Maturità 2020: le date e le novità della prima e della seconda prova

maturità 2018Il MIUR ha pubblicato le date di inizio della maturità 2020. L’esame di stato inagurato nel 2019 è stato confermato anche per il 2020.

L’anno scolastico non è ancora iniziato, ma il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (MIUR) ha comunicato i giorni dell’esame di Stato per il 2019-2020.

Un appuntamento molto importante per i tanti studenti che si apprestano a frequentare l’ultimo anno delle scuole superiori e che vogliono guadagnarsi il diploma.

Come previsto, l’esame di Stato 2020 inizierà con la priva prova il terzo mercoledì di giugno, quando sarà finito l’anno scolastico.

Date maturità 2020: il MIUR ha comunicato i giorni dell’esame di Stato, le date di prima e seconda prova

Nel 2019 i diplomanti hanno affrontato, per la prima volta, il nuovo esame di maturità introdotto con la riforma della Buona Scuola ribadite dalla circolare Miur del 4 ottobre e dal DM del 26 novembre 2018 che ha definito argomenti e struttura della seconda prova.

Le prove scritte dell’esame di Stato si svolgeranno durante la terza settimana di giugno e saranno:

  • Prima prova 2020 il 17 giugno alle ore 8.30
  • Seconda prova 2020 il 18 giugno alle ore 8.30
  • Per la prova orale di inizierà il lunedì successivo.

Leggi anche > ESAME DI MATURITA’: ECCO COME CAMBIA, LE NOVITà INTRODOTTE DAL GOVERNO

Come per l’anno scorso, le prove scritte rimarranno sempre 2. Una prima prova d’italiano ed una seconda prova multidisciplinare che sarà diversa a seconda dell’istituto.

Per quanto riguarda il colloquio orale non ci sarà più la tesina e sarà suddiviso in quattro momenti disciplinari:

  • Discussione multidisciplinare a partire dallo spunto estratto dalle buste.
  • Presentazione della relazione sull’esperienza di alternanza scuola lavoro;
  • Domande sulle attività di Cittadinanza e Costituzione;
  • La correzione delle prove scritte.

L’anno scorso hanno fatto il loro debutto le prove invalsi e l’alternanza scuola lavoro che dovevano essere requisiti fondamentali per l’ammissione all’esame di Stato, ma durante l’anno scolastico, il MIUR ha precisato che entrambe le attività non sarebbero state necessarie per l’ammissione.

Ancora non si sa se anche per la maturità 2020 cosa succederà per le prove invalsi e per l’alternanza scuola-lavoro.

Quello che è sicuro è che per essere ammessi è fondamentale avere i seguenti requisiti:

  • Il voto in tutte le materie non dovrà essere inferiore a 6. Il voto minimo è la sufficienzama secondo il DL 13 aprile 2017, n162, “nel caso di votazione inferiore a sei decimi in una disciplina o in un gruppo di discipline, il consiglio di classe può deliberare, con adeguata motivazione, l’ammissione all’esame conclusivo del secondo ciclo“.
  • Il voto in condotta che non deve essere inferiore al 6.
  • Le assenze, la frequenza deve essere per almeno tre quarti del monte ore annuale

Per quanto riguarda il punteggio finale non ci dovrebbero essere dei cambiamenti, rimane in centesimi. Il punteggio minimo per superare l’esame resta fissato a 60. Come riportato da Studenti.it, ad ogni prova scritta verrà assegnato un voto in ventesimi. Per l’orale la commissione può assegnare fino a 20 punti. A questi crediti si aggiungono quelli scolastici, massimo 40, e gli eventuali 5 punti bonus.

Voi unimamme eravate a conoscenza di questa notizia? I vosti ragazzi dovranno affrontare l’esame di maturità nel 2020?