Neonata in pericolo di vita riceva aiuto dai militari

fonte: istock

Una neonata in pericolo di vita è stata trasferita con urgenza dall’ospedale di Tarmina con un volo dell’aeronautica militare.

Unimamme oggi vi parliamo di un caso particolare, quello di una bimba in pericolo che fa luce su un servizio d’emergenza di cui potreste non essere a conoscenza.

Domenica 8 settembre, una bimba, una neonata di pochi giorni, in imminente pericolo di vita, è stata trasportata dall’ospedale San Vincenzo di Taormina al Bambin Gesù di Roma con un trasporto molto particolare.

Una bambina è salva grazie a un volo speciale

A condurla con estrema urgenza nel nuovo ospedale è stato un Falcon 900 del 31° Stormo dell’aeronautica militare.

La piccina, che si trovava in una culla termica, era accompagnata dalla sua mamma e, naturalmente, da un team specializzato di medici.

L’ordine del decollo è arrivato dalla sala situazioni di vertice che ha quindi imbarcato la neonata, la madre e i medici  presso l’aeroporto Fontana Rossa di Catania atterando poi in uno di Roma alle 14.

LEGGI ANCHE > REGALANO LE FERIE A UN COLLEGA CON UN PADRE MOLTO MALATO

Da lì la bimba è stata portata via ambulanza nell’ospedale prescelto, dove ha ricevuto e continuerà a ricevere le cure necessarie.

Unimamme, forse non tutte sapete che l’aeronautica militare mette a disposizione mezzi ed equipaggiamenti che sono pronti a decollare in ogni istante e possono operare anche in condizioni meteo avverse per trasportare persone in condizioni di salute gravissime, ma anche organi e team medico per trapianti.

I velivoli interessati per questo tipo di servizio sono: il 31° Stormo di Ciampino, del 14° Stormo di Pratica di Mare e della 46  Brigata Aerea di Pisa. Per alcune esigenze particolari sono anche impiegati gli elicotteri del 15° Stormo di Cervia e dei Centri Combat SAR (Search and Rescue) dipendenti.

Unimamme, eravate al corrente di questo servizio, del modo in cui lo Stato ci protegge e assicura pronte cure?

Cosa ne pensate di quanto raccontato su Repubblica?

Noi speriamo che la bimba si riprenda.

Se accadrà sarà anche merito della nostra euronautica