Meteo Italia: maltempo e devastazioni al Centro-Sud. Ancora piogge. Scuole chiuse

maltempo al centro-sud
Maltempo (immagine di repertorio iStock)

Meteo Italia: maltempo e devastazioni al Centro-Sud. Le previsioni annunciano ancora piogge. Chiuse le scuole nelle zone più colpite.

Il Centro-Sud Italia è stato travolto dal maltempo nelle ultime ore, con violenti nubifragi e acquazzoni che hanno provocato allagamenti e smottamenti.

Nella giornata di domenica 21 ottobre Roma è stata investita da forti piogge che hanno causato diffusi allagamenti e poi da una incredibile, violenta grandinata che in serata ha ricoperto interamente le strade di bianco come fosse neve.

In ginocchio molte zone della Sicilia, soprattutto nella parte centro-orientale. Dopo gli allagamenti delle campagne con gravi danni all’agricoltura nei giorni scorsi in provincia di Catania, nelle ultime ore è stata duramente colpita la provincia di Enna, dove nella zona di Piazza Armerina il maltempo ha causato diffusi allagamenti e smottamenti, facendo crollare un muro e parte della casa di una famiglia che è stata salvata dai vigili del fuoco. Cinque famiglie sono state costrette a lasciare le proprie case e alcune auto sono state trascinate via dal fango. A Piazza Armerina le scuole sono state chiuse.

Danni e disagi si sono verificati in tutte le province dell’isola, con un violento temporale a Palermo e dintorni che ha causato la caduta di diversi alberi. Per alcune ore è stata sospesa la circolazione sulla linea ferroviaria Palermo-Messina, tra Cefalù e Campofelice, sempre a causa della caduta di un albero. Danni si sono avuti anche nel Siracusano con manto stradale rialzato e con l’apertura di voragini lungo la strada statale 10, che è stata chiusa. Piogge forti e allagamenti hanno colpito anche il Messinese. Rovesci anche in provincia di Trapani. La protezione civile è in stato di allerta gialla su tutta la Sicilia.

Tra domenica 21 e lunedì 22 ottobre il maltempo non ha risparmiato l’Abruzzo e la parte restante del Meridione. Su Pescara sono caduti 204 mm di pioggia, causando forti disagi alla circolazione stradale e dei mezzi pubblici e allagamenti estesi; il sindaco ha deciso di chiudere le scuole. Piogge forti sono cadute sulle province di Teramo e Chieti, con persone salvate dalle auto bloccate nei sottopassi invasi dall’acqua. Mentre in montagna è caduta abbondante la neve, raggiungendo i 50 cm a Prati di Tivo.

Disagi e allagamenti si sono verificati anche in Puglia, in particolare in Salento, dove sulla provincia meridionale di Lecce sono caduti oltre 100 mm di pioggia. Colpita dal maltempo anche la Campania, con una bomba d’acqua caduta sull’isola di Capri, anche qui con allagamenti. Forti piogge e allagamenti si sono verificati anche nella provincia di Benevento.

L’ondata di maltempo che ha investito il Centro-Sud dell’Italia, con un brusco calo delle temperature, è stata portata da un vortice freddo proveniente dai Balcani che insisterà ancora al Sud fino a mercoledì 24 ottobre. Continuerà a piovere su Abruzzo, Puglia, Campania, Basilicata e Calabria, con possibili rovesci e nevicate in quota sull’Appennino. Il vortice sta già portando raffiche di vento sul versante adriatico, con punte fino a 80 km orari.

Martedì 23 ottobre il vortice freddo si sposterà ancora verso Sud-est, con maltempo diffuso in particolare su Basilicata, Salento e Calabria centro-settentrionale. Miglioramenti durante la giornata su Basilicata e Puglia, mentre piogge e temporali si sposteranno sulla Calabria centro-meridionale e sulla Sicilia tirrenica e ionica. Migliorerà il tempo sul resto d’Italia, grazie all’anticiclone proveniente dall’Europa occidentale, con bel tempo soprattutto al Nord, anche se le temperature scenderanno.

Mercoledì 24 ottobre, l’anticiclone si rafforzerà sull’Italia con bel tempo e sole quasi ovunque. Eccetto qualche residua instabilità sulla Sicilia meridionale. Sulle Alpi, addensamenti nuvolosi si formeranno al confine con la Svizzera e l’Austria, con il passaggio di un fronte perturbato a Nord delle Alpi che potrà portare fenomeni sul Brennero con forti raffiche di vento e neve ad alta quota. Su tutto l’arco alpino sono attese forti raffiche di foehn, con una nuova forte variazione di temperature, questa volta in forte aumento, sulla Pianura Padana centro-occidentale, fon massime fino a 25° su Piemonte e Lombardia. Una elevata escursione termica in giornata. Sul resto delle regioni splenderà il sole, ma le temperature saranno più fresche.

Giovedì 25 ottobre, si attende bel tempo prevalente su tutte le regioni con cieli sereni. Solo qualche nube in transito in serata e qualche isolato fenomeno sulla Toscana. Temperature in calo al Nord, rialzo al Centro e stabili al Sud Italia.

Siete pronte ad affrontare queste variazioni del meteo, unimamme?

Di seguito la mappa interattiva: