attentato manchester mamma
Messaggio in bottiglia

Attentato di Manchester, il messaggio commovente della mamma di una vittima arriva in Salento.

Tutti ricorderete l’attentato alla Manchester Arena durante il concerto di Ariana Grande nel maggio del 2017. In quel terribile fatto di sangue, provocato da un kamikaze, persero la vita 22 persone, molti di loro erano ragazzi e bambini, accorsi ad assistere allo spettacolo della loro musicista preferita.

La madre di una delle giovani vittime ha lanciato un messaggio che ha commosso tutti. Ecco di cosa si tratta.

Attentato di Manchester, il messaggio della mamma di una vittima

Quando un dolore è talmente forte da essere insostenibile un gesto forte per esorcizzarlo o anche soltanto esprimerlo e dargli una forma diventa indispensabile. Possiamo solo immaginare quanto possa essere distruttivo il dolore per la morte di un figlio, soprattutto se la perdita avviene per un motivo assurdo e odioso come un attentato terroristico.

È quello che è accaduto alla mamma di Sorrell Leczkowski, una ragazzina di 14 anni morta nell’attentato kamikaze alla Manchester Arena del 22 maggio 2017 al termine del concerto di Ariana Grande. Un evento che sconvolse l’opinione pubblica mondiale ancora di più di quanto accaduto in altri tragici attentati perché le vittime furono quasi tutti ragazzini e bambini.

Dopo la morte della figlia, la mamma di Sorrell ha scritto un messaggio e altri pensieri accompagnati da alcune foto della bambina e lo ha infilato in una bottiglia di vetro che è stata quindi sigillata e poi gettata in mare. Un modo struggente per dire addio alla figlia e lasciare un suo ricordo tra le onde.

A due anni di distanza la bottiglia è arrivata in Sud Italia, percorrendo migliaia di chilometri. Dalle coste del Regno Unito ha attraversato la Manica, è passata al largo delle coste francesi fino al Golfo di Biscaglia, poi lungo quelle spagnole e portoghesi e infine attraverso lo stretto di Gibilterra è arrivata nel Mediterraneo. Qui è stata trasportata dalle correnti fin sulle coste del Salento, in Puglia, dove è stata ritrovata sulla spiaggia di Torre Vado, nel Comune di Morciano di Leuca. Un viaggio davvero incredibile.

La bottiglia è stata scoperta tra gli scogli da un addetto alle pulizie. Era ancora sigillata, chiusa ermeticamente con un tappo e della cera, e all’interno sono stati trovati ricordi, preghiere e un messaggio per Sorrell. Parole toccanti da parte della mamma.

All’interno della bottiglia, riporta l’HuffPost che cita il Corriere della Sera, c’erano le foto di Sorrell e il messaggio struggente della mamma, insieme ad un braccialetto di gomma di colore viola con incisi dei cuori, il nome della ragazza e la sua data di nascita: 5 febbraio 2003.

Commoventi le parole della mamma della ragazzina: “Nell’attimo in cui sei morta il mio cuore si è spezzato a metà. Un lato è pieno di dolore, l’altro è morto con te. Mi sveglio spesso di notte quando il mondo è addormentato e cammino lungo il viale dei ricordi con le lacrime sulle guance. Ricordarsi di te è facile. Lo faccio ogni giorno, ma la tua mancanza è un dolore al cuore, che non se ne va mai via. Ti tengo stretta nel mio cuore e lì rimarrai, fino a quando arriverà il giorno gioioso che ci incontreremo di nuovo. Mamma“.

Sorrell Leczkowski era una studentessa e viveva ad Adel, sobborgo a nord di Leeds, in Inghilterra, insieme alla madre e alla nonna. La sera del 22 maggio 2017 con la madre e la nonna la 14enne era andata alla Manchester Arena a prendere la sorella più grande che aveva assistito al concerto di Ariana Grande. Nell’attentato la mamma e la nonna sono rimaste ferite, Sorrell ha perso la vita.

La bottiglia con il messaggio è stata consegnata subito sindaco di Morciano di Leuca, Lorenzo Ricchiuti, che insieme all’amministrazione comunale ha provato a rintracciare familiari di Sorrell. Una volta contattata la madre, il sindaco ha manifestato la sua solidarietà e l’ha invitata in Salento, dando la sua disponibilità a riconsegnare la bottiglia con il messaggio. La madre, come ha detto il sindaco intervistato dai Tg, ha ringraziato ma ha chiesto che la bottiglia con il messaggio venga conservata nel luogo dove è stata trovata.

Che dire unimamme, una storia che tocca il cuore e di fronte alla quale è impossibile non commuoversi.

Leggi anche –> “Lui ha mandato noi per proteggervi”: la sorpresa dal cielo del papà morto