Un bambino di 3 anni si è gravemente ustionato in un incidente domestico

Un bambino di 3 anni è rimasto ustionato in modo molto grave in un incidente domestico a Lanciano, in provincia di Chieti.

bambino ustionato
Un bambino di 3 anni si è gravemente ustionato in un incidente domestico Universomamma.it

Unimamme, oggi dobbiamo condividere con voi la vicenda di un bambino di 3 anni che si è ustionato gravemente mentre era  in casa. Noi ne parliamo per mettervi in guardia circa gli incidenti domestici che possono accadere in casa e che riguardano i bambini, sapere come intervenire può prevenire o rendere meno drammatico l’esito di un incidente.

LEGGI ANCHE >  11 COSE PERICOLOSE PER I BAMBINI TUTTE RACCHIUSE IN UNA STANZA – VIDEO

Bambino vittima di un incidente domestico: ecco cosa è successo

Ieri, martedì 23 giugno, in un appartamento di Lanciano, in provincia di Chieti, è accaduto un grave incidente domestico che ha coinvolto un bambino di 3 anni. Il piccolo stava giocando vicino ai fornelli accesi con una bottiglia di alcol e, all’improvviso, una fiammata ne avremmo avvolto il corpo. In quel momento, insieme a lui nell’appartamento, vi erano i fratelli maggiori e altri amichetti per giocare. La sorella di 14 anni ha tentato di spegnere le fiamme con degli stracci rimanendo anch’ella ustionata, anche se non in modo grave come il fratellino. I genitori, di origine romena, erano assenti. Le grida di dolore del piccolo hanno allertato i vicini che sono intervenuti.

LEGGI ANCHE > GLI ERRORI DI PRIMO SOCCORSO DA NON FARE MAI

Sono stati loro ad aiutare i bambini a spegnere le fiamme e poi ad accompagnarli in ospedale. I due fratelli sono stati inizialmente trasportati al pronto soccorso di Lanciano, successivamente però, accertate le gravi condizioni del piccolo quest’ultimo è stato ricoverato al Gemelli di Roma. Il piccino ha ustioni su tutto il corpo, dal primo al terzo grado, ora la sua mamma è con lui. La sorella, che come avevamo detto è meno grave, ha infatti ustioni su mani e arti, è stata trasportata al Santo Spirito di Pescara. Ora su quanto accaduto indaga la polizia di Lanciano, insieme ai colleghi della squadra mobile di Chieti. Si sta verificando anche l’assenza dei genitori che, come riportato su Il Messaggero, non erano presenti. Questa storia, seppur drammatica, ci aiuta a fare il punto su cosa fare se ci si trovasse in una situazione simile. Per esempio se in casa scoppia un incendio non utilizzate estintori a schiuma se l’incedio è causato da friggitrici o pentoloni usati per friggere. Se a prendere fuoco è una padella copritela con un coperchio e, assolutamente, non usate l’acqua che invece peggiorerebbe le cose. La scelta migliore, in caso di incendio in cucina o di cose elettroniche è una coperta antifiamma. Un rimedio più a portata di mano è il bicarbonato, oppure il sale. L’ospedale pediatrico Bambin Gesù dà qualche consiglio su come prevenire le ustioni dei bambini o come trattarle. Innanzitutto bisogna:

  • tenere fuori dalla portate dei piccoli: accendini, fiammiferi, agenti chimici e candele
  • posizionare i contenitori e le pentole d’acqua sui fuochi più distanti. Quando versate cose bollenti non tenete in braccio i piccoli
  • tenete d’occhio i piccoli mentre bevete bevande bollenti
  • date ai bambini un cucchiaio solo se la pappa non è più calda
  • le prese di corrente devono avere il salvapresa
  • fumate fuori casa

Le ustioni possono essere di primo, secondo e terzo grado, in quest’ultimo le ustioni danneggiano il tessuto sottocutaneo e spesso anche muscoli e tessuti profondi. Nel caso dell’ustione di secondo grado la pelle è molto rossa e dolente. I genitori possono intervenire immediatamente togliendo gli indumenti del piccolo dalla zona ustionata. I prodotti di Aloe, gel o creme sono utili per le ustioni di primo grado. Sedare il dolore con un farmaco già usato: Tachipirina, Ibuprofene, Acetaminofene. Se l’area è piccola bisogna coprirla con una garza e tenerla pulita. Se le ustioni sono superiori al primo grado bisogna portare il bimbo al pronto soccorso, nell’attesa il piccolo va sdraiato o seduto con la parte ustionata elevata e, se possibile, coperta da garze sterili. In ogni caso i genitori devono evitare di farsi prendere dal panico. Unimamme, vi sono utili queste indicazioni?

LEGGI ANCHE > PADELLA CON OLIO| COSA FARE IN CASO DI INCENDIO: IL VIDEO DEI VIGILI DEL FUOCO

 

Per restare sempre aggiornato su notizie, ricerche e tanto altro continua a seguirci sui nostri profili FACEBOOK INSTAGRAM o su GOOGLENEWS.

bambino ustionato
Un bambino di 3 anni si è gravemente ustionato in un incidente domestico Universomamma.it