“Sono nati per la seconda volta”: gemelli siamesi finalmente separati | FOTO
“Sono nati per la seconda volta”: gemelli siamesi finalmente separati | FOTO

“Sono nati per la seconda volta”: gemelli siamesi finalmente separati | FOTO

Due bambini di origine turca, Yigit and Derman Evrensel, sono stati separati grazie a un’operazione nel Regno Unito e ora stanno bene.
gemelli siamesi
Sono nati per la seconda volta gemelli siamesi finalmente separati FOTO Universomamma.it
Yigit and Derman Evrensel sono due bambini turchi nati uniti dalla testa che ora, a distanza di 2 anni, possono celebrare la loro “rinascita” circondati dalla famiglia. All’inizio di quest’anno i piccoli sono stati separati da un team di chirurghi britannici.

Due fratelli siamesi sono stati separati: la loro storia

I piccoli sono nati nel 2018 ad Antalya, in Turchia. I genitori hanno chiesto aiuto ai medici londinesi per aiutarli, così i bambini sono stati sottoposti a diverse operazioni presso il Great Ormond Street Hospital di Londra che sono culminate in quella fondamentale di separazione il 28 gennaio scorso. Yigit and Derman Evrensel erano uniti mediante la testa. Omer, il loro papà, ha dichiarato: “ quando li ho visti separati sono scoppiato a piangere, era il mio sogno”. La loro mamma Fatma ha aggiunto: “non potevo lasciarli per un secondo, non potevo abbracciarli o coccolarli”. Lei aveva saputo che i suoi figli avrebbero avuto gravi problemi, ma non aveva voluto abortire.

Sono nati per la seconda volta gemelli siamesi finalmente separati FOTO Universomamma.it
Finalmente la famiglia ha avuto l’ok. per tornare in Turchia e ne sono tutti felici. “Ora possono giocare, fare quello che vogliono, come i loro coetanei, ricominceranno a vivere, è come se fossero rinati” ha dichiarato il padre. Niente di tutto questo però sarebbe stato possibile senza la generosità di persone estranee. Ad aiutarli sono stati il presidente turco Erdogan, sua moglie e diversi donatori, sia in Turchia che nel Regno Unito. Omer ha detto che i figli non hanno problemi, riescono a bere e a mangiare. Fatma invece è al colmo della gioia nel vederli muovere ed essere indipendenti, prima, quando gattonavano incappavano l’uno nell’altro. Fatma ha saputo che i suoi gemellini erano siamesi al quinto mese di gravidanza. Mi avevano detto di abortire, che non sarebbero sopravvissuti, ma ho detto che non spettava a me decidere, che mi sarei occupata di loro. Solo 1 coppia di gemelli congiunti su 200 mila nasce viva.
Tutti i bambini siamesi congiunti sono identici e dello stesso sesso. Il 70% è femmina e molti nascono morti. I piccoli congiunti per la testa, per un lato o la parte alta, sono ancora più rari. Solo il 2% dei casi. I gemelli craniopagi condividono una parte del cranio, ma i loro cervelli solitamente sono separati. Lasciarli uniti comporta molte difficoltà per la loro vita, ma anche separarli potrebbe risultare fatale. In molti casi non è possibile, ma in questo sì. Omer ha ricordato che ad un certo punto i medici gli hanno detto che uno dei bambini non sarebbe sopravvissuto e che l’altro sarebbe rimasto paralizzato. “Siamo felici di essere tornati nel nostro Paese, i nostri bambini stanno bene, grazie a Dio” ha detto Omer appena sbarcato dall’aereo . I gemelli invece arriveranno il 21 giugno. Unimamme, cosa ne pensate di questa storia raccontata su The Stir?

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

Sono nati per la seconda volta gemelli siamesi finalmente separati FOTO Universomamma.it