Bambine malate realizzano il sogno di diventare incredibili principesse – FOTO

Le bambine molto malate hanno il diritto a sognare di essere principesse e personaggi delle favole, la fotografa Heather Larkin lo rende possibile.

bambina principessaHeather Larkin è una fotografa che ha deciso di dedicare parte della sua professione e del suo tempo a ritrarre bambini affetti da cancro nei loro momenti più felici e innocenti, preservando un bellissimo ricordo per loro e le famiglie.

Larkin veste i bambine con fantastici costumi che le fanno somigliare a bellissime principesse o personaggi delle fiabe, ottenendo ottimi risultati.

Dopo la morte di 2 piccole per cancro al cervello e un problema di cuore la donna ha deciso di regalare ai genitori delle bimbe un bel servizio fotografico.

Così la donna ha creato il Sabina Hartley Burke and Ava Gibson Memorial Princess Session, ogni agosto, amici o famigliari nominano dei bambini che soffrono per malattie e disordini genetici, oppure hanno subito traumi o abusi affinché vincano una sessione fotografica, la stampa e un album dei ricordi donati da Larkin in ricordo delle sue piccole clienti decedute.

“Quando Sabrina è morta mi ha spezzato il cuore. Ho partecipato al suo funerale e ho inviato le foto (del servizio fotografico con lei protagonista) ai suoi genitori affinché potessero usarle durante il servizio funebre“.

Successivamente i genitori della bimba le hanno risposto: “non sai quanto hanno significato per noi queste immagini, è tutto quello che ci rimane di lei“.

“Per quanto fosse doloroso per me sicuramente era molto più doloroso per i genitori. Successivamente ho capito che era ancora più doloroso per le persone che attraversano tutto questo e non hanno niente come ricordo del tempo felice trascorso con i loro bambini”.

Ava Jane è una bambina di 3 anni che soffriva di un difetto congenito al cuore ed è deceduto poco dopo il suo ultimo compleanno. Anche lei ha partecipato al Memoria Princess sessions di Larkin.

“Mia figlia è morta inaspettatamente e all’improvviso poco dopo il servizio fotografico. Sono molto grata per tutte le foto che mi ricordano del suo sorriso contagioso e sguardo malizioso nei suoi occhi. Ho appeso una delle foto nella camera da letto, la guardo ogni giorno, prima di andare a dormire e come prima cosa quando mi sveglio”.

Ormai sono già 6 anni che Larkin organizza il contest e si commuove ogni volta che vi è una nuova nomination. Scegliere una vincitrice non è mai facile. La donna riceve molte storie toccanti e siccome non può esaudire tutti i desideri offre una sessione e la stampa delle immagini alle famiglie che si qualificano.

“Per quanto io sia sconvolta per quello che stanno attraversando queste bambine mi piace incontrarle tutte. Non ho ancora incontrato un singolo bambino che si lamenti al riguardo. Non si siedono mai e pensano “perché io? Sono grati per quello che hanno e amano il piccolo pezzo di vita che hanno. Possiedono la fede più grande, non so come possano avere un cuore così grande dopo il dolore che vi è stato caricato”.

A Martl Love, una ragazzina che ora ha 12 anni, è stato diagnosticato un tumore quando ne aveva 6, ha dovuto subire 14 interventi e trattamenti nel corso degli anni. Ora è su una sedia a rotelle e ha handicap visivi a causa del tumore. La sua mamma racconta che è la più premurosa, amorevole e gioiosa persona che conosca.

Questa bimba è stata una delle ultime vincitrici del contest.

Durante il servizio fotografico per me era come un regalo vedere mia figlia fare un po’ la stupida, divertirsi a volteggiare ed essere viziata. Ama abbigliarsi, mettersi il trucco, acconciarsi i capelli, quindi questo progetto è stato un dono incredibile per lei e non poteva esserci momento migliore”.

Larkin, su Today, garantisce che continuerà a viziare le bambine e a tenere aperto il concorso.

“Riguarda il farle sentire bellissime e amate. Non importa cosa stiano attraversando e chi siano. Riguarda far sapere loro che non importa cosa stia accadendo, sono amate e volute”.

Firma: Maria Sole Bosaia

1 di 8

Notizie Correlate

Commenta