Gengive sane: 10 semplici consigli per tutte le età (anche per i neonati)

Le gengive sono spesso trascurate.In pochi sanno infatti che queste sono cruciali non solo per la salute della bocca ma anche per quella di tutto il corpo. Ecco come averne cura.

gengive sane

L’ igiene dentale è una delle prime azioni che imparano i bambini nel prendersi cura di se stessi. Oltre a lavarsi i denti è necessario però insegnare loro anche a curare gengive e lingua, che pure necessitano di essere spazzolate. Le gengive ci sono ancor prima che nascano i primi dentini e bisogna occuparsene quindi sin dai primi giorni.

4 consigli speciali per le gengive nei neonati

Prima di passare ai consigli di pulizia e cura validi per tutti grandi e piccini, pensiamo alle gengive del neonato. Le gengive del neonato dovrebbero infatti:

  • essere pulite dopo ogni poppata, se questo non è possibile è bene pulirle quotidianamente
  • esser tenute lontano da sostanze zuccherate. Se usate il ciuccio evitate di “addolcirlo” con  zucchero e miele, questa non è  una buona cosa per l’igiene orale,
  • esser pulite con appositi ditali di gomma, altrimenti potete benissimo usare una garza inumidita,
  • essere pulite una volta a settimana con bicarbonato anziché dentifricio. Questo è un consiglio ottimo per tutta la vita!

Adulti e bambini: 10 consigli per mantenere le gengive sane ed evitare la paradontite

Se le gengive fanno male, sanguinano, sono gonfie affrontate subito la cosa. Il rischio è quello della parodontite, un’infiammazione dei tessuti parodontali che determina una perdita d’attacco dei denti rispetto all’alveolo con conseguente formazione di tasche parodontali, mobilità dentale, sanguinamento gengivale, ascessi e suppurazioni, fino alla perdita di uno o più denti. Costituisce la ragione principale per cui le persone perdono i denti, ed è una patologia subdola poiché i suoi sintomi e il dolore sono facilmente ignorabili.

Per evitare questo pericolo e per una buona salute delle gengive:

1. spazzolate ogni angolo dell abocca due volte al giorno con cura

2. a pranzo usate filo interdentale, scovolino o bastoncini di legno per completare la pulizia

3. non lasciate passare più di 12 ore senza una accurata pulizia

4. usate l’acqua con moderazione, i batteri infatti vi sguazzano dentro. I denti possono essere lavati anche a secco

5. quando finite di utilizzare lo spazzolino asciugatelo e magari passatelo nell’acqua ossigenata fin quando l’infiammazione non passa

6. non utilizzate i cappucci di plastica per “proteggere” lo spazzolino, fungono da serra per i batteri! Usate invece della carta.

7. un dentifricio al fluoro è consigliato, potete usarlo solo per l’ultima spazzolata

8. sappiate che ci sono alcune piante che aiutano a mantenere le gengive sane (da assumere sotto forma di gel ad es.) come:

  • aloe vera
  • tea tree (melaleuca)
  • liquirizia
  • mirtillo rosso americano

9. usate il sale marino per l’infiammazione: scioglietelo nell’ acqua calda e sciacquatevi la bocca tre volte al giorno, è un buon antinfiammatorio e aiuta anche a lenire il dolore.

10. infine, come sempre ricordato fare visita periodica da un professionista dell’igiene dentale

Care Unimamme, questi consigli riportati sul Corriere possono essere molto utili a mantenere una corretta igiene o curare delle piccole infiammazioni.

Ciò che resta sempre da raccomandare è una buona pazienza e costanza nell’igiene, sono questi infatti i due “ingredienti” che fanno la differenza. Voi avete mai avuto problemi di gengive, avete mai considerato quest’aspetto dell’igiene orale così importante?

 

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta