Non gettare via gli asciugamani dei bambini usurati: puoi trasformarli in questo, è utilissimo

Se gli asciugamani dei tuoi bambini sono usurati, non buttarli via: trasformali così e vedrai che saranno nuovamente utilissimi. 

Sprecare del cibo non è affatto una cosa buona e giusta – e proprio recentemente vi abbiamo spiegato come sia possibile utilizzare il panettone avanzato dalle feste natalizie. Anche, però, gettare via quegli oggetti che, a nostro parere, non riescono più svolgere la loro primordiale funzione per via della loro usura, non è sicuramente un’azione da premiare. È proprio per questo motivo che con l’articolo di oggi vogliamo spiegarvi come sia possibile riciclare quegli asciugamani usurati dei bambini.

asciugamani usurati rimedio
Come riutilizzare asciugamani usurati – universomamma

L’arte del riciclo non è affatto una cosa da niente. Sì, ci sono quelle persone che riescono a riutilizzare un oggetto in mille modi possibili prima di metterlo da parte ed altri che, invece, non ci riescono affatto. Vi garantiamo, però, che ridare una “seconda vita” ad alimenti o qualsiasi altra cosa vi capiti davanti, è più che soddisfacente. Chissà, magari riuscite ad inventare qualcosa di sorprendente davvero!

Come riutilizzare gli asciugamani usurati dei bambini: idea geniale ed utilissima

Ogni cosa ha il suo tempo. E ce ne rendiamo conto facilmente conto alcuni oggetti, col trascorrere dei giorni, delle settimane e dei mesi, non riescono più ad ottemperare alla loro funzione iniziale, ma perdono mano a mano colpi. Quante volte, infatti, vi è capitato di dover mettere da parte gli asciugamani dei bambini perché usurati o perché, addirittura, non eliminavano per nulla l’acqua in eccesso? Tantissime volte, ne siamo certi. Con l’articolo di oggi, però, vogliamo darvi un’ottima alternativa al classico gesto di prendere qualcosa che non vi occorre più e buttarlo. Di seguito, infatti, vi diremo come sia possibile riciclare questo tipo di biancheria, dando origine a qualcosa che vi tornerà ad essere utilissimo in casa. 

Chi ha dei bambini piccoli ci può dare ampiamente ragione: quanti bavaglini comprate e cambiate al giorno al vostro piccolo? Benissimo, sappiate che da questo momento in poi avrete la possibilità di “produrli” in casa e di non comprarli più. Tutto quello che vi occorre, infatti, sono degli asciugamani che non vi occorrono più e che sono pronti per essere cestinati. Una volta fatto questo, il gioco è fatto! Magari, se foste abili con ago e filo, potreste abbellire il vostro bavaglino homemade con decori, iniziali o personalizzazioni. Provateci e vi garantiamo che amici e parenti vi chiederanno di produrne qualcuno in più.

asciugamani riciclare
Come riciclare asciugamani – universomamma

Qualora un’idea del genere non dovesse pienamente soddisfarvi, potreste provare a fare tutt’altro. Ecco alcune e divertenti opzioni:

  1. Potreste renderli delle comodissime pochette. Anche se, in questo caso, dovreste avere a disposizione più asciugamani. E, soprattutto, dovreste essere abilissime con l’arte del cucito;
  2. Se tagliate a pezzi, li potete usare come strofinacci che asciugano pentole e stoviglie. O, addirittura, per togliere la polvere da sopra i mobili e lucidare il pavimento di casa;
  3. Infine, potreste piegarlo leggermente in due parti e ricavare delle tasche. Al loro interno, è consigliabile inserirvi dentifricio e spazzolino, ma anche spazzole, lamette o chissà quante altre cose.

Queste, quindi, sono solo alcune delle proposte che potete mettere in atto se avete qualche asciugamano di mettere da parte. Fate la vostra scelta e vi garantiamo che tutti vi chiederanno informazioni.

Cosa sono le mussole e a cosa servono

Se anche voi state preparando la valigia per il parto, magari inseriteci anche un paio di mussole. Parliamo di piccoli teli in cotone utilissimi nei primi mesi di vita del piccolo. E il motivo non è assolutamente scontato. Scopriamo insieme a cosa servono:

  1. Alcuni genitori le ritengono indispensabili per il bagnetto. Essendo una pratica molto delicata da fare, ci sono alcune mamme che preferiscono avvolgere il bebè in una mussola prima di immergerlo in acqua. In questo modo, la presa è sicuramente più sicura e forte;
  2. Si può asciugare il bambino dopo il bagnetto o dopo il cambio pannolino. Si tratta, come dicevamo, di un materiale piuttosto delicato, che non permette arrossamenti ed irritazioni;
  3. Può essere usata come una coperta. Sono tantissime, infatti, che preferiscono coprire in questo modo il piccolo mentre schiaccia un pisolino;
  4. Con questa si può avvolgere addirittura il piccolo e farlo calmare in un vero e proprio batter baleno.
mussole
Usi mussole bimbi – universomamma

Concludiamo l’articolo con un piccolo consiglio extra sulla modalità di lavaggio. Essendo un materiale delicato, è consigliato lavare le mussole a 30 gradi senza prendere assolutamente in considerazione l’ammorbidente. Infine, non provvedete a stirarle. In questo modo, non solo potreste rovinare il tessuto, ma gli permettereste di perdere completamente la sua morbidezza.