Un bambino “morto” è tornato in vita grazie all’abbraccio della mamma – (FOTO)

Salvato dall’abbraccio della madre. Ora la sua storia diventa un esempio per esprimere l’importanza del contatto pelle a pelle sin dai primi momenti di vita.

Può il contatto con il corpo della madre, il calore dell’amore di un genitore, aiutare un bambino appena nato a ritrovare la vita?

jamie4

L’abbraccio di una mamma vale una vita“, è stato realmente così per una coppia australiana. Kate è una mamma che alla ventisettesima settimana ha dato alla luce due gemelli: la piccola Emily e il piccolo Jamie. Sembrava che Jamie non potesse farcela e dopo due ore invece, ripreso dal potere dell’amore, il bambino prematuro considerato morto è tornato a vivere dopo che la madre pregò di poterlo coccolare per qualche momento ed ha chiesto anche al marito di farlo togliendosi la camicia per aiutarla.

Il contatto pelle a pelle: la storia di Jamie è un esempio per molti

Nelle braccia amorevoli di questa madre, il bambino ha cominciato a muoversi, e il suo respiro si faceva sempre più forte. Il personale ospedaliero si è precipitato in suo aiuto e così  Jamie è ritornato alla vita.
Sono passati cinque anni e Jamie Ogg oggi è un bambino sano e felice.

Dopo la nascita, il contatto pelle a pelle è riconosciuto essere il primo “benvenuto” delle madri, accoglie l’arrivo del proprio bambino nel mondo. Di certo dopo la loro esperienza diretta per Kate e David Ogg questo punto è estremamente rilevante, importante.

Il processo di nascita è un momento stressante e faticoso per il bambino, è consigliato che  le madri a tengano il loro bambino a contatto pelle-a-pelle per aiutarlo ad “adattarsi al loro nuovo ambiente“. Ci sono delle evidenze che suggeriscono che sia proprio così e che tale contatto produca diversi effetti:

  • il battito cardiaco e la respirazione del bambino saranno meglio controllati
  • i bambini tenuti in contatto pelle a pelle sono meno stressati dal processo di nascita.

L’ Unicef ​​afferma infatti:

“Sappiamo che i bambini che hanno vissuto subito il contatto della pelle sono molto meno stressati dopo l’esperienza della nascita – questo significa che il loro respiro e battito cardiaco sono più stabili, piangono di meno, e quando si cominciano a nutrire, digeriscono meglio il cibo. Il petto di una madre è molto più caldo rispetto ad altre parti del suo corpo – pronto ad accogliere il suo nato ed impedire il suo raffreddamento – che è un rischio significativo”.

Ma non solo…

Considerate che il bambino è stato bello e caldo in utero,  a circa 37 gradi, mentre la sala parto sarà significativamente più fresco, e lui è bagnato. In pratica sarebbe come uscire da una  piscina, è necessario quindi che sia messo al caldo e all’asciutto in fretta.

Questo è proprio ciò che è accaduto al piccolo Jamie, e questi sono i benefici del contatto pelle a pelle che questo piccolo di ormai 5 anni ha testimoniato al mondo.

“Smise di respirare e il suo battito cardiaco era quasi scomparso. Dopo 20 minuti hanno smesso di rianimarlo”

Kate, la mamma di Jamie racconta…:

L’ho visto boccheggiare, ma il medico ha detto che era inutile. Ho preso Jamie, ho chiesto a tutti di andarsene. Aveva freddo e volevo solo che fosse caldo”
“Avevamo cercato per anni di avere figli e mi sentivo così in colpa. Volevo solo coccolarlo. Ho chiesto a mio mio marito di togliersi la camicia e salire sul letto. So che può sembrare stupido, ma se stava ancora ansimando c’era ancora un segno di vita così io non avevo intenzione di rinunciare a lui facilmente. Stavamo cercando di invogliarlo a restare con noi. Gli abbiamo detto il suo nome e che aveva un gemello e quanto fosse stato difficile aver cercato di metterlo al mondo. Improvvisamente riprese fiato … poi aprì gli occhi. Respirava ed ha afferrato il dito di Dave.”

Jamie e Emily hanno ora cinque anni, e solo adesso i genitori hanno raccontato loro questa storia miracolosa.

Emily scoppiò in lacrime, era davvero sconvolta e continuava abbracciare Jamie“, ha raccontato Kate.
“Ora hanno un fratellino, Charlie che racconta: Quando sono nato ero grasso, i gemelli invece erano magri, Jamie era anche morto, ma ora è vivo.’ 🙂 “.

Dopo questa esperienza di vita, la famiglia Ogg ha creato ora una community online chiamata “Jamie’s gift” – “Il dono di Jamie”, per raccogliere regolarmente fondi per la Fondazione Miracle Babies , una organizzazione che sostiene i neonati prematuri e malati.

Care Unimamme, cosa pensate dell’immediato  contatto pelle a pelle con il proprio figlio. Qual è stata la vostra esperienza?

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta