“I giovani affrontano la realtà come se fosse virtuale”: la denuncia di Alberto Pellai sull’omicidio tra due ventenni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:46
fonte: iStock

Lo psicoterapeuta Alberto Pellai commenta un recente fatto di cronaca in cui un giovane ha ucciso un coetaneo e poi si è sfogato su Facebook.

Quest’estate Alberto Pastore, un ventitreenne, è stato accusato di aver ucciso un coetaneo durante una rissa avvenuta nel novarese.

Poco dopo aver commesso il delitto il giovane ha scritto un messaggio su Facebook in cui “motivava” il suo gesto. Poco dopo è stato arrestato.

Ragazzo confessa omicidio di un amico su Facebook

“Voglio scusarmi con tutti, ho fatto una cazzata per amore, ho scoperto troppe cose dal mio migliore amico, non potevo continuare in questo modo, sono stato preso in giro… Nella mia vita ho commesso troppi errori e il mio errore più grande è questo…Mi mancherete tu papà ti voglio solo dire che sei stato un padre fantastico, anche a te mamma che ti sei sempre preoccupata ultimamente Erika mi sei stata di grande aiuto… Voglio ringraziare con il cuore Valentina Cometti che mi e stata vicina sempre da quando ci conosciamo da bambini, voglio ringraziare mia zia Patrizia, mio nonno… E le persone che mi volevano bene e che sicuramente molti non mi riconosceranno più come prima… È stata colpa di Yoan Leonardi... Mi dispiace a tutti”.

Stando alle cronache Pastore e Leonardi erano molto amici, addirittura migliori amici.

Ecco il commento dello psicoterapeuta Alberto Pellai:

“Poco più che ventenni e migliori amici. Così almeno ci dicono le cronache. Uno dei due non riesce a riconquistare la ragazza con cui vorrebbe mettersi di nuovo insieme. L’ altro cerca di parlargli, di fargli capire che in amore nessuno ti può dire “sì”, solo perché tu lo pretendi. La discussione tra i due degenera. E fuori da un locale notturno, uno dei due tira fuori un pugnale e accoltella a morte l’altro. Uccide il suo migliore amico per un diverbio sull’ amore. Un gesto ingiustificabile che purtroppo ha come epilogo un post su facebook. L’assassino si confida con i suoi spettatori virtuali, quelli che verranno a sapere dai media ciò che ha fatto, e annuncia: L’ ho fatto per amore“.

LEGGI ANCHE > I BAMBINI NON RIESCONO A LASCIARE I VIDEOGIOCHI: IL LORO CERVELLO è IMMATURO

Ecco quali sono gli aspetti inquietanti:

 “Il fatto che una discussione tra amici si possa trasformare in tragedia. Il fatto che un poco più che ventenne, il sabato sera esca di casa portando un coltello in tasca, da usare al bisogno. Il fatto che dopo aver ucciso un amico, si senta il bisogno di confidarsi ad una platea virtuale attraverso un social, per dare senso a ciò che si è fatto. Un gesto talmente efferato da non avere alcun senso. Ma lasciar scritto in un social le proprie motivazioni oggi sembra più importante e prioritario che chiamare i soccorsi, disperarsi per la gravità del reato commesso, correre a costituirsi.”

Pellai ne approfitta per sottolineare il distacco dalla realtà delle nuove generazioni.

“In questa brutta vicenda del novarese troviamo tutta la fragilità di una generazione che ha più famigliarità con la virtualità che con il principio di realtà. Troviamo la vulnerabilità di chi non sa tollerare alcun genere di frustrazione, al punto da pensare che – se una mi lascia e se il mio miglior amico mi dice di chiuderla lì, perché se una storia è finita …. è finita – posso rimettere i pezzi a posto eliminando l’ ostacolo (ovvero l’ amico che mi produce frustrazione con le sue frasi mirate a contenermi) e sancendo il mio diritto all’amore attraverso un editto sui social. 
Anche in questo caso non possiamo non chiederci – come genitori e come esperti di età evolutiva – com’è possibile che giovani adulti che dovrebbero essere pronti e allenati alla vita, si muovano per l’ esistenza con lo stile e il copione del peggior film di serie B? 
E soprattutto che cosa rappresenta la virtualità oggi per chi sta crescendo, se dopo aver ucciso un amico, l’ assassino corre a rifugiarsi in un social, per dare spiegazioni, per definire il suo “movente”, forse anche per chiedere “comprensione” al mondo che lo dovrà giudicare e condannare per l’ orrore compiuto?”

Si tratta di problemi legati all’uso delle tecnologie moderne.

fonte: Facebook

“Io ho davvero l’ impressione che nei più vulnerabili, la vita online diventi un sostituto più potente e attraente della vita reale. Penso che alcune fragilità, nel web, trovino un terreno di coltura che invece di risistemare gli aspetti di debolezza e incompetenza, li esalta fino a farli diventare tratti dominanti. I social sono pieni di haters che dicono frasi tremende a chicchessia. Nei videogiochi si spara e si uccide per motivi più che futili. Molti genitori vengono in consultazione da noi specialisti dell’ età evolutiva sconcertati dal fatto che i loro figli – preadolescenti e giovani adolescenti -, per ore e ore della loro giornata, si piazzano davanti ad uno schermo, indossando una cuffia che li isola dal mondo reale, e stanno lì davanti a sparare, schiacciare tasti, imprecare contro nemici che non esistono, dicendo bestemmie e parolacce a tutto volume, come se vivessero in una bolla, i cui confini sono le cuffie che tengono sulle orecchie e lo schermo dove fanno succedere virtualmente il peggio possibile. Potrebbe essere che tolte quelle cuffie ed entrati nella realtà, questi stessi giovanissimi trattino i loro amici e le loro frustrazioni con le stesse modalità con cui agiscono dentro un videogioco?”.

Naturalmente possono esserci pareri diversi, ma Pellai ci tiene ad approfondire.

“L’ online non c’ entra nulla”, scriveranno. “i videogiochi non desensibilizzano a niente”. E come al solito, chi, come me, prova a far riflettere su questi temi, verrà tacciato di essere “antico”, “Vintage”, fuori dal tempo. 
Però fate attenzione all’epilogo di questa vicenda. Perché a meno di 24 ore dai fatti accaduti, la ragazza per cui si è consumato questo omicidio ha chiesto, tramite i suoi profili social, di essere lasciata in pace. Centinaia di persone la stavano aggredendo virtualmente, attribuendole la responsabilità di ciò che i due “amici” – o presunti tali – avevano vissuto per colpa del suo “rifiuto d’ amore”. Ovvero, di fronte ad un omicidio efferato e sconvolgente, c’ era già in azione un tribunale virtuale e mediatico, fatto di persone che avevano individuato il vero colpevole.

Infine l’amara conclusione.

Ditemi voi – adesso – se davvero la permanenza prolungata nel virtuale non sta distruggendo la nostra capacità di stare – e ragionare di conseguenza – nel principio di realtà, che rappresenta l’ unico elemento cui aderire per salvarci dalla follia. E da tutto ciò che da essa deriva. Come i fatti del novarese, purtroppo, ci hanno mostrato per l’ ennesima volta.

Unimamme, cosa ne pensate di questa vicenda e delle riflessioni di Pellai espresse su Famiglia Cristiana?