avvocata iraniana condannata
fonte: Cbc

Un’avvocata iraniana, Nasrin Sotoudeh, è stata condannata a una pena molto dura per aver svolto il suo lavoro.

Dallo scorso giugno l’avvocatessa Nasrin Sotoudeh è rinchiusa nel carcere di Evin, in Iran, con una condanna di 5 anni (la condanna totale è di 38 anni) e 148 frustate.

Avvocata iraniana per i diritti umani condannata a una pena durissima

avvocata iraniana
Fonte: Amnesty International

L’accusa, denunciata da  Reza Khandan, il marito della famosa avvocata per i diritti umani rimasta nella Repubblica islamica, è di propaganda contro il sistema, incontri ai danni della sicurezza nazionale, partecipazione al movimento contro la pena di morte, incitamento alle donne a togliersi il velo e azioni immorali.

Nel 2011 Nasrin Sotoudeh era già stata arrestata e infatti nel suo studio ci sono numerose lettere di solidarietà spedite ai suoi bambini: Mehrave e Nima.

Nel 2012 per il suo impegno aveva ottenuto il premio Sakharo. Nel corso dell’ultima intervista concessa al Corriere, l’anno scorso, esprimeva  preoccupazione per i colleghi costretti a lunghe pene detentive.

Leggi anche >Giornata Internazionale dei diritti umani: l’Onu premia Malala Yousafzai

In passato aveva difeso minorenni nel braccio della morte, attivisti, curdi, di origine bahai, infine nel 2018 aveva difeso le ragazze di “via Rivoluzione” che si erano volte il velo sventolandolo come una bandiera.

“Il sistema giudiziario approva sentenze di durezza sorprendente contro queste donne ma non penso che potrà fermare così le proteste contro l’hijab obbligatorio: continueranno. L’unico modo in cui affrontarle è prestare attenzione”.

Amnesty International ha condannato la pena assegnata interpretandolo come il segnale che il regime vuole mettere a tacere la società civile e ha lanciato una petizione per liberarla.

“Il regime è in difficoltà: dal 2017 ci sono state proteste quasi quotidiane di gruppi diversi, lavoratori, insegnanti, le ragazze contro il velo… Per sopravvivere tenta la repressione più dura” ha dichiarato Mahmood Amiry-Moghaddam di Iran Human Rights.

Unimamme, cosa ne pensate di questa situazione. Firmerete la petizione?