“Mandami foto dove sei nuda o diffondo le altre”: ragazzine adescate su Instagram e violentate

Ragazzine minorenni di 13 anni adescate sui social. Arrestato e condannato un ex militare che le minacciava e poi le violentava.

Ragazzine adescate
“Mandami foto dove sei nuda o diffondo le altre”: ragazzine adescate su Instagram e violentate – Universomamma.it

Un ex caporalmaggiore degli Alpini, in servizio a Cuneo, è stato condannato dal Tribunale di Torino a cinque anni e 8 mesi per aver avuto rapporti sessuali non protetti con due ragazzine di 13 anni. I fatti risalgono al 2015, quando l’uomo aveva 27 anni. La conoscenza era avvenuta tramite amici comuni erano arrivate le richieste di foto, le minacce e poi i rapporti sessuali, continuati fino al 2017.

Ragazzine adescate sui social: ex militare voleva foto di nudo e poi abusava sessualmente di loro

Un ex caporalmaggiore del II Reggimento Alpini alla caserma “Vian” di Cuneo, è stato condannato per violenza sessuale aggravata ai danni di due minorenni del Cuneese e diffusione e detenzione di materiale pedopornografico attraverso il web. Le vittime avevano 13 anni all’epoca dei fatti, come riportato da la Stampa.
Quando è stato arrestato, l’uomo è stato in carcere a Biella, ma poi ha ottenuto gli arresti domiciliari. L’ex militare, quando sono finite le indagini, è stato stato subito sospeso dall’esercito, in via precauzionale e in attesa del processo. In una nota diffusa del ministero della Difesa sulla vicenda si poteva leggere: “Confermando totale condanna e pieno rigore nel perseguire i comportamenti che violano i principi e i valori su cui si fonda l’Istituzione e assicurando la massima collaborazione e trasparenza con gli organi inquirenti, l’Esercito esprime la totale intransigenza, tolleranza zero, nel contrastare tali inammissibili condotte”.

LEGGI ANCHE > 16ENNE VIOLENTATA DA UN RAGAZZO CONOSCIUTO SUI SOCIAL

L’ex alpino era stato accusato di reati che risalirebbero ad alcuni anni fa, ma erano riemersi nell’ottobre scorso quando la ragazza, che oggi è ancora minorenne, aveva ricevuto attraverso Instagram una richiesta volgare da parte di un utente anonimo, che poi si è scoperto che era il militare: “Mandami foto dove sei nuda o diffondo le altre di quando eri ragazzina”. E’ stato un amico della vittima che ha avuto il coraggio di raccontare tutto alla polizia. A seguito delle indagini è emerso che le violenze risalgono al 2015, quando la ragazza era appena tredicenne e lui aveva 27 anni, e sono proseguite fino al 2017. A seguito di questi messaggi, la 13enne ha avuto diversi rapporti sessuali non protetti con l’uomo sempre attraverso minacce e ricatti, con richieste sempre più pressanti. Secondo gli investigatori era “una strategia dell’uomo con nessuna ingenuità da parte della giovane”. Non è stata però l’unica vittima purtroppo, sentendo tanti coetanei della ragazza, gli investigatori sono venuti a conoscenza che l’uomo aveva agito in modo del tutto analogo anche con un’altra ragazza cuneese: anche lei aveva 13 anni all’epoca.

Voi unimamme eravate a conoscenza di questa vicenda? Bisogna stare sempre attendi quando i ragazzi chattano sui social.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

Ragazzine adescate
“Mandami foto dove sei nuda o diffondo le altre”: ragazzine adescate su Instagram e violentate – Universomamma.it