Le domande dei bambini ai ministri: è la prima volta | VIDEO
Le domande dei bambini ai ministri: è la prima volta | VIDEO

Le domande dei bambini ai ministri: è la prima volta | VIDEO

In Finlandia si è svolta una conferenza a cui hanno partecipato il primo ministro Sanna Marin, la ministra dell’istruzione Li Andersson  e la ministra della cultura Hanna Kosonen, al cospetto online di un gruppo di bambini preoccupati per il Covid – 19.

bambini in Finlandia
Le domande dei bambini ai ministri è la prima volta VIDEO Universomamma.it

Mentre in Italia molti genitori si sono lamentati del fatto che in questa emergenza causata dal Covid 19 i figli siano stati poco considerati, in Finlandia, alcuni giorni fa, è stata indetta una conferenza stampa virtuale alla presenza del Primo Ministro Sanna Marin, la Ministra dell’Istruzione Li Andersson e la Ministra della cultura Hanna Kosonen. Queste tre leader hanno risposto alle domande dei bambini.

LEGGI ANCHE > SCUOLA E CORONAVIRUS LE RISPOSTE DEL MINISTRO SU RIAPERTURA E VALIDITA’ DELL’ANNO SCOLASTICO

Scuola in Finlandia: i bambini prendono la parola

Da metà marzo del 2020 gli studenti finlandesi hanno dovuto rimanere a casa seguendo le lezioni online, come molti altri loro coetanei. Per un ritorno alle attività didattiche in presenza si parla di metà maggio, ma ancora niente è certo. Il 24 aprile scorso gli alunni di questo Paese nordico hanno ricevuto un compito molto importante: collegarsi alla conferenza stampa dedicata ai bambini. Il Primo Ministro Sanna Marin, la Ministra dell’Istruzione Li Andersson e la Ministra della cultura Hanna Kosonen hanno risposto a domande formulate dai cittadini più piccoli.

LEGGI ANCHE > MATURITA’ 2020: LE NOVITA’ SPIEGATE AGLI STUDENTI VIDEO

Si è trattato della prima conferenza per i più piccoli in cui i bambini hanno dato voce alle proprie preoccupazioni. La conferenza si è svolta in doppia lingua: svedese e finlandese. L’evento è iniziato ricordando l’importanza di lavare spesso le mani e di mantenere la distanza sociale. L’età dei bambini che hanno posto le domande andava dai 7 ai 12 anni. Due partecipanti: Emma e Aaron si trovavano presso i Galaxi Studios, compagnia televisiva nazionale, a Yle, mentre invece Valdemar e Nuuti hanno posto delle domande per Lasten uutiset, un dipartimento di Helsingin Sanomat. I piccoli hanno chiesto: “quando torneremo a scuola?“, qui la Ministra dell’Educazione Li Andersson ha detto: “stiamo ascoltando il parere degli esperti, probabilmente a metà primavera o in autunno”. Ci sono state anche altre domande come: “potremo andare nei parchi gioco la prossima estate?” “Potremo visitare i nostri nonni o persone più anziane?“Che cosa possiamo fare se ci sentiamo spaventati o stressati dalla situazione?“. Una bambina di nome Ia ha chiesto: “quanto tempo dovrà passare prima di tornare alla normalità?“. A quest’ultima la Ministra Andersson ha risposto: “questa è una buona domanda, ma è difficile rispondere, noi e il nostro governo pensiamo che dovremo fare attenzione al coronavirus per molto tempo. E le regole che abbiamo stabilito insieme, come lavare spesso le mani, mantenere la distanza e non andare a trovare i nonni di persona… pensiamo che dovremo seguirle a lungo in Finlandia, persino in autunno”.

Liris ha voluto sapere come fosse la situazione in Finlandia, la premier Sanna Marin ha risposto:se compariamo la nostra situazione a quella di altri Paesi è buona. Stiamo seguendo da vicino come si sta evolvendo la situazione perché vogliamo proteggere tutti“. Un piccolo di nome Aaron ha domandato: “cosa possiamo fare per la Finlandia?”. Il premier ha risposto: “la cosa più importante per i bambini è mantenere la distanza, assicurarsi di continuare ad apprendere attraverso la didattica online, inoltre è importante prendersi cura non solo dei nonni, ma anche degli amici. Se notate che non parlate da un po’ con uno dei compagni di classe o se  qualcuno sembra giù, non ha partecipato da tempo alle lezioni online, può essere una buone idea contattarlo, chiedergli se va tutto bene, come aiutarlo“.

Il Ministro della Scienza e della Cultura, Kosonen, ha aggiunto: “possiamo rallegrarci l’uno con l’altro, è una cosa importante, come hanno detto le Ministre Sanna e Li, un piccolo messaggio o una chiamata per sentire un amico o i nonni…”. Al termine della conferenza i piccoli sono sembrati soddisfatti. Unimamme, cosa ne pensate di quanto riportato su This is Finland? Vorreste una cosa simile qui in Italia?

LEGGI ANCHE > I BAMBINI HANNO A DISPOSIZIONE UN’ORA D’ARIA: LE NUOVE DISPOSIZIONI IN SPAGNA

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

bambini in Finlandia
Le domande dei bambini ai ministri è la prima volta VIDEO Universomamma.it