Home Servizi Utili Chiedi all'esperto Metodo Montessori: come fare un Cestino dei Tesori (VIDEO)

Metodo Montessori: come fare un Cestino dei Tesori (VIDEO)

CONDIVIDI

Cestino dei tesori

Ecco come realizzare il Cestino dei Tesori per intrattenere ma soprattutto stimolare i sensi del vostro bambino.

Il Cesto o Cestino dei Tesori è un gioco attribuito al Metodo Montessori che in realtà fu ideato dalla psicopedagogista britannica Elinor Goldschmied, anche se Maria Montessori lo adottò e lo rese parte del suo metodo.

Come costruire un Cesto dei Tesori Montessori

Il Cestino dei Tesori aiuta il bebè a sviluppare tatto, vista, gusto, olfatto, udito e movimento entrando in contatto con una serie di oggetti selezionati da mamma e papà. Lo si propone, di solito, a bimbi che sappiano stare seduti da soli e che comincino a usare le manine per toccare e maneggiare gli oggetti, indicativamente dai 6-8 mesi in su (ma in questa fase della vita ogni bambino è diverso, quindi non abbiate troppa fretta a proporlo prima del tempo). È un momento, questo, in cui i bambini sono spesso frustrati: la loro mente è già curiosa di esplorare il mondo che li circonda, ma il loro corpo “non collabora” perché, non può camminare o comunque raggiungere oggetti fuori portata. Lo possiamo notare perché tendono le manine in avanti, aprendole e chiudendole quasi a voler afferrare qualcosa, piangono o si lamentano, arrabbiati.

Un Cesto dei Tesori è un banale cesto in vimini (o in un materiale il più possibile naturale) abbastanza pesante da non ribaltarsi se il bambino vi si appoggia e possibilmente privo di manici. All’interno potete inserire vari oggetti (non – solo – giocattoli ma anche e soprattutto oggetti di uso quotidiano) che differiscano tra loro in peso, dimensioni, sapore, odore e sonorità. Possono essere oggetti in legno, metallo o sughero, oppure pietre, conchiglie, spugne naturali. Inserite anche vari tipi di carta e di stoffa (cotone, peluche, velo, ecc), soffici piume o profumate pigne. Evitate invece tutto ciò che è in plastica.

Ecco qualche esempio di oggetti da inserire nel Cestino dei tesori:

  • grossi ciottoli
  • un limone non trattato
  • castagne
  • grandi tappi di sughero
  • grosse noci
  • spazzolino da denti
  • pennello da barba
  • sonagli
  • cucchiaio
  • spatola
  • scatoline di latta con dentro riso o sassolini
  • mazzo di chiavi
  • specchietti con cornice
  • coperchi
  • sacchetti di stoffa con la lavanda
  • carta stagnola
  • frusta per le uova

Mentre gioca con il suo Cesto dei Tesori, il bambino dev’essere lasciato il più possibile in pace. Stategli accanto, limitandovi a osservare ma senza intervenire. Non spiegategli il nome degli oggetti, non mostrategli come maneggiarli, lasciate che li tocchi e se li metta in bocca. In fondo a voi piacerebbe essere continuamente interrotti da qualcuno mentre fate qualcosa che reputate molto interessante?

E voi Unimamme avete mai fatto un Cestino dei Tesori per il vostro bambino?


Universomamma è stato selezionato dal nuovo servizio di Google News, se vuoi essere sempre aggiornato dalle nostre notizie seguici qui: Universomamma.it