Le mamme “emettono fattura” allo Stato per il lavoro svolto durante il lockdown
Le mamme “emettono fattura” allo Stato per il lavoro svolto durante il lockdown

Le mamme “emettono fattura” allo Stato per il lavoro svolto durante il lockdown

Le mamme “emettono fattura” per il Coronavirus: accade in Germania, dove un gruppo di mamme e genitori hanno lanciato una campagna contro lo Stato.

mamme coronavirus fattura
Le mamme “emettono fattura” per il lavoro svolto durante il lockdown: accade in Germania – Universomamma.it

Con le scuole chiuse per il lockdown dovuto al Coronavirus  i genitori di figli piccoli soprattutto hanno dovuto “sostituirsi” agli insegnanti. Per questo motivo alcune mamme tedesche hanno deciso di chiedere un rimborso simbolico perché durante il lockdown “Lo Stato ha scaricato tutto su di noi” hanno detto . La campagna sui social.

Ad avere l’idea una mamma di 3 figli, architetto, Karin Hartman, residente in Sassonia, la quale, stanca di conciliare il suo lavoro, con quello di mamma-maestra e con quello di mamma-domestica, in accordo con altre mamme lavoratrici, ha deciso di fare una sorta di “class-action”. Queste mamme hanno infatti emesso una fattura simbolica al governo federale per il lavoro svolto dopo la chiusura delle scuole nonostante avessero pagato le tasse e per il lavovo a cui hanno dovuto rinunciare per seguire i figli.

LEGGI ANCHE —> CORONAVIRUS | LE CONSEGUENZE PER LE DONNE SONO PEGGIORI

“I conti dei genitori per il coronavirus”: la protesta sui social

In realtà, come spiega una famosa blogger tedesca, Patricia Cammarata, la campagna vuole essere un modo per far emergere e riconoscere il lavoro spesso invisibile di chi si prende cura della famiglia, ed in generale, delle persone, il lavoro del care-taker. Sempre di Cammarata colpisce il dettaglio della sua fattura: 22.296 euro per le attività formazione e assistenza per il periodo dal 17 marzo al 15 maggio, che incluse anche le spese forfettarie per utenze (luce, acqua e gas) e costi dei materiali. In realtà si parte dagli  8 mila euro.

LEGGI ANCHE —> “BASTAVA CHIEDERE”: IL CARICO MENTALE DELLE MAMME SPIEGATO AI PAPA’ | FOTO

All’emissione delle fatture è seguita una campagna nazionale sui social, alla quale hanno aderito in tanti con l’ashtag #CoronaElternRechnenAb, che significa appunto  “i conti dei genitori per il coronavirus”, dove si è raccontato il lavoro, non retribuito, che le mamme hanno avuto oltre a quello eventualmente svolto in smartworking. Ne è seguito un dibattito, a tratti anche molto acceso.  Non tutti infatti concordano con la protesta dei genitori: diverse sono anche le critiche verso questi genitori, accusati addirittura di non amare i figli.

Secondo le stime, come si legge su Euronews,  in media una mamma ha lavorato per circa 8 mila euro, un po’ come quando si era stimato il compenso ideale per il lavoro delle mamme.

LEGGI ANCHE —> SE FARE LA MAMMA FOSSE UN LAVORO DOVREBBE RICEVERE UNO STIPENDIO MINIMO: I CALCOLI

E voi unimamme cosa ne pensate di quanto sta accadendo in Germania?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

mamme coronavirus fattura
Le mamme “emettono fattura” per il lavoro svolto durante il lockdown: accade in Germania – Universomamma.it