Un ragazzo di 17 anni si suicida e scrive: “Colpa dei miei genitori e degli amici”

“La vita che avrei avuto non sarebbe stata degna di essere vissuta … perché sono transgender.” La lunga lettera del ragazzo che a 17 anni si è tolto la vita per mancanza d’amore e di comprensione.

I casi di cronaca ci portano sempre più spesso a parlare di ragazzini adolescenti e sessualità. Una sessualità che a volte non si manifesta nel classico schema definito “normale” dalla società ed è solo l’inizio di discriminazione, violenza, bullismo, persino abbandono proprio da parte degli stessi genitori.

Ha fatto discutere il caso di quei genitori che hanno abbandonano il loro figlio adottato per il quale “È gay, ci crea troppi problemi” è stato il motivo. La storia di Lelaah Alcorn ha un ancora più triste epilogo.

Ragazzo trangender accusa società e genitori del suo suicidio

Ragazzo transgender


Josh Alcorn, 17 anni, era nata con un corpo maschile ma si sentiva una femmina e avrebbe voluto cambiare sesso. Ma non ha potuto, perchè si è uccisa la scorsa settimana dopo aver pianificato la pubblicazione di un post su un social network, sul suo profilo Tumblr.

In tale post Josh (che come nome femminile aveva scelto Leelah), accusa i genitori di non averla accettata, che invece di ascoltarla e provare a comprenderla, scrive lei stessa nella sua lunga lettera di addio, le hanno inflitto dure punizioni rendendole la vita un inferno.

Si è suicidata lanciandosi in una strada trafficata dell’Ohio, negli Stati Uniti.

L’intera pagina in cui è stata pubblicata la lettera è stata rimossa. Noi vogliamo riportarvela e tradurla, perché il dolore di questa ragazza, la sua immensa delusione per non essere stato accettata dai suoi stessi genitori ed essere rimasta sola, senza amici, riteniamo non possano scomparire con quello stesso click che ha rimosso la sua pagina, il suo messaggio al mondo.

La lettera scritta da Lelaah prima di suicidarsi

Se stai leggendo questa lettera, vuol dire che mi sono suicidata e, ovviamente, che non vi è riuscito eliminare questo mio post.

Vi prego di non essere tristi. La vita che avrei avuto non sarebbe stata degna di essere vissuta … perché sono transgender. Potrei entrare nei dettagli e spiegare perché mi sento in quel modo, ma sarebbe troppo lungo. Per dirla semplicemente, mi sento come una ragazza intrappolata nel corpo di un ragazzo, e mi sono sentito così sin da quando avevo 4 anni. Non ho mai saputo se esisteva una parola per quella sensazione, non è stato possibile per un ragazzo diventare una ragazza, quindi non l’ho mai detto a nessuno e ho continuato a fare le cose di un ‘ragazzino’ per cercare di adattarmi.

Avevo 14 anni quando ho imparato cosa significasse transgender e pianto di felicità. Dopo 10 anni di confusione ho finalmente capito chi ero. L’ho detto subito a mia madre, e lei ha reagito molto negativamente, dicendomi che si trattava di una fase, che non sarei mai stato una ragazza, che Dio non fa errori, che ho torto. Se stai leggendo questo, e sei un genitore, ti prego di non dire questo ai tuoi figli. Anche se sei cristiano o sei contro le persone transgender non dirlo mai a nessuno, in particolare al tuo bambino. Questo li porterà ad odiare se stessi. Questo è esattamente ciò che ha fatto a me.

Mia madre mi ha iniziato a mandarmi  da un terapeuta, ma ha voluto che andassi soltanto da terapeuti cristiani (che non erano tutti molto imparziali) quindi non ho mai realmente avuto la terapia di cui avevo bisogno per curarmi dalla mia depressione. Ho solo avuto più cristiani che mi dicevano che ero egoista e sbagliato e che avrei dovuto guardare Dio per chiedere aiuto.

Quando avevo 16 anni mi sono reso conto che i miei genitori non mi sarebbero mai venuti incontro, e che avrei dovuto aspettare fino a quando avevo 18 prima di iniziare qualsiasi tipo di trattamento transizione, e questo mi ha assolutamente spezzato il cuore. Più si aspetta, più è difficile farlo. Mi sentivo senza speranza, che ero destinato a vedermi come un uomo travestito per il resto della mia vita. Per il mio 16 ° compleanno, quando non ho ricevuto il consenso dei miei genitori per iniziare la transizione, ho pianto fino ad addormentarmi.

Ho adottato una sorta di un atteggiamento “strafottente” verso i miei genitori mi sono dichiarato gay  a scuola, pensando che forse l’essere accettato come trans sarebbe stato meno uno shock. Anche se la reazione dei miei amici è stato positiva, i miei genitori si sono incazzati. Si sentivano come se stessi attaccando la loro immagine, ed è stato un imbarazzo per loro. Volevano che io fossi il loro perfetto bambino cristiano, e era così, ovviamente, visto ciò che volevo.

Così mi hanno portato fuori dalla scuola pubblica, mi hanno portato via il mio computer portatile ed il telefono, e mi hanno vietato di accedere a qualsiasi tipo di social media, mi hanno completamente isolato dai miei amici. Questa è stata probabilmente la parte della mia vita, in cui ero più depresso, e mi sono sorpreso di non essermi ucciso allora. Sono stato completamente solo per 5 mesi. Senza amici, nessun supporto, senza amore.  Solo la delusione dei miei genitori e la crudeltà della solitudine.

Alla fine dell’anno scolastico, i miei genitori finalmente mi sono venuti incontro, mi hanno dato il mio telefono e mi hanno lasciato di nuovo accedere ai social media. Ero emozionato, avevo finalmente riavuto i miei amici. Erano estremamente entusiasti di vedermi e parlarmi, ma solo in un primo momento. Alla fine mi sono sentito ancora più solo di  prima. Agli unici amici che  pensavo di avere, piacevo solo perché mi vedevano  cinque volte a settimana.

Dopo un’estate trascorsa senza avere quasi più amici, con più il peso di dover pensare all’università, a risparmiare i soldi per il trasferimento, a mantenere i miei voti, ad andare in chiesa ogni settimana e sentirmi come “una merda” perché tutti erano contro tutto ciò per cui vivo, ho deciso di averne avuto abbastanza. Non  sarò mai felice con il mio aspetto e con ciò che significa. Non avrò mai abbastanza amici. Non avrò mai abbastanza amore. Non troverò mai un uomo che mi ama. Non potrò mai essere felice. Non posso vivere il resto della mia vita nè come un uomo solo che vorrebbe essere una donnacome una donna sola che odia se stessa. Non c’è vittoria. Non c’è via d’uscita. Sono già abbastanza triste, non ho bisogno che la mia vita vada peggio. La gente dice ‘c’è di meglio’, ma questo non è vero nel mio caso. C’è di peggio. Ogni giorno ricevo peggio.

Questa è l’essenza tutto, ed è per questo che sento volermi uccidere. Scusate se non è una ragione sufficiente per voi, ma è abbastanza buona per me. Per quanto riguarda la mia volontà, voglio che il 100% delle cose che possiedo legalmente siano vendute e il denaro (più i miei soldi in banca) siano devoluti al  movimento per i diritti civili e gruppi di sostegno dei trans, non mi importa quale. Riposerò in pace solo se un giorno le persone transgender non saranno trattate nel modo in cui sono stato trattato io, siano trattati come gli esseri umani, con sentimenti validi e dei diritti umani. La sessualità deve essere insegnata nelle scuole, prima si fa e tanto meglio è. La mia morte deve significare qualcosa. La mia morte deve essere conteggiata tra il numero delle persone transgender che si suicidano quest’anno. Voglio che qualcuno guardi quel numero e dica ‘che è fottutamente pazzesco’ e cerchi di cambiare le cose. Cambiate la società. Ve ne prego.

Arrivederci,
(Leelah) Josh Alcorn

La famiglia Alcorn sembra non comprendere Josh/Leelah nemmeno dopo la morte. In una intervista alla Cnn, Carla Alcorn, la madre che appartiene a una corrente integralista cristiana, rivela di non aver cambiato idea: “La condizione di transgender è contraria ai nostri principi religiosi“, ha spiegato continuando a parlarne al maschile: “Gli dicevamo che comunque lo amavamo moltissimo. Gli volevamo bene a prescindere. Amavo mio figlio. Era un ragazzo buono e gentile“.

Il post di Leelah è stato letto decine di migliaia di volte. Tantissime persone ed anche personaggi celebri sono intervenuti sui social.

Le utlime statistiche riportano che oltre 1 terzo dei ragazzi transgender hanno tentato il suicidio.

Care Unimamme, e voi cosa pensate di questa storia? Pensiamo un attimo ai nostri figli, e andiamo con il cuore a Josh/Leelah…ora proviamo a rispondere: in che modo la società (e ognuno di noi) può contribuire ad evitare tutto questo dolore?

 

(Fonte: Dailymail)

Firma: Manuela Leone

Notizie Correlate

Commenta