5 capacità straordinarie che i bambini di pochi mesi hanno e mancano ai grandi

I bambini di pochi mesi sono molto intelligenti, lo confermano diversi studi.

bambini intelligentiGeneralmente si pensa ai neonati come a degli esserini inermi che hanno davvero tutto da imparare, ma in realtà diversi studi dimostrano che le cose non stanno esattamente così e che, anzi, i piccini possiedono delle doti che i cosiddetti “grandi” nemmeno si immaginano.

I bambini sono intelligenti: 5 capacità che non tutti conoscono

Ecco che cosa hanno scoperto di recente gli scienziati:

1- a pochi giorni di vita i neonati possono distinguere il loro linguaggio natio da uno straniero

2- a 4-5 mesi  riescono a leggere le labbra, accoppiando i volti su un video muto con li suoni:  “e” e “ah”

3- i piccoli possono riconoscere le consonanti e le labiali di tutte le lingue del mondo, possono sentire la differenza tra il suono della lingua straniera che sfugge a tanti adulti

4- nei primi sei mesi riescono a distinguere le differenze tra due volti di scimmia che una persona adulta indicherebbe come identici, riescono inoltre ad associare i suoni delle varie scimmie ai loro volti

5- i bambini sono dei veri esperti riguardo al ritmo, sono in grado di cogliere le variazioni di ritmo da una cultura all’altra

Bambini e bilinguismo

Per quanto riguarda l’abilità dei bimbi di intuire se una persona sta parlando la loro lingua natia o meno, questa scompare entro gli 8 mesi a meno che i piccini non siano bilingui.

Per quanto riguarda il bilinguismo, uno studio ha considerato:

  • 36 bambini a cui sono stati mostrati video di 3 persone bilingui che parlavano inglese e francese
  • dopo aver preso confidenza con il fatto che le persone recitassero delle frasi in una lingua, i piccoli di 4-6 mesi hanno trascorso più tempo ad osservare l’oratore pronunciare frasi in una lingua diversa, dimostrando che riuscivano a capire la differenza

“In ogni studio i bambini risultano avere capacità straordinarie” dichiara uno degli scienziati che hanno seguito i piccini.

I ricercatori evidenziano anche che il linguaggio è un’esperienza multimediale. “I bambini individuano alcune lingue guardando solo il volto delle persone”.

Decisamente non è cosa da poco scoprire che i piccoli sono capaci di apprendere qualsiasi lingua del mondo, essere specialisti dei suoni, del significato e delle strutture del loro linguaggio natio nei primi anni di vita.

Quindi si può dire che i bambini sono intelligenti in quel campo specifico. Altre ricerche sottolineano che cominciano a capire la grammatica già a 15 mesi, associandola anche alla comprensione delle parole.

Unimamme noi vi lasciamo con uno studio su bambini bilingui fortunati o sfortunati.

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta