“La scuola va aperta”: la petizione e la manifestazione di insegnanti e genitori | FOTO

Sabato 23 maggio alle 15.30 in molte piazze d’Italia ci sarà una protesta da parte di famiglie esasperate, per reclamare la riapertura della scuola a settembre in continuità e sicurezza.

protesta scuola
“La scuola va aperta”: la petizione e la manifestazione di insegnanti e genitori | FOTO| Universomamma.it

Sabato pomeriggio alle 15.30 in molte piazze d’Italia ci sarà una protesta per reclamare la riapertura della scuola a settembre in continuità e sicurezza e con soluzioni reali che anche in caso di un ritorno alto di contagi possano permettere alla scuola di restare aperta. Le famiglie protesteranno il 23 maggio in più di 16 città, e chiederanno di dare priorità alla scuola: più spazi consegnati a scuole e studenti, più educazione all’aperto, più insegnanti, assunzione precari, più personale A.T.A.

Sono famiglie esasperate che non ne possono più di vedere i propri figli non considerati da questo governo. Altri paesi hanno già riaperto la scuola in sicurezza mentre il nostro paese sembra ancora titubante. La paura è dover tornare a settembre a fare le lezioni a distanza con mamma e papà a casa che fanno gli insegnanti e non riescono a lavorare. Inizialmente si trattava di un gruppo di Firenze che lottava durante il lockdown per fare uscire almeno un ora i bambini poi il gruppo si è allargato ad altre città con il comitato “Priorità alla scuola” ed ora ha raccolto 85 mila firme su una petizione rivolta alla ministra Lucia Azzolina. 

LEGGI ANCHE —> SCUOLA ALL’APERTO: 7 CONSIGLI RIPRESI DAL MODELLO DANESE | FOTO

Il 23 maggio saranno a Firenze, in piazza Santissima annunziata con cerchi per terra per far rispettare il distanziamento sociale. “Istruitevi perchè avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza”: sono queste le parole scelte per i loro striscioni che saranno oltre che a Firenze anche a Milano, appesi davanti a venti scuole e a Roma, davanti al ministero all’Istruzione. A Torino saranno in piazza Castello e a Cagliari appenderanno lo striscione lungo i bastioni. Altri gruppi di genitori protesteranno a Bologna, Faenza, Reggio Emilia, Modena, Trapani, Pontedera, Pistoia, Genova e Fidenza. Anche i gestori degli asili nido privati oggi protestano davanti a montecitorio, rischiano infatti di chiudere senza neanche la proroga della cassa integrazione.

Sono le prime proteste di questa seconda fase e che siano per la scuola non è un caso secondo Costanza Margiotta, docente di Filosofia del diritto e voce del comitato, visto che mancano solo 4 mesi alla riapertura della scuola ed i genitori non hanno saputo ancora niente dei progetti sulla scuola da parte della ministra e neanche da parte del comitato tecnico. Le manifestazioni saranno “statiche” comunque, nessuno si muoverà, saranno a due metri di distanza e tutti indosseranno le mascherine.

LEGGI ANCHE —> L’ITALIA DEVE INVESTIRE SULLA SCUOLA”: PARLA UN NEUROPSICHIATRA PREOCCUPATO | FOTO

LA PETIZIONE “PRIORITA’ ALLA SCUOLA”

Nella loro petizione rivolta alla Ministra Azzolina il comitato preme affinchè si lavori da subito per costruire un piano per riaprire asili e scuole che sia adeguato ai bisogni dei bambini e degli adolescenti che sono tra i soggetti più fragili in questa emergenza, e a sostegno delle famiglie e dei genitori. 

Se il governo continuerà a rimandare ancora la discussione e la pianificazione sulla scuola, per molti mesi si continuerà a privare del diritto all’istruzione intere generazioni di studenti si legge sulla petizione , secondo il comitato

tutto questo è gravissimo guardando agli altri paesi con numeri simili ai nostri in termini di contagi e di decessi, si scopre che per loro la scuola è, insieme ad altre, una delle priorità, tenendo anche conto che sono ormai molti gli studi scientifici che attestano la sproporzione tra i vantaggi di un lockdown prolungato e i danni e i rischi che può produrre sulla popolazione e in particolare su bambini e adolescenti”.

“È necessario che fornisca un’informazione tempestiva, chiara e costantemente aggiornata circa il lavoro di programmazione che il governo sta svolgendo sul tema e circa le modalità che dovranno essere assunte per la riapertura di tutte le scuole”

In estrema sintesi sono queste le loro principali richieste:

  • bilanciare il diritto alla salute con tutti gli altri diritti fondamentali, fra i quali quello all’istruzione, che non deve essere sacrificato più dello stretto necessario, ma anzi costituire obiettivo primario della ripartenza
  • per garantire il diritto all’istruzione al pari degli altri Paesi europei, progettare e organizzare la ripresa delle attività scolastiche in presenza almeno a settembre, e anche prima per i più piccoli
  • fornire un‘informazione tempestiva chiara e aggiornata circa il lavoro di programmazione che il governo sta svolgendo sul tema
  • pianificare il prima possibile gli accorgimenti per la riapertura di tutte le scuole in sicurezza, anche in relazione alle diverse situazioni sociali ed epidemiologiche
  • sin dalle prossime settimane, e comunque dalla cosiddetta fase 2, riaprire i servizi educativi facoltativi alla prima infanzia, nidi e materne (l’anno scolastico per loro già correntemente si chiude a luglio), e le scuole primarie, eventualmente con gradualità (dando precedenza alle prime classi); nonché, se la situazione epidemiologica lo consentisse, prevedere, con gli opportuni accorgimenti di distanziamento (eventuali turni ecc.), la conclusione dell’anno scolastico in aula anche per le classi che concludono un ciclo (quinta elementare, terza media e maturità);
  • lavorare a un piano di riapertura delle scuole e degli asili adeguato ai bisogni dei bambini e degli adolescenti, e un intervento finanziario importante per garantire tutto ciò

LEGGI ANCHE —> NASCE LA SCUOLA A SCUOLA: IL COMITATO PER RIAPRIRE LE SCUOLE IN SICUREZZA

LEGGI ANCHE —> RIENTRO A SCUOLA E ESAME DI MATURITA’: GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELLA MINISTRA AZZOLINA

E voi Unimamme parteciperete a questa protesta,  di cui parla Repubblica,  che è organizzata dal comitato “Priorità alla Scuola”? Se siete interessare potete leggere e firmare qui la petizione.

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

scuola protesta riapertura
“La scuola va aperta”: la petizione e la manifestazione di insegnanti e genitori | FOTO | Universomamma.it