“Mamma mi hai detto”: la commovente lettera di una figlia sulla maternità

La bellissima poesia di una mamma dedicata al suo essere madre: perché quando hai dei figli cambi totalmente.

Photo credit: Lewa Pertl of The Love Lab © 2015

Che cosa significa essere una mamma? Io me lo sono chiesto spesso dopo esserlo diventata. Sono giunta alla conclusione che per me essere una madre significa essere sufficientemente buona, per dirlo come Winnicott, uno studioso che tra i primi ha parlato del legame mamma bambino.

Quante volte le nostri madri ci hanno parlato di maternità? Tante, ma non ci hanno detto tutto. Ecco quindi che la lettera di una mamma, Rasha Rushdy, è una lettera che tutte noi avremmo potuto scrivere.

La commovente lettera sulla maternità che tutte le mamme potrebbero scrivere

Rasha, che è mamma di 2 figli e che tiene un blog “The Tuna Chronicles“, ha scritto sulla sua pagina Facebook, in occasione della festa della mamma, una lettera alla madre nella quale espone le cose che la madre non le ha detto sulla maternità ma che, divenuta a sua volta madre, ne comprende il motivo.

Eccola tradotta per voi:

Mamma, mi hai detto
Che la maternità sarebbe stata meravigliosa.
Ma mamma, non mi hai mai detto
Cosa mi avrebbe fatto.
Come avrebbe preso la donna che ero
La donna che credeva di sapere tutto
E voleva controllare tutto
E l’avrebbe fatta fuori
e le avrebbe insegnato
che aveva tante cose da imparare.

Mamma, mi hai detto
che ci sarebbero state notti insonni
Ma mamma, non mi hai mai detto
quanto sarei potuto essere stanca
Che  dormire sarebbe diventato un lusso e non qualcosa
a cui ho diritto;
Ma che non ci sarebbe stato niente di più dolce
Di sentire il suono
Del loro respiro costante mentre dormivano;
E che anche tutto quello che volevo
era chiudere i miei occhi
Per altri cinque minuti,
Piccole, soffici, paffute braccia
Intorno al mio collo,
Cantando canzoni,
raccontando storie
Ridacchiando e strillando,
Mi avrebbe fatto dimenticare quanto avevo bisogno di dormire.

Mamma, mi hai detto
Che ne sarei venuta fuori un giorno alla volta.
Ma mamma, non mi hai mai detto
Che la maternità si sarebbe presa la perfezionista che c’è in me
E l’avrebbe ridotta a qualcuno che
non ha altra scelta che accettare
Che a volte,
“abbastanza buono”
è abbastanza.

Mamma, mi hai detto
Che la maternità avrebbe cambiato il modo in cui penso
Ma mamma, non mi hai mai detto
Come la mia memoria di ferro avrebbe potuto essere ridotta in brandelli,
E che avrei dimenticato,
Sbagliato posto,
E confuso le cose;
Ma che avrei ricordato più chiaramente
il peso dei loro
piccoli corpi caldi
La prima volta che li ho tenuti in braccio.

Mamma, mi hai detto
Che la maternità mi avrebbe insegnato l’altruismo.
Ma mamma, non mi hai mai detto
Come, a volte, mi sarei sentita come se la mia indipendenza,
La mia libertà,
Il mio tempo,
Il senso di me stessa,
fossero portati via del tutto
E che mi sarei sentita in colpa a volte sperando di poter avere tutto indietro;
Ma che in realtà, è un privilegio essere necessari a qualcuno
Così profondamente
E che la maternità mi avrebbe regalato
Con così tanti momenti preziosi
da togliermi il fiato.

Mamma, mi hai detto
Che la maternità avrebbe cambiato le mie priorità.
Ma mamma, non mi hai detto delle preoccupazioni. Di quanto mi sarei preoccupata.
Sono felici? Sono in buona salute?
Stanno bene?
Io sono abbastanza?
Non sapevo che qualcun altro avrebbe
totalmente e completamente
Consumato ogni mio pensiero
E che tutto il resto sarebbe diventato
non importante,
Secondario,
fintanto che i miei figli fossero felici.

Mamma, mi hai detto
Che sarebbe stata una gioia vederli crescere.
Ma mamma, non mi hai mai detto
Quanto velocemente il tempo sarebbe passato;
Come le ore, i giorni, le settimane e i mesi
sarebbero fuggiti
dalle mie dita
Così in fretta
Che all’improvviso mi sarei ritrovata a guardare un ragazzo  invece di un bambino;
Un bambino invece di un neonato;
E implorare il tempo di essere un po ‘ più gentile e che mi aspettasse per recuperare.

Mamma, mi hai detto
Che la maternità avrebbe dovuto insegnarmi le cose.
Ma mamma, non mi hai mai detto
Come diventare una madre mi avrebbe messo alla prova
E spingermi
E farmi dubitare di me stessa
E portarmi a pensare che stavo facendo tutto sbagliato;
Ma che con ogni prova, ogni spinta, ogni momento
avrebbe potuto insegnarmi
Come essere migliore
Come si fa ad essere più forte
E che sarei stata in grado di farlo. 

Mamma, mi hai detto
che mi hai amato.
Ma mamma, non mi hai mai detto
quanto l’amore potesse correre così ferocemente nelle vene;
Come ogni altro tipo di amore
Che io abbia mai sentito
non è stato niente del genere.
Come sarebbe stato un amore che mi ha insegnato
a dare più di quanto avrei mai pensato di poter dare,
e, in qualche modo, a voler dare ancora di più quando penso che non ho più niente,
E ad essere grata per la più semplice delle gioie.”

La lettera è stata ripresa dalla pagina facebook Love What Matters ricevendo migliaia di mi piace e venendo condivisa più di 40 mila volte. E voi unimamme, vi ritrovate?

Per quello che mi riguarda, io cerco di fare del mio meglio, sbagliando, mostrandomi per come sono: è capitato che le mie figlie mi vedessero piangere quando non stavo bene, non mi sono mai nascosta.

Credo che essere madre sia farsi un po’ da parte – ogni giorno un pezzettino alla volta – pur rimanendo un porto sicuro. Se le mie figlie mi chiedono di fare delle cose da sole, incoraggio la loro indipendenza: è importante che sappiano che possono essere in grado di fare ciò che desiderano, se si applicano.

Ricordiamoci che i nostri bambini non sono noi: dobbiamo guidarli a diventare delle persone, ma non possiamo sostituirci a loro.

Intanto vi lasciamo con il post che riflette sulla domanda: i figli portano davvero la felicità? 

Firma: Valentina Colmi

Notizie Correlate

Commenta