Smartphone pericolosi per i bambini: l’allarme degli azionisti Apple

Sappiamo che smartphone e tablet, insieme ai computer, possono essere pericolosi per i bambini e gli adolescenti, sia per la loro salute mentale per via delle lunghe ore di esposizione agli schermi che per le insidie a cui possono andare incontro navigando in rete. Qui ci occupiamo in particolare degli smartphone, il dispositivo elettronico più usato e facile da usare per via della sua disponibilità, per averlo sempre a portata di mano, ed estremamente intuitivo per i nativi digitali.

Ragazzi, ma anche bambini, trascorrono molto tempo con lo sguardo fisso sullo schermo del telefono super tecnologico, il proprio o quello dei propri genitori. Passano il tempo sulle chat e sui social, a scambiarsi messaggi e foto con i compagni, ma anche per tenersi aggiornati sulle notizie, la moda, il gossip e alla ricerca delle informazioni utili per i compiti di scuola. Insomma, con il telefonino ormai si fa di tutto, non è soltanto un passatempo. Ma quali sono gli effetti di lunghe ore di esposizione davanti allo schermo dello smartphone?

Ci siamo occupati in più occasioni di questo tema, ora se ne occupano e preoccupano perfino due dei più importanti azionisti della Apple, la società fondata da Steve Jobs, leader mondiale nel campo degli smartphone per il suo iPhone. Gli azionisti sono il fondo Jana Partners e il California State Teachers’ Retirement System, il fondo pensione degli insegnanti della California, sicuramente preoccupati per la salute dei bambini, ma anche per quella del loro portafogli. In caso di danni da uso di smartphone, infatti, potrebbero fioccare in futuro le cause di risarcimento contro l’azienda.

Smartphone pericolosi per bambini e ragazzi: l’avvertimento ad Apple

L’uso degli smartphone, dunque anche degli iPhone, può essere pericoloso per bambini e ragazzi, per questo motivo Apple deve impegnarsi per sviluppare nuovi strumenti che siano in grado di prevenire i rischi e le conseguenze negative dalla dipendenza da smartphone – e dagli altri dispositivi mobili. È l’allarme lanciato da due grandi azionisti dell’azienda americana, il fondo Jana Partners e il California State Teachers’ Retirement System, che nei giorni scorsi hanno inviato una lettera ad Apple invitandola a prendere provvedimenti.

I due azionisti hanno interpellato degli esperti per valutare i rischi e gli eventuali danni dall’uso eccessivo di smartphone, e nella loro lettera all’azienda citano gli studi sui rischi dall’uso e abuso di smartphone. Tra gli effetti più pericolosi dovuti all’abuso di smartphone, ci sono il rischio di depressione  e le tendenze suicide nei più giovani.

Secondo gli esperti interpellati dai due azionisti di Apple:

  •  il 75% degli studenti oggi è distratto in classe dalle tecnologie digitali,
  • i ragazzi con problemi emotivi per abuso di smartphone sono saliti all’86%.
  • Gli adolescenti americani che passano 3 ore al giorno sugli apparecchi elettronici hanno il 35% di possibilità in più di rischio di suicidio, rispetto a chi li usa meno di un’ora al giorno. La percentuale di rischio sale al 71% tra i ragazzi stanno 5 ore al giorno sugli smartphone.
  • Il 27% degli adolescenti che abusano degli smartphone rischia di ammalarsi di depressione.

Sulla base di questi dati, Jana Partners e California State Teachers’ Retirement System hanno chiesto ad Apple di intervenire, sviluppando nuovi strumenti rivolti ai genitori per limitare e controllare l’uso degli smartphone da parte dei loro figli.

Intervenire in questo caso è interesse stesso dell’azienda, non solo per intraprendere un’azione di responsabilità sociale, volta a tutelare bambini e ragazzi, che gioverà ad Apple anche in termini di immagine, ma anche e soprattutto per evitare pesanti esborsi futuri in risarcimenti e indennizzi che potranno essere richiesti dai genitori in caso di danni ai figli da uso di smartphone . Un tema quest’ultimo che le aziende americane tengono molto da conto.

Dunque essere responsabile è non solo è un dovere per una grande azienda come Apple, ma è anche conveniente a livello economico.

Nel frattempo, Apple deve fare i conti con l’inchiesta aperta in Francia sul caso degli iPhone rallentati per obsolescenza programmata.

I fondi Jana Partners e California State Teachers’ Retirement System con i loro 2 miliardi di azioni Apple rappresentano solo una minima parte del capitale azionario che è di 900 miliardi di dollari, ma sono molto influenti e la loro lettera all’azienda è stata pubblicata anche dal Wall Street Journal.

La risposta di Apple non si è fatta attendere, l’azienda di Cupertino ha subito replicato con una nota ufficiale che già dal 2008 offre un software mobile che dà ai genitori la possibilità di controllo sugli smartphone dei figli., con la possibilità di cancellare o installare app sul telefono dei figli, vietando loro l’accesso a certi siti internet.

“Prendiamo assai seriamente questa responsabilità, e siamo totalmente impegnati a soddisfare e venire incontro a ogni esigenza e aspettativa dei nostri clienti, specialmente quando riguarda proteggere i bambini»”, ha ribadito Apple.

Di questo argomento si è occupato il quotidiano La Stampa.

Che dite unimamme? Fate attenzione all’uso dello smartphone da parte dei vostri figli?

Vi ricordiamo il nostro articolo: Gli smartphones danneggiano seriamente la salute mentale dei ragazzi