Identikit del pedofilo: le sue caratteristiche tipiche ricostruite dalla scienza

Secondo uno studio si può creare un ritratto del pedofilo tipo: un uomo mancino con anomalie al volto e alla testa. Queste sarebbero il frutto di virus e dell’esposizione della mamma a droghe, ecc…

ritratto del pedofilo


 

In passato, per cercare di individuare le persone con tendenze criminali si era ricorsi alla fisiognomica, una disciplina che pretendeva di scoprire le caratteristiche psicologiche e morali di una persona, dai lineamenti del viso.

Ora, qualcosa di simile, è stato messo in pratica per i pedofili.

Ritratto del pedofilo tipo: secondo la scienza si può

Secondo un controverso studio infatti le caratteristiche di un pedofilo sono:

  1. mancino
  2. con orecchie irregolari
  3. cranio malformato
  4. palato pronunciato

Secondo i ricercatori dell’Università di Windsor la pedofilia sarebbe il risultato di “traumi” pre natali.

“Si stanno accumulando prove molto consistenti di uno sviluppo neurologico della pedofilia” dichiara Fiona Dyshniku, ricercatrice dell’Uniersità di Windsor in Canada se riusciremo a scoprire che la pedofilia ha una base biologica con uno sviluppo precoce, addirittura prenatale, questo potrebbe aiutare a migliorare i metodi di trattamento”.

scienziato


 

Oltre ad anomalie facciali, secondo i ricercatori, i pedofili hanno anche altre anomalie conosciute come: Minor Physical Anomalies. Questo sono:

  1. orecchie basse
  2. lingua rugosa
  3. un quinto dito curvo
  4. il terzo dito del piede più lungo del secondo
  5. uno spazio eccessivo tra il primo e il secondo dito

Queste caratteristiche si sviluppano tra il primo e il secondo trimestre, quando il piccolo è ancora nel grembo.

Secondo gli scienziati tutto questo dipenderebbe dall’esposizione delle mamme a:

  1. virus
  2. alcol
  3. droghe
  4. complicazioni ostetriche
  5. mancanze nutritive durante la gravidanza

Le anomalie inoltre si registrano maggiormente tra gli uomini, il che può voler dire che il cervello maschile è più suscettibile ad eventi distruttivi.

Per anni si è creduto la pedofilia potesse essere una sorta di comportamento acquisito, potenzialmente da chi è stato precedentemente sessualmente abusato, ma questa nuova ricerca sconfessa tutto quando.

I 140 partecipanti all’esperimento avevano mostrato tutti segnali di un comportamento sessuale deviato.

La valutazione è stata effettuata con:

  1. materiale forense
  2. file medici
  3. colloqui che tendevano all’oltraggio
  4. storia sessuale
  5. test di preferenza erotica
  6. determinate caratteristiche fisiche
  7. test per provare che i partecipanti fossero mancini o meno

I partecipanti allo studio avevano maggiori probabilità di avere anomalie facciali minori e anomalie della testa dei non pedofili.

Il dottor Cantor che ha analizzato il cervello dei pedofili spiega anche che la risposta del cervello di questi ultimi quando vedono un bambino è di natura sessuale, invece di una normale reazione da genitore.

Secondo i suoi studi inoltre i pedofili hanno un quoziente intellettivo di 10-15 punti più basso della  media e sono anche di 2,5 cm. più bassi della media.

Quest’ultimo dato dipenderebbe dal fatto che le madri fumavano durante la gravidanza.

Inoltre Cantor ha anche scoperto che il 30-35% dei pedofili sono mancini.

Unimamme, purtroppo sappiamo che la piaga della pedofilia, invece di diminuire, è in costante aumento, secondo voi questo studio potrebbe aiutare davvero a individuare i pedofili o potrebbe essere usato come una sorta di “giustificazione” per il loro comportamento?

Dite la vostra se vi va.

 

 

 

 

(Fonte: Daily Mail.co.uk)

Firma: Maria Sole Bosaia

Notizie Correlate

Commenta