Bambina di 6 anni con la Sindrome di Down testimonial di una pubblicità famosa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:08

bambina sindrome di down testimonial brand

Una bambina di 6 anni con la Sindrome di Down è stata scelta per una campagna pubblicitaria di una marca di vestiti, River Island, la cui campagna pubblicitaria “Le etichette sono per i vestiti” intende celebrale la diversità. 

Cora Bishop è una bambina tra i 6 che sono scelti per la campagna pubblicitaria di River Island. Quando è nata, mamma Sheryl era preoccupata di come le persone avrebbero potuto reagire e che tipo di futuro avrebbe potuto avere la sua prima bambina.

Bambina con Sindrome di Down testimonial preziosa 

Ma la piccola è stata appunto scelta per la campagna di River IslandLe etichette sono solo per i vestiti”. “Non posso spiegare quante persone sono fiere di lei e il fatto che lei abbia la fiducia di raggiungere qualsiasi obiettivo” ha detto  Sheryl al Mirror.

Cora, dal Galles, sta facendo il debutto nel mondo della moda dopo essere stata presa dall’agenzia Zebedee Management agency, che lavora con persone con disabilità.

Sheryl dice: “Lo scorso aprile abbiamo sentito di un’agenzia di Sheffield il cui obiettivo è quello di trovare lavoro nel mondo della moda alle persone con disabilità” . Così 10 ore di viaggio dopo e 10 minuti di provino, Cora è diventata la testimonial di River Island.

Sheryl dice che la carriera di sua figlia arriva dalla determinazione di mostrarle le possibilità che ci sono per lei: Volevamo mostrarle il lato positivo della Sindrome di Down e è stato molto importante per noi esplorare differenti vie per la carriera di Cora”.  E ha inoltre aggiunto: Ci siamo innamorati di lei istantaneamente e l’abbiamo accettata dall’inizio”.

Cora attualmente sta facendo degli altri provini per altre catene di abbigliamento.

E voi unimamme cosa ne pensate? Credete anche voi che la carriera nella moda possa essere un’attività giusta per accettare e vivere al meglio la diversità?

Intanto vi lasciamo con il post che parla di un bambino con la Sindrome di Down che diventa il volto di un famoso marchio.