Jamel MylesIl terribile racconto della mamma di Jamel Myles, il bimbo di 9 anni morto suicida dopo aver detto ai suoi compagni di essere gay.

DENVER – La notizia della morte di Jamel Myles, bimbo di 9 anni che si è suicidato dopo aver detto ai suoi compagni di essere gay e aver subito atti di bullismo, ha sconvolto il mondo. Ma soprattutto ha sconvolto Leia Pierce, la sua mamma, che da giovedì scorso non si dà pace. E non – solo – perché ha perso il suo Jamel, ma perché è convinta di essere colpevole della sua morte.

Mi sento responsabile perché non ho visto il dolore negli occhi del mio bambino – ha raccontato la donna alla BBC – Avrei dovuto saperlo. È colpa mia, non lo sapevo”.

Il piccolo aveva confessato alla sua mamma di essere gay questa estate, e le aveva annunciato che appena fosse cominciata la scuola ne avrebbe parlato anche con i suoi compagni di classe: “Era stato orgoglioso di dire alle persone che era gay, quando era tornato a scuola”.

Il piccolo Jamel aveva uno scopo ben preciso: “Voleva fare un cambiamento nel mondo e mostrare alla gente l’amore”.

Entusiasta per come la sua famiglia aveva preso la notizia, il primo giorno di scuola Jamel si è messo in piedi su una sedia, davanti a tutta la sua classe, e ha dichiarato di essere gay. Peccato che i compagni non l’abbiano presa come sperava.

Dopo i primi 4 giorni di scuola, Jamel è tornato a casa comportandosi normalmente: giocava al computer, guardava la tv… Il quinto giorno, Jamel è tornato a casa e si è tolto la vita.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco a chi ha figli omosessuali: “Il silenzio non è un rimedio”

Sono abbastanza sicura che qualcuno abbia deciso di prendersela con lui” ha dichiarato la mamma, che solo ora ha scoperto che Jamel le aveva nascosto il suo disagio, ma in compenso si era aperto con la sorella maggiore: “Mio figlio è tornato a casa e le ha detto che i bambini a scuola gli stavano dicendo di uccidersi. Non è venuto da me e mi fa male perché avrei capito e l’avrei difeso. Erano così vicini, lui le avrebbe detto tutto”.
Aprendosi con i suoi compagni di scuola, Jamel voleva dare il suo contributo per un mondo migliore, in cui bambini e adulti si sentissero liberi di parlare apertamente delle proprie preferenze sessuali, senza vergognarsene. Mai.

E in fondo, Jamel ha raggiunto il suo scopo. “Lui non può parlare in questo momento, quindi sto usando le parole che ha detto affinché tutti le sentano – ha dichiarato la mamma – perché è un’anima gentile gentile ha lasciato questo mondo a causa di qualcosa di così crudele. E voglio che mio figlio sappia che ha fatto un cambiamento in meglio“.

E voi unimamme, che ne pensate di questa storia?