Cibo take away e salute dei bambini: le conseguenze secondo la scienza

cibo take away

Unimamme, ci lamentiamo spesso del tipo di alimentazione dei bambini di oggi, un nuovo studio prova a indagare più a fondo questo problema.

Alimentazione dei bambini: uno studio

Secondo una recente ricerca inglese i bambini che mangiano in locali dove vi è cibo da portar via una volta la settimana tendono ad avere grasso extra e fattori di rischio a lungo termine per malattie cardiache.

Ecco come si è svolto lo studio:

  • sono stati considerati bambini di circa 9-10 anni
  • i bimbi che mangiavano cibo da asporto consumavano più calorie ma meno vitamine e minerali soprattutto se comparati ai bimbi che non mangiano mai cibo da portar via

 

“Il frequente consumo di cibo take away può potenzialmente aumentare il rischio di future malattie legate alle coronarie e diabete di tipo 2 incrementando il colesterolo e il grasso del corpo” dichiara Angela Donin, a capo della ricerca.

I punti vendita take away stanno aumentando e più di metà degli adolescenti ammettono di consumare cibo take away almeno 2 volte la settimana.

Negli adulti, consumare regolarmente cibo da asporto è associato con rischi più alti di:

  • obesità
  • malattie coronariche
  • diabete di tipo 2

purtroppo ancora poco si conosce circa il consumo da parte dei bambini.

Per giungere alle conclusioni gli scienziati hanno analizzato i dati del Child Heart and Health Study che cercava potenziali fattori di rischio per malattie del cuore e diabete nei pre adolescenti.

I partecipanti includevano:

  • 2000 bambini tra 9 e 10 anni

I bambini hanno risposto a domande circa la loro dieta, incluso quante volte mangiassero cibo da asporto o pasti dal ristorante.

  • 1/4 dei bambini ha risposto che loro non mangiano mai o quasi mai cibo da portar via
  • la metà dei piccoli ha risposto che mangiano cibo da asporto una volta la settimana
  • più di 1/4 ha risposto che consumano cibo da asporto almeno una volta per settimana

Chi consumava maggior cibo da asporto aveva una maggior percentuale di grasso e di consumo di calorie, mentre le vitamine e l’assunzione di amido erano più bassi, come la vitamina C, ferro, calcio e folati erano più bassi rispetto a bimbi che non mangiavano cibo da asporto.

Sono stati analizzati anche:

  • altezza
  • peso
  • circonferenza della vita
  • composizione del grasso
  • pressione del sangue
  • livelli di colesterolo

Non sono state rilevate diversità per quanto riguarda la pressione del sangue o nell’uso dell’insulina da parte del corpo, ma

  • il grasso sottocutaneo
  • composizione di grasso del sangue
  • il colesterolo

tendevano ad essere più alti in chi consumava regolarmente take away.

La dottoressa Sandra Arevalo aggiunge che il cibo di questo tipo ha bassi valori nutritivi, quindi basse vitamine, minerali, fibre e soprattutto proteine.

“Se mangiate in questo modo per un lungo periodo comincerete a vederne le conseguenze sulla salute.”

Unimamme, voi cosa ne pensate di questa ricerca di cui si parla sul BMJ Jounal?

Noi vi lasciamo con l’obesità infantile in aumento.