Cosa cambia dal 3 giugno per gli spostamenti: le nuove regole

Il 3 giugno entreranno in vigore delle nuove regole che andranno a regolare gli spostamenti anche tra Regioni diverse. Ecco cosa succederà.

3 giugno spostamenti
Cosa cambia dal 3 giugno per gli spostamenti: le nuove regole – Universomamma.it

Il 3 giugno ci saranno dei cambiamenti per quanto riguarda la mobilità tra Regioni. Bisognerà fare sempre attenzione al rispetto delle norme di sicurezza sopratutto se ci si reca in quei territori che sono stati, purtroppo, i più colpiti dal virus. Novità anche per i viaggi da e per l’estero con l’abolizione della quarantena. Ecco cosa succederà tra pochi giorni.

LEGGI ANCHE —> RIAPERTURA DELLE SCUOLE: LE INDICAZIONI DEFINITIVE DEL MIUR

Il Governo ha dato il via libera ad un’altra Fase 2 sulla base dei dati che stanno arrivando sul monitoraggio dell’epidemia svolto dall’Istituto Superiore di Sanità.
La prima novità e che l’autocertificazione non sarà più obbligatoria. Non servirà più nemmeno se ci si vorrà spostare tra le Regioni, ma da Palazzo Chigi fanno sapere che “potranno comunque essere limitati gli spostamenti solo con provvedimenti statali (decreti del Presidente del Consiglio dei ministri o ordinanze del Ministro della salute), in relazione a specifiche aree del territorio nazionale, secondo principi di adeguatezza e proporzionalità al rischio epidemiologico effettivamente presente in dette aree”. Quindi per i territori che sono stati più colpiti, Piemonte e Lombardia, si dovranno rispettare scrupolosamente le norme di distanza di sicurezza in modo da contenere il contagio da coronavirus.

Le altre concessioni che entreranno in vigore dal 3 di giugno riguarderanno:

  • Viaggi all’estero: saranno consentiti gli spostamenti da e per: Stati membri dell’Unione europea; Stati che fanno parte dell’accordo di Schengen (gli Stati non Ue che aderiscono all’accordo sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera); Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del nord; Andorra, Principato di Monaco; Repubblica di San Marino e Stato della Città del Vaticano. Per chi ritorna nel nostro Paese non sarà più sottoposti a quarantena preventiva.
  • Viaggi in auto e moto: I viaggi in auto saranno consentiti con più di due persone se si fa parte dello stesso nucleo familiare o si convive. Altrimenti sarà consentita la presenza di sole due persone, entrambe con la mascherina: il guidatore e un solo passeggero sul sedile posteriore. Per chi viaggia in moto potrà portare solo una persona convivente o familiare.
  • Cinema e spettacoli all’aperto: per queste attività bisognerà aspettare ancora qualche giorno, forse il 15 giugno. Ci saranno delle norme di sicurezza da rispettare: un massimo di 200 spettatori al chiuso, mille all’aperto; mascherine obbligatorie per il pubblico e per gli operatori delle strutture. Inoltre, sarà necessario ricordarsi di mantenere sempre il distanziamento sociale e si dovrà incentivare l’acquisto dei biglietti online.

LEGGI ANCHE —> “LE MASCHERINE LIMITANO LA TRASMISSIONE DEL VIRUS”: UNO STUDIO LO CONFERMA | FOTO

  • Discoteche: ancora non si sa quando apriranno, ma alcune Regioni si stanno muovendo in maniera autonoma.
  • Ristoranti e bar: ci sarà l’obbligo di consumare l’ordinazione ai tavoli entro una certa ora, sempre per evitare assebramenti.
  • Centri estivi: il 15 giugno potranno ripartire i centri estivi per i minori seguendo i protocolli di sicurezza.
  • Mascherine: si dovranno sempre indossare nei luoghi pubblici o in luoghi chiusi (supermercati, parrucchieri, aereo o treno). All’aperto in alcune regioni si potrà non indossare, ma solo se si rispetteranno le misure di distanziamento sociale e non ci sono assembramenti.
  • Baci ed abbracci: le regole per i contatti fisici rimarranno sempre le stesse con l’obbligo del distanziamento sociale ad almeno un metro. Anche tra parenti non conviventi, soprattutto anziani, è raccomandato il rispetto della distanza di sicurezza.
  • Quarantena obbligatoria per chi ha una temperatura corporea uguale o maggiore di 37,5 gradi deve restare a casa.
  • Gli assembramenti saranno vietati su tutto il territorio. Le raccomandazioni valgono anche per gli eventi a casa: si sconsiglia quindi di organizzare feste o cene con un numero di partecipanti che non possa garantire la distanza interpersonale di almeno 1 metro che resta sempre valida (e sale a due metri in caso di attività fisica).

LEGGI ANCHE —> DAL 15 GIUGNO APRONO I CENTRI ESTIVI: LE REGOLE PER I BAMBINI | VIDEO

Voi unimamme eravate a conoscenza di queste nuove norme? Per voi cambierà qualcosa dal 3 di giugno?

Per restare sempre aggiornato su notizie, storie, richiami e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili Facebook e Instagram o su GoogleNews.

3 giugno spostamenti
Cosa cambia dal 3 giugno per gli spostamenti: le nuove regole – Universomamma.it