bambini a scuolaUna classe intera si è vaccinata per consentire a una bambina malata di leucemia di frequentare le lezioni.

A una bambina di 9 anni che frequenta la 4° elementare a Faenza, nel ravennate, è stata diagnosticata una leucemia linfoblastica di tipo B.

Dallo scorso maggio la piccola ha affrontato chemioterapia e molto isolamento a causa delle forti dosi dei medicinali che abbattevano le difese immunitarie.

La piccina è riuscita a frequentare le lezioni e tenersi aggiornata grazie a un pc portatile. Così non ha perso troppe lezioni e si è tenuta in contatto coi compagni.

Bambina malata di leucemia può tornare a scuola grazie ai compagni vaccinati per l’influenza

Dal momento che non possiede difese immunitarie per tornare a scuola, ora che può, per lei sarebbe rischioso, soprattutto considerando che questi sono i mesi in cui circola l‘influenza.

L’unica soluzione affinché la bimba potesse tornare in classe era quella di vaccinare almeno metà classe contro l’antinfluenzale. La mamma ha chiesto l’aiuto degli altri genitori nella chat di classe. 18 bimbi su 26 hanno scelto di vaccinarsi con il vaccino offerto gratuitamente dalla regione.

Il Ministro dell’Istruzione Bussetti si complimentato con questi bambini per la loro iniziativa.

“Fiero dei bambini della scuola di Faenza che hanno deciso di vaccinarsi contro l’influenza per permettere a una loro compagna, in questo momento in ospedale per curare la leucemia, di tornare in classe con loro nelle prossime settimane senza correre rischi.

Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che hanno dimostrato, «hanno compiuto un gesto straordinario.

Di grande responsabilità e solidarietà. Dimostrando con i fatti che la scuola è una grande comunità: in classe non si va solo per studiare, si stringono relazioni, si impara ad avere rispetto e cura gli uni degli altri.

Questi studenti ci hanno dato un’importante lezione. Ci hanno ricordato che è a scuola che si diventa cittadini e che il contributo di ciascuno di noi è fondamentale per migliorare la vita di tutti“.

Anche il medico Roberto Burioni ha lodato l’iniziativa di questi bambini su Facebook. Ecco cosa ha scritto: “il paese non è fatto solo da incivili egoisti, anzi.”

Unimamme, cosa ne pensate di quanto accaduto e raccontato su Il Corriere?

Noi vi lasciamo con un’altra classe che si è vaccinata per un compagno malato.