Coronavirus | Pubblicato il decreto “Cura Italia”: le misure previste
Coronavirus | Pubblicato il decreto “Cura Italia”: le misure previste

Coronavirus | Pubblicato il decreto “Cura Italia”: le misure previste

E’ stato pubblicato il decreto “Cura Italia” che stabilisce delle nuove misure preventivi che saranno valide da subito per l’emergenza coronavirus.

Coronavirus decreto Cura Italia
Coronavirus | Pubblicato il decreto “Cura Italia”: le misure previste – Universomamma.it

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto “Cura Italia” formato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Il nuovo decreto è già in vigore ed autorizza, per l’emergenza coronavirus, l’emissione di titoli di Stato un importo fino a 25 miliardi di euro per l’anno 2020. IL DL n.18 del del 17 marzo 2020 – “Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19“, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.70 del 17 marzo, contiene norme nazionali su sanità, lavoro, liquidità imprese e famiglie, fisco.

Coronavirus | Il decreto legge “Cura Italia”: ecco cosa prevede

Come vi avevamo già anticipato, il nuovo di decreto “Cura Italia”, firmato nella notte da Mattarella e che contiene 127 articoli riguarda incentivi per:
Concedo speciale voucher baby sitter per i genitori: a partire dal 5 marzo ci saranno degli aiuti per i genitori che lavorano, sia per quelli del settore privato e sia per quelli autonomi. E’ in arrivo una forma di congedo parentale straordinario per far fronte alla chiusura delle scuole. Il provvedimento è per chi ha figli fino a 12 anni di età, per un periodo continuativo o frazionato fino a 15 giorni, con un’indennità pari al 50% della retribuzione o di 1/365 del reddito. Il limite di età non si applica in caso di figli con disabilità. Inoltre, come riportato anche da Fan Page, i genitori dipendenti del settore privato con figli minori, tra i 12 e i 16 anni, hanno diritto di astenersi dal lavoro per il periodo di chiusura delle scuole, “senza corresponsione di indennità né riconoscimento di contribuzione figurativa, con divieto di licenziamento e diritto alla conservazione del posto di lavoro”.
Voucher baby sitter fino a 600 euro: chi non vorrà o non potrà usare il congedo parentale straordinario potrà usufruire del voucher baby sitter fino a 600 euro che sale a 1.000 per il personale sanitario. Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia.
Stanziati 70 milioni per comprare i computer agli studenti meno abbienti: verranno dati agli studenti del pc in comodato d’uso e dei dispositivi digitali individuali per la fruizione delle piattaforme per la didattica a distanza. Inoltre, 10 milioni saranno destinati alle scuole per dotarsi di piattaforme digitali e di strumenti utili per l’insegnamento a distanza.

LEGGI ANCHE > CORONAVIRUS | DECRETO #CURAITALIA: LE MISURE PER LE FAMIGLIE | VIDEO

In generale il provvedimento è suddiviso in 5 capitoli: misure di potenziamento del servizio sanitario, misure a sostegno del lavoro, misure a sostegno della liquidità attraverso il sistema bancario, misure fiscali a sostegno delle famiglie e delle imprese, ulteriori disposizioni.
Nel capitolo per il potenziamento del servizio sanitario sono previsti degli incentivi per il personale, norme per la produzione di mascherine protettive, l’arruolamento temporaneo di medici e per la permanenza di chi dovrebbe andare in pensione ed il potenziamento di molte strutture.

Come riportato da TgCom 24, anche per il lavoro sono previsti degli incentivi. Ci saranno degli ammortizzatori sociali per la cassa integrazione ordinaria e per quella in deroga, ma anche per chi ha già attivato assegni di solidarietà o ha una cassa integrazione in corso. E’ previsto un contribuito di 600 euro per i lavoratori con partita iva e per i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi. Previsti ammortizzatori anche per gli stagionali del settore turistico e per i lavoratori agricoli. Inoltre, saranno sospesi i contribuiti previdenziali per l’assicurazione dei lavoratori domestici e la sospensione delle procedure di impugnazione dei licenziamenti. I permessi previsti dalla legge 104 potranno essere aumentati di 12 giorni sia nel mese di marzo che nel mese di aprile.

LEGGI ANCHE > CORONAVIRUS COME GESTIRE LO STRESS: I CONSIGLI DELL’OMS

Inoltre, saranno rinviati i rinnovi per le carte d’identità, le assicurazioni ed anche per l’iscrizione all’Università, ci sarà una:

  • proroga della validità dei documenti di identità al 31 agosto 2020,
  • proroga delle scadenze per le revisioni di auto e moto di 3 mesi,
  • proroga validità assicurazioni rc auto e moto da 15 a 30 giorni dalla data di scadenza,
  • in deroga alle disposizioni dei regolamenti di ateneo, l’ultima sessione di laurea dell’anno accademico 2018/2019 è prorogata al 15 giugno 2020.

Inoltre, è previsto un premio di 100 euro per i lavoratori dipendenti con un reddito annuo inferiore a 40 mila euro per i giorni di lavoro che hanno svolto nella propria sede per il mese di marzo che viene attribuito in automatico dal datore di lavoro che lo eroga già con la retribuzione di aprile e comunque nei termini delle operazioni di conguaglio. Un aiuto anche per le imprese che hanno deciso di sanificare i luoghi di lavoro. Saranno rimborsate del 50% le spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino ad un importo massimo di 20.000 euro.

Voi unimamme eravate a conoscenza di questo nuovo decreto? Cosa ne pensate?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

Coronavirus decreto Cura Italia
Coronavirus | Pubblicato il decreto “Cura Italia”: le misure previste – Universomamma.it