Il gioco che “trasforma” i bambini in barman e bevitori: è polemica (FOTO)

Un gioco marcato Fisher-Price è al centro delle polemiche sul web per via della sua poca etica.

happy hour playset

In questi giorni sta circolando sul web la confezione di un gioco Fisher-Price davvero curioso: si tratta di un mini bar per trasformare anche i bambini più piccoli in perfetti barman. Scusate, ma la Fisher-Price non faceva giocattoli educativi?

Confesso che anch’io mi sono imbattuta in questa confezione e sono rimasta alquanto perplessa: come è possibile che si vendano giocattoli simili? Insomma, va bene l’ironia, ma dopo i giocattoli intelligenti che ti spiano con i giochi per bambini bisogna andarci cauti…

Ovviamente anche molti genitori sul web si sono infuriati con l’azienda produttrice dicendo ogni sorta di insulti: “Ma come si fa a vendere un prodotto del genere?” è stata la domanda ricorrente e non aggiungiamo altro. Eppure siamo stati tutti presi in giro.

Fisher-Price e la bufala del giocattolo mini bar

Sì, perché in realtà il gioco che riproduce il mini bar per far diventare i nostri figli dei provetti servitori di drink non esiste. Si tratta di una trovata realizzata davvero molto bene con Photoshop: questo “genio del male” si chiama Adam Padilla,  co-fondatore di BrandFire, un’agenzia creativa, ed è stato proprio lui a ideare la scatola del presunto gioco e a postarla sui social.

Le reazioni sono state assolutamente incredibili” – ha dichiarato Padilla – “Molte persone hanno riconosciuto che si trattava di uno scherzo, e hanno pensato che fosse divertente. Molti miei amici hanno condiviso il “gioco” nella loro cerchia di amicizie social e hanno ricevuto commenti come “non dovresti comprarlo a tuo nipote!” Sembra che le persone abbiano bisogno di una bella risata, il che è divertente”. 

Non deve essere stato così divertente per Fisher-Price, che ha ribadito anche sulla propria pagina Facebook di non aver nulla a che fare con “Happy Hour Playset”: in ogni caso lo scherzo, anche se non siamo ancora a Carnevale, è riuscito perfettamente. Una cosa c’è da chiedersi: quanto la realtà sia ancora vera, visto che un fotomontaggio creato ad arte mette in discussione un’intera azienda.

E voi unimamme cosa ne pensate?

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta