Mamma esausta si addormenta mentre il figlio gioca: la lettera da leggere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:10
0
11

La lettera a una mamma esausta è virale. L’ha scritta un’altra mamma presente in un’area giochi.

mamma sorridente in ludoteca

Un gesto gentile, un bell’atto di solidarietà tra mamme divenuto virale su Facebook. E’ la storia di una donna che esausta da notti in bianco e stanchezza si è addormentata nel bel mezzo di un aerea giochi al chiuso. Ebbene si. Si è appisolata su di una panchina lasciando incustodito il suo bambino.

Ad accorgersi di questa mamma bisognosa di ricaricare le pile è stata un’altra mamma di nome Tara Jean Stevens.

Quello che ha fatto Tara è estremamente stimolante per tutte le mamme e le donne a volte pronte ad additare e giudicare defaillance a simbolo di poca responsabilità nei confronti dei figli!

“Cara mamma esausta”: la lettera dedicata a tutte le mamme

Tara infatti

  • non ha chiamato la sicurezza,
  • non ha chiamato la polizia,
  • non ha neanche scattato una foto da pubblicare sui social,
  • né tantomeno ha svegliato la mamma

Tara è stata accanto al bambino, sorvegliandolo e permettendo a sua madre di prendersi quell’attimo di riposo di cui aveva estremamente bisogno.

La lettera a lei indirizzata, condivisa su Facebook , è divenuta subito virale:

Cara Madre Esausta che si è addormentato su una panchina al “Fun 4 Kidz” … ti ho trovato.

La tua bambina aveva sete, le ho dato la sua acqua.

Ha battuto la testa scendendo il grande scivolo viola, le ho dato un abbraccio.

E’ passata un’ora da quando ti sei addormentata, non non ti lascio fino a che non ti svegli…speriamo riposata e pronta ad affrontare il weekend con l’energia da guerriero di cui noi mamme abbiamo bisogno per fare i genitori con un sorriso sui nostri volti.

Mamma Tara Jean”

Bella non trovate? Perchè allora non proviamo ad uscire fuori, per strada e vedere il mondo attraverso il gesto di Tara Jean?

Pensate a quanta gentilezza e serenità si potrebbero regalare alla vita non semplice delle mamme e non solo. Ad esempio offrendo un fazzoletto di carta alla mamma di un bambino che tira su con il naso, o aiutando una mamma il cui figlio è appena corso fuori da un negozio e la mamma gli sta urlando di tornare dentro.

Alla fine siamo tutti parti di un villaggio, e tutti abbiamo prima o poi bisogno di aiuto.

E voi unimamme avete ma avuto un momento Tara Jean? Avete affrontato esperienze insolite mettendo in pratica questa solidarietà tra donne e mamme?? Raccontateci le vostre storie!