Cyberbullismo: aumentano i casi ma anche le denunce | I rischi da conoscere e da evitare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:46
0
71

Secondo i dati della Polizia postale, il cyberbullismo è in aumento. Una buona notizia però è che è in aumento anche il numero di chi denuncia. 

cyberbullismo aumento
Cyberbullismo: aumentano i casi ma anche le denunce | I rischi da conoscere e da evitare – Universomamma.it

Partiamo dalla cattiva notizia: il cyberbullismo purtroppo è in aumento, cosi’ come sono in aumento in generale i reati contro i minori online. E’ ciò nonostante le campagne di sensibilizzazione che sono state fatte: se ne parla di più sia nelle scuole ma anche a casa.  E ora la buona notizia: è aumentato il numero delle denunce da parte delle vittime. Grazie alla maggiore sensibilizzazione e alle nuove, e spesso anonime, modalità di denunciare,  sempre di più i ragazzi trovano il coraggio.

Nel 2019 si è passati da 389 a 460 casi con protagonisti i minorenni, un aumento indicato nell’ultimo rapporto della Polizia Postale del 18%. Di questi:

  • 52 casi riguardano bambini di età inferiore ai 9 anni,
  • 99 bambini tra i 10 e i 13 anni
  • 309 bambini tra i 14 e i 17 anni.

Secondo l’associazione Terre DES Hommes e il sito ScuolaZoo:

  • ben 4 ragazzi su 10 hanno subito atti di bullismo
  • 6 ragazzi su 10 hanno assistito a fenomeni di bullismo in rete o fuori dalla rete.

Secondo Silvestri della Polizia Postale, nonostante si denunci di più grazie anche alle campagne di sensibilizzazione, esistono ancora purtroppo dei casi sommersi che non vengono a galla e ciò a causa del sentimento di vergogna della vittima che vive la sua condizione quasi come una colpa da tenere segreta alla famiglia e agli amici. Troppo spesso i ragazzi non denunciano e si isolano non sono in grado di capire che stanno subendo dei veri e propri reati.“. Secondo Silvestri inoltre il cyberbullismo è più pericoloso del semplice bullismo:  Il bullismo è da sempre esistito ma il cyberbullismo è più pericoloso perché il mezzo amplifica la potenzialità offensiva della condotta. L’essere connessi 24 ore su 24, fa si che non si possa mai sfuggire al proprio aguzzino creando un vero effetto di isolamento che in molti casi ha portato al compimento di gesti estremi”.

LEGGI ANCHE —> INTERNET E RAGAZZI: LE ESPERIENZE NEGATIVE DI CHI HA TRA GLI 11 E 17 ANNI

Sempre dal rapporto della Polizia postale, che partirà una campagna in 250 scuole, si scopre che:

  • Il 71% dei giovani accetta l’amicizia online degli estranei
  • il 21% dei giovani incontra estranei conosciuti online
  • Il 19% ha dato il numero di telefono a un estraneo
  • l’8% ha scambiato foto personali con un estraneo

LEGGI ANCHE —> BULLISMO E PERCOSSE SU UN COMPAGNO DI CLASSE: ARRESTATI DUE MINORENNI GRAZIE AI COMPAGNI DI CLASSE

Questi sono tutti comportamenti ad altissimo rischio che non dovrebbero esistere. Perché lo fanno? I genitori non li avvertono dei pericoli? La risposta ci viene da un’indagine realizzata da Doxa per Telefono Azzurro secondo la quale i genitori sono purtroppo i primi a non essere a conoscenza dei rischi legati ai social:

  • più della metà dei genitori non è pienamente consapevole dei rischi dei social
  • il 44% condivide online contenuti riguardanti i figli
  • il 30% non pensa di avere competenze sufficienti sui pericoli del digitale.

Insegnanti e genitori: gli interlocutori privilegiati dei ragazzi contro il cyberbullismo

Secondo un altro studio gli interlocutori privilegiati dei ragazzi  sono le insegnanti. Il ruolo centrale quindi lo hanno gli adulti, come spiega ancora la Silvestri:serve una rete di cui deve fare parte anche la scuola, di adulti responsabili capaci di trasmettere un senso di sicurezza, di protezione, di accoglienza”.

Esiste una no profit Movimento Etico Digitale, fondata dal professore Davide dal maso, che ha formato lo scorso anno 17.000 ragazzi e 4.000 genitori sull’uso consapevole del web: “I dati del nostro osservatorio raccontano della difficoltà degli adulti di impartire regole precise ed esplicite per vivere serenamente il web in famiglia, forse per il distacco e la sfiducia cui molti di loro hanno sempre visto il digitale. Ma è sempre più necessario costruire un ponte tra genitori analogici e figli digitali per arrivare ad un sano equilibrio tra la vita online e off line”. Una cosa che colpisce è che i ragazzi siano d’accordo alle regole ma che spesso le famiglie non sanno come impartire dei limiti ai propri figli:

  • il 72% dei ragazzi intervistati ritiene che le regole da parte delle famiglie sul digitale siano giuste
  • solo il 55% delle famiglie impartisce questi limiti o più semplicemente delle regole di comportamento a cui attenersi: l’80% degli intervistati dice che l’unica limitazione è legata al tempo di utilizzo.  Inoltre i genitori si preoccupano di limitare le visite su siti porno e sul tenere chiuso il proprio profilo social.

E voi Unimamme cosa ne pensate di questi dati riportati da “ilsole24ore”? Come gestite la vita social dei vostri figli? Mettete delle restrizioni oppure avete delle difficoltà a farlo? Siete d’accordo con noi che preparare le nuove generazioni e i genitori a muoversi nel mondo digitale senza correre rischi sia fondamentale? Controllate lo smartphone dei vostri figli minorenni?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

cyberbullismo aumento
cyberbullismo in aumento: ecco i dati della polizia postale | Universomamma.it