Diventare mamma: consigli e dritte di una mamma esperta

Una mamma di tre piccoli dà qualche suggerimento a una sua amica che presto avrà un bambino.

Sarah e la figlia piccola dormono

Se siete già mamme e una delle vostre amiche rimane incinta per la prima volta, magari sarete state assillate anche voi dai dubbi circa eventuali consigli da fornire o esperienze da tramandare.

Dopotutto spesso si rischia di dire cose scontate o magari di esagerare in positivo oscurando le parti negative della maternità che pure esistono, o peggio il contrario.

La blogger Sarah, che ha già dei figli e che vorrebbe confortare un’amica, ha deciso di scriverle una lettera.

Alla mia amica per la prima volta incinta,

Ti ho pensato ultimamente – a tutte e due, in realtà – la più cara tra le mie amiche di lunga data, in procinto di diventare mamma per la prima volta . Ho mandato a una di voi una scatola di vecchi vestiti premaman, i pochi pezzi superstiti in buono stato dopo le mie tre gravidanze in cinque anni. All’altra ho mandato un paio di libri (come da tua richiesta) . Ogni giorno i miei pensieri vanno a voi due.

Con la mia di 3 mesi, sono parte del mondo in cui stai per entrare; ma la mia è la terza ed ultima bambina, che viaggia su un seggiolino per auto che ha tenuto il fratello e la sorella prima di lei, spinta in un passeggino che non solo non è più di moda ma probabilmente nemmeno più sul mercato . Ho esperienza , sì, ma sono anche lontana dalle tendenze della nuova maternità .

Ti voglio dire le cose giuste, offrire parole che significhino qualcosa e non siano solo luoghi comuni (anche se, come troverai , tanti luoghi comuni sono veri) . Voglio essere utile. Voglio rendere meraviglioso per te, questa cosa che sta per accadere . Voglio salvarti da alcune parti che non sono meravigliose , e dalla delusione che arriva quando ti rendi conto che alcuni di esse fanno schifo, a volte .

Questa mattina al tavolo della colazione ti ho pensato . I bambini grandi pappavano i cereali , Bryan e io ci passavamo la bambina avanti e indietro mentre ci facevamo il caffè e pensavamo alle nostre colazioni . Quando lei si è lamentata ho alzato la camicia e le ho offerto il suo pasto. Una chiusura veloce,  il familiare abbandono e poi dopo solo un minuto o poco più , ha fatto un sorriso, facendo uscire un pasticcio di gocce di latte e senza denti era come se volesse dire: “No, grazie , mamma . Sto bene per ora. “

E in quel momento mi sono vista come una nuova mamma e ho sentito il peso di tutte le cose che mi sono tornate in mente- Perché non ha fame ? Quanto tempo è passato da quando la ho allattata l’ultima volta? Se non finisce una poppata completa da un lato , non otterrà il secondo latte . E io potrei avere un ingorgo. Dovrei provare di nuovo , costringerla a poppare per gli i 12 minuti che ho deciso essere necessari per un allattamento al seno adeguato? E, se non è così, che parte devo offrire la prossima volta ? E sarà la prossima volta prima di 2.5-3 ore ?

Per un istante mi sono meravigliata della grande distanza tra la neo mamma che ero e quella che sono ora. Cinque anni fa sarei stata seduto sul divano in una  corretta postura per l’allattamento al seno , un cuscino di allattamento sul mio grembo e il telecomando al mio fianco , guardare l’orologio come se contenesse le risposte a tutte le mie domande sull’alimentazione; questa mattina mi sono seduta al tavolo della cucina circondata dal caos , bevendo caffè e mangiando cereali mentre allattavo questa terza e ultima bambina senza nessuna idea (o preoccupazione) circa l’ora.

E in quell’istante ero grata per entrambe le versioni di me (perche una mi ha permesso di diventare l’altra, ovviamente) . E ti ho pensato.

Non perchè avessi allattato a tavola durante la colazione con tutti, no? Per via del bellissimo modo in cui essere madre diventa più automatico con ogni bambino e ogni anno che passa . E questa è la parte che vorrei poterti trasmettere in un pacchetto – quella sensazione di sapere ciò che stai facendo, di pilota automatico, di sicurezza, di credere nel profondo del cuore che tu hai ciò di cui ha bisogno il tuo bambino .

Se sento questa sensazione sempre? Oh mio Dio , no . Mi trovo in acque inesplorate con la mia più piu’ grande e anche con suo fratello, che è un ragazzo completamente diverso (vai a capire) rispetto al suo predecessore . Ma in questa fase familiare di prima infanzia , io sono nel mio elemento . Ho tutte le prelibatezze delle risate e delle coccole senza le preoccupazioni, il chiedersi, il capire . Ottengo le ricompense senza cercare fortemente di ricordare tutte le regole .

Se potessi imbottigliare quella sensazione per te, lo farei. Ma non posso . La tua nuova esperienza di maternità ti attende , e non posso renderla più facile o migliore di quanto posso cambiare quella che ho vissuto. Tutte le sagge parole di tutti i libri del mondo non libereranno il tuo percorso dalle difficoltà, o non ti prepareranno per essere in grado di gestirle (e le gestirai – meglio e più abilmente di quanto si possa immaginare).

E così mi trattengo quando parliamo al telefono, a volte. Faccio domande, ascolto, e faccio auguri silenziosi per te. Ti auguro cose semplici , come un parto facile e un bambino sano . Ti auguro anche che le cose  accadano da sole a tempo debito , sia che le desidero che non (ma lo faccio comunque): come una buona notte di sonno, e nuove amicizie con altre mamme , e un paio di jeans che ti entrino di nuovo .

A meno che tu non chieda, io non do consigli . E se mi domandi, mi ritroverò a dire cose come: ” Beh, ci sono un sacco di modi diversi di pensarlo” o “Penso che ognuno è diverso , quindi dipende da ciò che si crede “, che mi rendo conto che è completamente frustrante quando tutto quello che vuoi sapere è La Risposta . E poi esprimo un altro desiderio silenzioso, che tu scopra il prima possibile che non c’è una risposta giusta .

Ti auguro che mentre leggi i libri e ascolti le infermiere e tua madre e tua suocera- i quali hanno sapienza, ma nessuno di loro ha la risposta – di leggere anche il tuo bambino e di ascoltare il tuo cuore . La combinazione di guardare verso l’esterno per le informazioni e verso l’interno per l’intuizione è magica , ho scoperto.

Ti auguro quando ti troverai aggrappata alle Regole – sull’alimentazione, o sugli orari del sonno , o sulle tappe dello sviluppo , o su Tutto Ciò Che Dobbiamo Imparare – di capire che tali regole hanno lo scopo di fornirti una  struttura, di educarti, di guidarti , e che il mondo non cadrà a pezzi se scegli di buttarle fuori dalla finestra .

Voglio che tu sappia che è OK scegliere le battaglie . E ‘ facile venire risucchiati dal credere che dobbiamo curare con passione tutto, dai pannolini alla disciplina , che ogni scelta diventa in qualche modo una dichiarazione su chi siamo come un genitore . Ma a volte, penso che trovare la tua strada sia più una serie di incidenti felici che un processo attentamente ponderato.

Il mio più grande desiderio , però , quello che viene prima di soffiare tutte le candele mentre hai un centesimo e un quadrifoglio fortunato alle 11:11 , è di trovare soddisfazione e dignità in questo lavoro da mamma. Non voglio dire che lo troverai divertente tutto il tempo , o che è la cosa migliore che ti sia mai successa. Intendo dire che in mezzo ai momenti veramente brutti quando il dubbio imperversa e la paura ringhia e le lacrime si riversano sui bordi di ogni cosa, tu possa sentire che quello che stai facendo valga, e che tu sei quella giusta per farlo, qui, adesso, per questo bambino.

 So che non è proprio un sentimento che si inserisce bene su un biglietto di auguri, ma è ciò che ho sentito. E anche se una parte di me vuole una bacchetta magica e portarti qui in questo dolce posto in cui mi trovo, cinque anni dopo, dove tre ragazzi si sentono autonomi – e la vita ha un po’ più di senso , non lo farò . Camminerò in questo percorso accanto a te come un’amica che è sufficientemente avanti per sapere che nessuno di noi ha tutte le risposte , e sarò qui quando tu chiamerai per dire “Odio questo ! ” e anche quando chiamerai per dire ” Lo amo ! “

Sarò più un’ancora di salvezza reale che una fatina buona. Perché, sai una cosa? Hai capito. Lo so .

Con amore ,

Sarah

 

Bellissima, e molto molto vera. Tra amiche, dopotutto ci si sostiene ed incoraggia, senza avere la pretese di detenere la verità assoluta.

E voi care unimamme cosa ne pensate? Anche voi avete avuto un’amica come Sarah?

Parlatene con noi se vi va.

 

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta