A 7 anni i nostri bimbi ne hanno già passato 1 davanti a tv e videogiochi!

bambino che gioca ai videogames

Quanto tempo trascorrono i nostri bimbi davanti alla televisione o a giocare con i videogiochi?

Quanto dovete impegare per convincerli a staccarsi da quel cartone animato o dal nuovo gioco che tanto li appassiona?

Possiamo tranquillamente dire che queste attività ai bambini piacciono moltissimo.

A questo proposito, come si legge su Informasalus, l’ ex ministro inglese per l’infanzia Tim Loughton  ha dichiarato che i bambini una volta arrivati all’età di 7 anni hanno già trascorso un anno della loro vita davanti a televisione e videogiochi.

Sconcertante vero?

Ma non finisce qui! L’ ex ministro ha aggiunto a questa dichiarazione il fatto che la grande quantità di ore passate a guardare la televisione o a giocare con i videogames produce nel cervello del bambino degli effetti che si possono assimilare a quelli che si ritrovano in coloro che hanno delle dipendenze da alcol oppure da cocaina.

Queste affermazioni si appoggiano sulla ricerca dello psicologo Aric Sigman che è partito dal fatto che ogni bambino ha accesso in casa  a una media di 5 schermi:

  • 2 televisioni in media in casa,
  • una console per i videogiochi,
  • lo smartphone
  • e il pc.

I bambini diventano dipendenti da questi oggetti e ne usufuriscono per una media di 6 ore al giorno e ciò comporta delle ricadute sul piano della loro salute che ne risente sul piano fisico e anche psicologico.

Si riscontra infatti l’emergere di:

  • obesità
  • disturbi di  apprendimento
  • depressione
  • colesterolo alto
  • ipertensione.

Sarà quindi forse il caso di provare a ripensare ad organizzare il tempo dei nostri bambini, un tempo in cui la parola intrattenimento coincida anche con le parole benessere e salute.

E voi? Come organizzate il tempo libero dei vostri bambini e soprattutto come riuscite a tenerli lontani dalla tanto amata televisione e dai videogiochi?

Ditecelo!

 

(Fonte: Informasalus.it)