Il tempo trascorso davanti allo schermo di un pc danneggia l’equilibrio dei ragazzi.

Uso di tablet e smartphone, ecc..: le conseguenze sui ragazzi

Victoria L. Dunckley è una psichiatra specializzata in bambini e adolescenti, autrice del libro: Reset Your Child’s Brain: A Four Week Plan to End Meltdowns, Raise Grades and Boost Social Skills by Reversing the Effects of Electronic Screen Time. (Resetta il cervello di tuo figlio: un piano di quattro settimane per far terminare le crisi, migliorare i voti e favorire le abilità sociali ribaltando gli effetti del tempo passato su schermi elettronici)

La specialista sostiene che gli strumenti elettronici influenzano il cervello dei bambini più di quanto immaginiamo.

Molti genitori pensano che il tempo che i figli trascorrono dietro le schermo di pc e tablet sia privo di rischi rispetto a quello trascorso passivamente davanti allo schermo della tv ma non è così.

Lo schermo interattivo è più incline a causare problemi:

  • di sonno
  • cognitivi
  • umore

Ecco quindi 6 segnali di meccanismi psicologici che spiegano la tendenza a produrre disturbi dell’umore.

1- Il tempo davanti allo schermo interrompe il sonno e desincronizza l’orario del corpo

La luce dello schermo degli apparecchi elettronici imita la luce del giorno, sopprime la melatonina, dall’oscurità proviene invece un segnale per dormire.

Qualche minuto davanti allo schermo può eliminare il rilascio di melatonina per diverse ore e desincronizzare l’orologio del corpo.

Una volta che l’orologio del corpo viene interrotto si verificano altre azioni malsane, lo squilibrio ormonale e infiammazione cerebrale.

L’alta eccitazione non permette un sonno profondo, ed è questo che consente di guarire.

2- Il tempo davanti allo schermo desensibilizza l’orologio del corpo

Molti bambini rimangono attaccati agli strumenti elettronici, giocare rilascia molta dopamina, osservando il loro cervello con un’ecografia il benessere derivato è simile a quello di una dose di cocaina. Ma quando le strade della ricompensa vengono abusate diventano meno sensibili, occorre una maggior stimolazione per sperimentare il piacere.

La dopamina, a sua volta, è fondamentale per il focus e la motivazione, anche cambiamenti minimi possono causare danni al benessere dei bambini e nelle loro funzioni.

3- Il tempo davanti allo schermo produce luce di notte

La luce di notte proveniente da strumenti elettronici è collegata a depressione e persino a rischio di suicidio in numerosi studi. Gli esperimenti sugli animali hanno dimostrato che l’esposizione notturna a questo tipo di luce causa depressione anche se gli animali non guardano lo schermo.

4- Il tempo davanti allo schermo induce reazioni allo stress

Lo stress acuto e quell cronico producono cambiamenti nella chimica del cervello e gli ormoni possono aumentare l’irritabilità. Il cortisolo, lo stress dell’ormone sembra essere la causa e l’effetto della depressione, creando un circolo vizioso.

L’iper eccitazione e la dipendenza sopprimono il lobo frontale del cervello, l’area dove si verifica la variazione dell’umore.

5- Il tempo davanti allo schermo sovraccarica il sistema sensoriale, frattura l’attenzione, svuota le riserve mentali

Gli esperti sostengono che, spesso, dietro a un comportamento esplosivo ed aggressivo c’è la mancanza di focus.

Quando l’attenzione soffre lo fa anche la capacità di processare l’ambiente interiore ed esteriore, quindi ogni piccolo sforzo diventa enorme.

Il tempo davanti allo schermo diminuisce energie mentali e cognitive. Un modo per sostenere le riserve è diventare aggressivi, quindi le crisi diventano un meccanismo per gestire la situazione.

6 – Il tempo davanti allo schermo riduce i livelli di attività fisica ed esposizione al “tempo verde”.

Le ricerche dimostano che il tempo all’esterno, l’interazione con la natura, può restaurare l’attenzione, abbassare lo stress, ridurre l’aggressività.

L’idea di restringere il tempo davanti a tablet, pc, videogiochi, smartphone può sembrare assurdo ai nostri giorni, ma i ragazzi sono in difficoltà e noi non facciamo loro nessun favore lasciandoli soli con strumenti tecnologici completamente accessibili, sperando che loro si moderino. Consentendo invece al sistema nervoso di tornare a uno stato più naturale possiamo fare il primo passo per rendere i bambini più calmi, forti e felici.

Unimamme, cosa ne pensate di questi consigli presentati su Love What Matters?

Nel frattempo vi lasciamo con un approfondimento su come i videogiochi modifichino il cervello dei ragazzi.