Home Mamma & Co. Accade nel mondo Bimbo con la Sindrome di Down diventa il volto di un marchio...

Bimbo con la Sindrome di Down diventa il volto di un marchio famoso in tutto il mondo

CONDIVIDI

Per un bambino con la Sindrome di Down si apre un nuovo capitolo: diventerà famoso e aprirà la strada per una maggiore consapevolezza sulle persone con questa sindrome, che innanzitutto sono persone.

Un bambino con la Sindrome di Down è il volto della Gerber

Ogni anno il colosso di alimenti per l’infanzia Gerber indice un concorso per la scelta del bambino che sarà il simbolo del marchio e di tutti i prodotti. Oltre alla possibilità di apparire per un anno intero come volto immagine dell’azienda viene anche corrisposto un premio in denaro per chi viene eletto vincitore di questo concorso.

Quest’anno i bambini che hanno gareggiato sono stati più di 140mila e il vincitore assoluto è risultato essere Lucas Warren, un bambino di un anno residente a Dalton, in Georgia. Si tratta del primo bambino con sindrome di Down che diventa simbolo della Gerber e anche per questo la notizia sta facendo il giro del mondo.

Ogni anno scegliamo il bambino che meglio esemplifica il patrimonio storico di Gerber e la su peculiarità che è quella di riconoscere che ogni bambino è un bambino Gerber“, ha spiegato il Ceo dell’azienda Bill Partyka.

Quest’anno Lucas ha rappresentato la soluzione perfetta per tutto quello che stavamo cercando“.

La mamma di Lucas, Cortney Warren, ha detto a Today.com che ha deciso di iscrivere il figlio al concorso per gioco dopo che un parente le aveva mostrato una pubblicità della Gerber nella quale si parlava del contest. A quel punto la donna ha pubblicato una foto di Lucas su Instagram utilizzando l’hashtag del concorso e in seguito la famiglia ha ricevuto la notizia che Lucas aveva vinto.

Il bambino di un anno sarà presente nelle pubblicità sui social media di Gerber e riceverà 50mila dollari. La famiglia ha già annunciato che quei soldi saranno messi da parte e utilizzati per l’educazione scolastica del bambino.

Il papà del piccolo ha commentato così: “Speriamo che questo abbia un impatto su tutti, che getti un po’ di luce sulla comunità di chi ha dei bisogni speciali come mio figlio e aiuti più persone come lui ad essere accettate e non limitate. Hanno il potenziale per cambiare il mondo, proprio come tutti gli altri.”

Come non essere d’accordo con questo papà, unimamme? Che ne pensate?