Non ci siamo accorti di niente all’inizio, Noemi non diceva niente, non c’era sangue”.

La risposta della città di Napoli dopo la sparatoria è stata di solidarietà nei confronti di Noemi e della sua famiglia, centinaia di persone hanno partecipato a una veglia di preghiera.

Ieri pomeriggio Carmine, un cugino della madre, si è recato a far visita alla nipotina. “Sta meglio. Dovevo sposarmi con la cugina di Tania e Noemi doveva fare la nostra damina. Abbiamo rinviato il matrimonio”.

Unimamme, cosa ne pensate di quanto accaduto a questa bimba e raccontato su Repubblica?