Mamma influencer su Tik Tok istiga al suicidio: la denuncia

Una mamma influencer è sotto accusa per i suoi video che pubblica sul suo profilo di Tik Tok. L’indagine della polizia. 

Tik Tok influencer

Unimamme siamo ancora tutti sotto shock a causa della triste vicenda della bambina di 10 anni, la piccola Antonella, che per partecipare ad una “sfida di soffocamento” lanciata su Tik Tok ha perso la vita. Purtroppo non è la prima vittima di queste orribili sfide che vedono coinvolti soprattutto i minorenni che usano i social senza essere a conoscenza dei rischi.

Mamma influencer denunciata per i video di Tik Tok: “Sono pericolosi”

Mamma Tik Tok

La Polizia Postale sta indagando su di un influencer di 48 anni siciliana che ha postato dei video con una sfida estrema senza pensare alle conseguenze. Nel video la donna, anche mamma di una bambina, è con un uomo ed entrambi si coprono il volto, anche narici e bocca, con del nastro adesivo trasparente.

Per questo, l’influencer, della quale ancora non si sa il nome, è stata denunciata per “istigazione al suicidio” e la procura di Firenze, che coordina le indagini, ha emesso un provvedimento urgente di perquisizione, anche informatica, e sequestro degli account social della stessa.

Nel comunicato della Polizia Postale si legge: “Il predetto video, estremamente pericoloso in quanto visibile a tutti gli utenti senza restrizioni, potendo costituire oggetto di emulazione da parte di minorenni, come purtroppo già accaduto nei recenti fatti di cronaca con sfide analoghe, è stato immediatamente segnalato dal Centro nazionale per il contrasto alla pedopornografia online del servizio polizia postale di Roma e rimosso dalla piattaforma TikTok”.

Purtroppo questo non è l’unico video che la 48enne aveva pubblicato sul noto social. Infatti c’erano numerosi video di sfide assurde che però le hanno fatto avere molta popolarità, aveva 731.000 followers di età diverse. Sotto uno dei suoi post un utente aveva commentato: “Ciao, se mi saluti giuro mi lancio dalla finestra”. Da qui la decisione dei magistrati fiorentini, il procuratore aggiunto Luca Tecsaroli e il sostituto Fabio Vizio, di emettere il provvedimento. Le challenge pericolose sono state rimosse e l’influencer ha ancora il profilo aperto, ma non può pubblicare.

Voi unimamme sapevate di questo caso? Controllate il cellulare dei vostri figli? Ricordiamoci che quando sono con il cellulare non sono mai soli, in rete c’è sempre qualcuno.