La scuola esempio di architettura sostenibile: 12 mila pannelli solari

Credits: Facebook di CIS Copenhagen International School

La scuola danese che è ricoperta da 12mila pannelli solari, che raccoglie l’acqua piovana e che ricicla i rifiuti. Un esempio di architettura sostenibile.

In un periodo in cui, fortunatamente, si da molta importanza a cercare di salvare il nostro Pianeta non si può non parlare di una scuola della Danimarca che è stata costruita all’insegna dell’architettura sostenibile. Funziona grazie ai suoi 12000 pannelli solari che sono in grado di produrre 300 Megawattora di elettricità all’anno.

Oltre a funzionare con estrema efficienza energetica, non è stato trascurato il lato estetico. I pannelli fotovoltaici sono di un brillante colore verde, frutto di accurati studi portati avanti da alcuni ricercatori della Scuola Politecnica Federale di Losanna.

La scuola che funziona grazie ai suoi 12mila pannelli solari

Nel quartiere di Nordhavan, la zona portuale di Copenaghen in Danimarca si effettuato un progetto di riqualificazione ambientale e del territorio che ha preso il via nel 2008. Ospitava aziende, fabbriche ed era adibito al trasporto navale. Ad oggi ospita la “Scuola Internazionale di Copenaghen” che è stata anche ribattezzata con il nome di “Scuola a energia solare del futuro”. Un istituto ricoperto da 12mila pannelli solari, che coprono una superficie totale di 6048 mq e forniscono più della metà del fabbisogno annuale di energia elettrica dell’edificio. L’edificio è stato progettato da C.F. Moller Architects e si sviluppa su di una superficie totale di 25000 mq.

Credits: Facebook di CIS Copenhagen International School

La scuola si trova vicino al mare ed è costituita da quattro volumi a forma di torre che ospitano studenti di tutte le età. Sono circa 180 insegnati e 930 gli studenti iscritti che provengono da varie zone del mondo ed hanno un’età compresa tra i 3 ed i 19 anni.

Il colore verde mare dei pannelli solari ispirato alla celebre Sirenetta di Copenaghen, deriva da un particolare processo di interferenza della luce, chiamato effetto “iride“. È lo stesso effetto che possiamo osservare nelle bolle di sapone, in alcune conchiglie e nelle ali di alcuni insetti.

Credits: Colibrì Megazin

Per ottenere questo colore, i ricercatori hanno lavorate per 12 anni.  Hanno realizzato dei filtri sottili speciali che  sono in grado  determinare quali lunghezze d’onda della luce dovranno riflettersi come colore visibile, mentre il resto della luce viene assorbito dal pannello e convertito in energia.

Anche per l’interno dell’Istituto sono stati utilizzati materiali sostenibili

Gli interni della scuola sono stati realizzati con materiali naturali. Sono caldi ed accoglienti in quanto si sono utilizzati pavimenti di rovere oliato, divani rivestiti in lana e scaffali di bambù. L’illuminazione artificiale è a Led. Gli insegnati possono, autonomamente, gestire la temperatura e l’intensità del calore. La maggior parte delle aule sono spaziose, con soffitti alti e sono collocate negli angoli dell’edificio per ottimizzare al meglio la luce naturale.

Credits: Facebook di CIS Copenhagen International School

Sono aule moderne dotate di smartboard interattive ad alta risoluzione. La suddivisione della scuola in quattro unità facilita la comunità, l’identità e l’orientamento.

Inoltre, per i bambini sono state realizzate delle aule particolarmente grandi dove si possono svolgere diverse attività. Nelle vicinanze sono presenti spazi verdi e ambienti dedicati al teatro. Invece, per gli studenti più grandi sono stati realizzati diversi laboratori, con  delle aree studio per piccoli gruppi.

Nella Scuola Internazionale di Copenaghen, oltre ai 12000 pannelli solari che servono per produrre energia, sono state adottate diverse strategie sostenibili, come:

  • raccolta dell’acqua piovana;
  • riciclo del cibo in mangime per animali;
  • riciclo di carta e cartone.

La Scuola Internazionale di Copenaghen è solo uno tra i tanti edifici all’avanguardia che stanno sorgendo nei quartieri più moderni della città e in quelli oggetto di riqualificazione: un modello di funzionamento ormai collaudato che potrebbe ispirare le nuove costruzioni di tutti i paesi europei.

Leggi anche > Spunti per far riflettere i bambini sui problemi del pianeta – FOTO

Voi unimamme conoscevate questo particolare progetto? Cosa ne pensate?