Villaggio Sos di Roma offre un aiuto concreto alle famiglie con bambini ricoverati al Bambino Gesù

Tutti possono fare qualcosa per aiutare migliaia di famiglie a ricevere ospitalità gratuita per affiancare i loro piccoli ricoverati presso i reparti dell’Ospedale Pediatrico del Bambino Gesù, grazie a Villaggio Sos di Roma

vllaggio Sos

Torniamo a parlare dell’Ospedale del Bambino Gesù, di Roma, un’eccellenza nel campo pediatrico e dove arrivano bambini da ogni parte d’Italia e, spesso, anche dall’estero. Chiaramente i costi per i familiari a seguito dei bambini non residenti nell’Urbe sono davvero elevati.

A dare un grosso aiuto alle famiglie c’è ora il Villaggio Sos di Roma, una struttura in funzione dal 1986, che ospita le famiglie dei piccoli degenti, che, purtroppo, hanno bisogno di cure ed esami clinici.

Tanti dei bambini ricoverati presso il Bambino Gesù sono costretti a rimanervi per lunghi periodi per sottoporsi a lunghe cure e, molte volte, le famiglie si ritrovano in serie difficoltà economiche per poter rimanere di fianco ai piccoli pazienti.

Il presidente del Villaggio Sos di Roma, Pier Carlo Visconti dichiara “Spesso per le famiglie provenienti da fuori Roma si pone il problema dell’alloggio. Le strutture di accoglienza del Bambino Gesù hanno posti limitati, e le famiglie meno facoltose non hanno possibilità economiche per permettersi alberghi o altre sistemazioni. Inoltre, la lunga degenza, per affrontare una grave malattia, accresce il disagio percepito dal bambino che si ritrova catapultato in un letto d’ospedale con l’amara realtà che tutto quello che fino ad allora era il suo mondo passa in secondo piano”.

Continua poi Visconti, convinto che affrontare uniti con i propri bimbi l’intero periodo del ricovero possa essere un incentivo per il piccolo a ritrovare forza e speranza, dicendo “Abbiamo scelto di dare l’opportunità ai bambini di vivere in una casa accogliente, in cui i genitori possono creare relazioni solidali con altre persone che condividono le stesse esperienze. Offriamo anche un servizio di supporto psicologico che può essere di sostegno per affrontare un momento della vita particolarmente delicato e critico”.

Ma come si può chiedere ospitalità al Villaggio Sos?

È proprio attraverso il Servizio di accoglienza dello stesso ospedale che si può fare domanda di ospitalità. Le famiglie possono fermarsi per pochi giorni e anche, se necessario, per tutti i controlli medici periodici.

Per poter garantire questo servizio alle famiglie dei degenti, c’è bisogno di sostenitori, piccoli e grandi, ogni piccolo aiuto può rivelarsi utile. Il presidente Visconti, come riportato su “Vita“,dice “Il costo del servizio è interamente a carico del Villaggio Sos. Siamo alla continua ricerca di finanziatori che desiderino abbracciare questa grande scommessa, che mira alla vicinanza e stabilità di legami famigliari sereni per i bambini che sono chiamati ad affrontare un così delicato momento della loro vita”.

Tempo addietro vi avevamo parlato di un’altra associazione che offriva tale servizio utile e prezioso, la Peter Pan Onlus. Ben vengano queste iniziative a favore di famiglie in difficoltà con bambini da curare e da guarire!

E allora perché non creare una catena di solidarietà umana? Sono tante le catene che girano in rete molte delle quali senza alcun senso. Ricordiamo anche un euro può tornare utile.

Per sostenere il Villaggio SOS e il “Servizio Accoglienza Famiglie O.P.B.G.” è possibile fare una donazione bancaria sull’IBAN: IT 67 P 0521 6032 2900 0000 010989

Siamo mamme e le mamme sono capaci di slanci unici e inimmaginabili. Convenite con me unimamme?

 

Firma: Francesca Nicoletti

Notizie Correlate

Commenta