Dieta vegana, obesità e inappetenza minano la salute dei bambini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30
0
109

Dieta vegana, obesità o inappetenza possono causare malnutrizione nei bambini e compromettere la loro salute e la crescita

dieta vegana obesità e malnutrizione
immagine da unsplash

I pediatri concordano sull’importanza di una sana e corretta alimentazione per lo sviluppo e la crescita dei bambini

Dieta vegana, obesità e inappetenza possono essere forme di malnutrizione

dieta vegana obesità
immagine da unsplash

I bambini sono diversi e diverso è il loro rapporto con il cibo. I nostri figli sviluppano presto il loro gusto personale e hanno anche la capacità di autoregolarsi con il cibo rispetto alla quantità e alla qualità.

LEGGI ANCHE: DIETA VEGANA IN GRAVIDANZA: PAURA PER I DANNI NEUROLOGICI AL FETO

I genitori però devono stare attenti a portare in tavola cibi sani e nutrienti e, laddove ci fossero dei problemi, a stimolare il bambino nel modo giusto e fare in modo che crei un rapporto sano con il cibo.

Diversi studi sono stati condotti sulle diete vegane della mamma in gravidanza e allattamento e dei bambini molto piccoli. I pediatri della Sipps, insieme ad altri esperti del settore, hanno redatto un position paper al riguardo.

Ne è risultato che le diete vegane sbagliate, ovvero senza supervisione medica e nutrizionale, sono carenti di importantissimi nutrienti come la vitamina B12 che aiuta lo sviluppo del sistema nervoso centrale dei bambini, ma anche di ferro, calcio, zinco e altre vitamine che concorrono alla crescita e allo sviluppo del bambino fin dalla pancia della mamma.

La dieta vegana prevede l’eliminazione dei cibi di origine animale che, se non integrata adeguatamente con alimenti vegetali con lo stesso apporto nutritivo, rischia di creare deficit nutrizionali importanti. Inoltre, le diete vegane prevedono un consumo eccessivo di fibre, derivanti soprattutto dalla frutta e dalla verdura, che possono ridurre l’assorbimento di vitamine e nutrienti.

LEGGI ANCHE: MANGIARE SENZA FAME È GENETICO E PUÒ PORTARE ALL’OBESITÀ NEI BAMBINI

L’obesità invece è un problema sanitario ma anche sociale, legato soprattutto al consumismo dei paesi industrializzati. Le cause dell’obesità infantile sono diverse: disturbi psicologici e dell’alimentazione, scarse risorse economiche che portano ad una alimentazione di scarsa qualità e non sana, ma anche vita sedentaria e troppo benessere. I pediatri lanciano continuamente allarmi su questo problema e sulla sua portata sanitaria: i bambini obesi infatti vanno incontro a malattie quali diabete, ipertensione e cardiopatie sia in età pediatrica che in quella adulta.

Infine un’altra causa di malnutrizione è l’inappetenza. Anche se questa condizione secondo molti pediatri è fisiologica in alcune fasi d crescita del bambino, può diventare comunque un problema e compromettere la crescita del bambino.

Se un bambino rifiuta di mangiare alcuni cibi in alcuni periodi della sua vita è normale e non c’è molto da preoccuparsi, se invece la sua alimentazione è scarsa e non di buona qualità e il pediatra riscontra un rallentamento di crescita che compromette il suo benessere, allora vanno ricercate le cause del problema, che possono essere meccaniche, ovvero problemi di deglutizione, mediche, ovvero infezioni, aftosi, reflusso, oppure psicologiche quando il bambino utilizza il cibo come arma di ricatto o come mezzo per ricevere attenzione.

LEGGI ANCHE: INSEGNARE A MANGIARE SANO | LE REGOLE D’ORO PER L’ALIMENTAZIONE DEI BIMBI

Quindi tutti questi problemi dell’alimentazione alimentazione sono facce della stessa medaglia e i genitori devono, in accordo con il pediatra, cercare di indirizzare i propri figli ad un sano rapporto con il cibo, senza forzature o ansie ma cercando di fornirgli una alimentazione quanto più varia e sana possibile, seguendo le linee guida dei pediatri sulle quantità e sui nutrienti.

dieta vegana obesità e altri tipi di malnutrizione
immagine da unsplash

E voi unimamme siete state alle prese con questi problemi di malnutrizione?

Per restare sempre aggiornato su notizie, richiami e tanto altro continua a seguirci su GoogleNews.