Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO
Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO

Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO

Il tasso differente di letalità da COVID-19 tra l’Italia e la Germania spiegato grazie ad alcune considerazioni. Conta anche il rapporto nonni e nipoti.

letalità
Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO | Universomamma.it

Analizzando i dati dall’inizio della pandemia, la letalità da Covid 19 in Italia risulta più alta rispetto a tutti gli altri paesi coinvolti. Se poi il confronto viene fatto con i dati della Germania la differenza è abissale: essa è pari al 10,8% in Italia mentre in Germania è solo dello 0,7%. Cosa determina questa differenza tra i due tassi di letalità? Le cause sembrano essere molteplici come spiega molto bene Giorgio Sestili, fisico e comunicatore scientifico, nonché ideatore e coordinatore della pagina Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche, che rappresenta un’interessante fonte di informazioni e approfondimenti sull’epidemia in atto.

Letalità da Covid 19: le cause della differenza tra Italia e Germania

Di seguito le motivazioni ipotizzate da Sestili, tutte supportate da evidenze:

1- Il rapporto degli anziani con i giovani. La differenza di letalità non dipende infatti dall’età media della popolazione. In Italia essa è di 44,9 anni, in Germania di 45,7, quindi quasi identiche. Se andiamo a vedere l’età media dei contagiati invece esse sono diverse: in Italia, secondo i report dell’Istituto Superiore di Sanità, è di 62 anni e nello specifico:

  • il 35% chi ha più di settant’anni
  • il 37% chi ha un’età compresa tra i 51 e i 70 anni
  • il 25,4% chi ha tra i 19 e i 50 anni,
  • solo l’1,3% per chi ha meno di 18 anni.

In Germania invece, secondo i dati della Robert koch Institute, l’età media dei casi positivi è di 48 anni e di questi:

  • il 75,2% hanno un’età compresa tra i 15 e i 59 anni,
  • il 21,8% hanno più di 60 anni
  • il 2,7% sono minori di 15 anni.

Come mai allora in Italia si ammalano così tanti anziani di COVID-19? Un interessante spunto proviene da uno studio del 2008, intitolato “Social contacts and mixing patterns relevant to the spread of infectious disease“, che individua tra i fattori la frequenza di contatto tra gli over settanta e i più giovani. Rispetto ai tedeschi gli italiani over 65 hanno il doppio di possibilità di contatti giornalieri ravvicinati con la popolazione più giovane, quindi molto più esposti. Un fenomeno che si può intuire, probabilmente, anche per il fatto che in Italia i nonni sono molto presenti nella vita dei nipoti, e viceversa, per piacere ma anche per necessità.

 

letalità
Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO | Universomamma.it (Mossong et al., Social Contacts and Mixing Patterns Relevant to the Spread of Infectious Diseases, 2008)

2- Il contagio in ambito sanitario. Un’altra possibile motivazione risiede nel contagio che avviene in ambito sanitario: come spiegato anche dall’epidemiologo Carlo Signorelli al Corriere della Sera, una possibile via di trasmissione del virus risiederebbe negli impianti di condizionamento dell’aria negli ospedali, se non mantenuti in modo corretto, e gli anziani purtroppo sono le persone che probabilmente ci passano più tempo.

3- Il numero di tamponi. Un altro elemento oggetto dell’analisi è, come prevedibile, il numero dei tamponi fatti e quando. In Italia i tamponi effettuati sono stati:

  • 21.127 al 24 febbraio 2020, ossia dopo la prima settimana
  • 49.937 alla fine della seconda
  • 124.899 alla fine della terza

Dopo cinque settimane (alla data del 28 marzo) quindi risultano essere stati effettuati un totale 429.526 tamponi, con una media di circa 86.000 a settimana.

In Germania invece, secondo il capo del Robert Koch Institute, ne vengono fatti circa 160 mila a settimana. In realtà però dal report dello stesso instituto del 26 marzo i tamponi totali risultano essere 483.285, dei quali 476.076 effettuati tra l’11esima e la 12sima settimana del 2020. Quindi il numero di tamponi è cresciuto in maniera esponenziale nelle ultime due settimane.

Da ciò si deduce che fare preventivamente tamponi consente di

  • controllare meglio il contagio, individuando anche asintomatici e quelli con con pochi sintomi, abbassando così il denominatore del rapporto di letalità
  • ridurre la probabilità di decesso perché si può intervenire prima e curare tempestivamente.

4- Il numero dei posti disponibili in terapia intensiva. Secondo i dati in Italia abbiamo 12,5 posti letto ogni 100.000 abitanti, in Germania invece i posti letto sono 29,2 ogni 100 mila abitanti, più del doppio. A ciò si aggiunge il fatto che purtroppo il 60% dei morti in Italia sono cittadini della Lombardia, la regione che al momento ha il sistema sanitario in forte difficoltà, come denunciato più volte da medici e infermieri. Molte persone muoiono in casa, senza riuscire ad arrivare in ospedale e a molte non viene fatto il tampone, quindi non sono neanche certificati come decessi da coronavirus. Ciò significa che se la Lombardia non fosse stata aggredita così velocemente e inaspettatamente dal virus e se i posti letto fossero stati come quelli della Germania, il numero dei morti lombardi, e quindi italiani, sarebbe stato molto diverso.

letalità
Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO | Universomamma.it ( STATISTA)

5- Il numero reale dei contagi in Italia. Secondo molti esperti e studi, il numero dei casi reali può oscillare tra le 3 e le 10 volte di quelli conteggiati con i tamponi. Se si volesse considerare l’ipotesi più conservativa, e stimare il numero dei contagiati in 208 mila, come indicato dalla fondazione Gimbe, la percentuale del numero dei morti scenderebbe dal 10,8% al 4,8%. Se invece si prendesse per buono il numero dei casi ipotizzato da Borrelli, 600.000 casi positivi, tale valore scenderebbe all’1,7%.

6- La modalità di conteggio dei decessi. In Italia si segnalano tutti i morti portatori di Coronavirus, a prescindere dalle patologie pregresse. Lo ha spiegato anche Signorelli, al Corriere della Sera:Nella scheda di morte di una persona ci sono di solito tre voci: causa iniziale, causa intermedia e causa finale. Prendiamo il caso di un malato di tumore che muore con il coronavirus. La causa iniziale resta il cancro. Se non ci fosse stato quello, la persona non moriva. Ora, tra qualche tempo, quando sarà possibile distinguere i casi, sono sicuro che i morti che hanno avuto per causa iniziale, unica, coronavirus, vedrete che non saranno molti.” Forse, questo si ipotizza, in Germania ciò non avviene, e quindi si sta sottostimando il numero dei morti da Coronavirus e forse sovrastimando quello da altre patologie. A questo quesito si potrà però avere risposta solo tra un po’ di tempo, confrontando le cause dei decessi dell’anno corrente con quelle degli anni passati.

LEGGI ANCHE —> EMERGENZA CORONAVIRUS: SPESA E FARMACI A CASA PER GLI ANZIANI | VIDEO

E voi Unimamme cosa ne pensate di questi dati spiegati dettaglitamente sulla pagina facebook “Coronavirus-dati e analisi scientifiche”?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

letalità covid 19 italia
Rapporto nonni e nipoti: una delle cause della letalità da Covid 19 | FOTO – Universomamma.it